Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
8 ore
Falsa partenza: anziani respinti al supermercato
Alcuni over 65 hanno tentato "l'assalto" già questa mattina, dopo l'annuncio del governo. «Ritornate il 14 aprile»
CANTONE
9 ore
In 2'500 in una piazza virtuale a sentire Davide Van De Sfroos
Riascoltatevelo su PiazzaTicino.ch
GAMBAROGNO
10 ore
La nuova Cinque Fonti non cambia idea
Il nuovo Consiglio di Fondazione segue il vecchio e respinge la richiesta di reintegro del direttore
CANTONE/URI
11 ore
In viaggio verso il Ticino: nessuno fa dietrofront
Gli appelli degli scorsi giorni avrebbero però portato a una netta diminuzione del traffico lungo l'A2
SVIZZERA
11 ore
Congedo paternità: «Il referendum non si può invalidare»
Il Tribunale federale non è entrato in materia sul ricorso. Deluso il Partito socialista neocastellano
AVEGNO-GORDEVIO
13 ore
Rimossi gli striscioni di Dadò: «Grave censura»
I messaggi mettevano in guardia i turisti sui rischi del nuovo coronavirus: «Popolo ticinese preso in giro».
VIDEO
CANTONE
13 ore
Merlani positivo al Covid-19
In questo momento il medico cantonale si trova in isolamento al proprio domicilio e continua l'attività professionale
GRONO (GR)
13 ore
Venerdì di passione sulle strade del Moesano
Ad ambo i portali del San Bernardino si registrano controlli. Grigliate vietate.
CANTONE
14 ore
Sei mozioni socialiste per contrastare il virus
Oltre all'emergenza sanitaria ed economica, la pandemia manda in crisi anche la socialità.
VIDEO
LUGANO
15 ore
Covid-19, il video della 29enne intubata
Mariella Montano torna a casa dopo la degenza, con tanto di cure intense, alla Moncucco. E lancia un nuovo appello.
CANTONE
15 ore
Anche l'EOC ricorre al lavoro ridotto
La richiesta riguarda 400 collaboratori
LUGANO 
05.12.2019 - 06:090
Aggiornamento : 10:19

«Il Natale in città brilla dentro una Lugano spenta»

L’entrata in scena dell'imprenditore Artioli ha acceso luminarie… e qualche polemica. Boris Bignasca fa un confronto con l’epoca di suo padre: «Allora i progetti erano il Cardiocentro e l'Usi»

LUGANO - È probabilmente il solo ticinese che non perde mai un derby, Stefano Artioli, gold sponsor con la sua Artisa delle squadre di Hcl e Hcap. Il diavolo e l’acqua santa. Ma l’hockey è meno scivoloso della società civile. Un terreno su cui l’imprenditore edile-immobiliare è apparso negli ultimi mesi sempre più intraprendente. Dal suo libro “Meno trenta”, una sorta di sferzata al torpore di Lugano negli ultimi 30 anni, «l’intento non è creare divisioni ma unire» ha però precisato l’autore. All’acquisto di un simbolo finanziario (l’ex Banca nazionale, mica bruscolini) per andarci a vivere, all’iniezione di centinaia di migliaia di franchi per aiutare la Città ad accendere un Natale più luccicoso. 

Lugano nella seconda metà del 2019 è stata ravvivata dai guizzi di Artioli. Il terreno è però sdrucciolevole, come dimostra la polemica sulla spiaggetta artificiale (troppo artificiale) che ha fatto e poi disfatto a Caprino, ma soprattutto lo scontro politico sul destino dello “storico” deposito delle ARL a Viganello. L’intento di Artisa - demolire per costruirci un albergo e alloggi sostenibili - non sembra aver convinto la sinistra (e nemmeno una parte di Plr e Ppd).

E la Lega? Abbiamo chiesto al deputato luganese Boris Bignasca una lettura politica, ma non solo, del fenomeno Artioli. Partiamo, dunque, dal benefattore. 

Cosa ne pensa?
«In un momento come questo fa sempre piacere a chi amministra la Città trovare un privato che costituisce un’associazione per dare una mano con spirito collaborativo. È dunque un fatto positivo».

Il contraltare del Natale più luminoso è però l’elettricità attorno all'ex deposito dei tram.
«Sinceramente mi pare una polemica poco comprensibile. Credo che realizzare vicino al campus universitario una struttura di pregio a favore degli studenti porti solo vantaggi. Siamo tutti legati ai vecchi edifici, ma da qui a considerare ogni costruzione come storica… beh, ce ne passa».

Quello dell’imprenditore-mecenate è un connubio senza rischi? 
«Un aspetto sicuramente positivo di Artioli è che fa muovere l’economia. Lo è tanto più in una città un po’ ingessata e che vede in quello di Usi e Supsi a Viganello il solo cantiere che si sta realizzando. Gli altri progetti si muovono, ma sulla carta per ora».

Ma esiste il pericolo che Lugano diventi Artioli-dipendente?
«Certo sarebbe bene che oltre a lui ci fossero altri imprenditori pronti a far crescere la città».

Per ora c’è solo lui. Crede che come unicum possa avere un “trattamento di favore” da parte del Municipio?
«Viviamo in un’epoca di burocrazia spinta e di controlli incrociati a tutti i livelli istituzionali. È un rischio che non vedo proprio».

Un dettaglio può sfuggire sull’altra sponda del lago…
«In realtà non è scappato nemmeno quello».

Anche suo padre, Giuliano Bignasca, era imprenditore ma anche politico. Che differenze vede con gli anni ‘90?
«Sono epoche diverse. Evidentemente in quegli anni lo spirito imprenditoriale che aleggiava in città, e di cui mio papà era co-protagonista, ha portato a risultati come la realizzazione del Cardiocentro, l’Università, il Centro di calcolo... Lo spirito era diverso, molto più dinamico. Allora le iniziative odierne di Artioli, carine, come il Natale in città, sarebbero passate più inosservate. Non a caso nella Lugano un po’ spenta di oggi discutiamo di un vecchio deposito o delle luci natalizie in piazza. Fa un po’ tristezza».

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-04-10 05:40:47 | 91.208.130.85