Ti Press
Il presidente Marco Solari
ULTIME NOTIZIE Ticino
BELLINZONA
8 ore
Il compito sul seno: «Ecco come è andata»
L'insegnante 60enne licenziato a Bellinzona racconta la sua versione dei fatti. E punta il dito contro il Decs
LUGANO
9 ore
Ad Agno qualcuno vola ancora
In mezzo alla crisi dello scalo, la compagnia Silver Air batte un colpo. «I nostri voli sono garantiti»
CANTONE / SVIZZERA
10 ore
«50 franchi per il Pronto Soccorso? Una misura anti-sociale»
Il Partito Comunista condanna la decisione del Nazionale e chiede ai "senatori" di opporsi
GRAVESANO
11 ore
Ars Medica non è sotto inchiesta
La presa di posizione della clinica, sul caso delle "operazioni fasulle". «Non siamo oggetto di procedimenti penali»
MENDRISIO
11 ore
Caos viario, l’SOS di cinque sindaci: «Siamo al limite della sopportazione»
L’appello lanciato dai sindaci del distretto ai colleghi del Luganese: «Ancora molto può essere fatto sul vostro territorio contro i posteggi selvaggi e per promuovere la mobilità aziendale»
LUGANO
11 ore
Arriva la tassa sul sacco: tutto quello che dovete sapere
Il prezzo dei sacchi. Le novità degli ecocentri. Quelli che il sacco possono averlo a un prezzo agevolato. Lugano si prepara alla rivoluzione dei rifiuti.
FOTO E VIDEO
AROGNO
11 ore
Cade per 20 metri e si ferisce gravemente
Un uomo di 82 anni è stato vittima di un serio infortunio mentre stava effettuando dei lavori di disboscamento in zona Devoggio ad Arogno
BREGGIA
11 ore
Dopo 20 giorni l'acqua torna potabile
A Cabbio e Muggio l'acqua è rimasta troppo torbida per settimane. Ma in attesa del rinnovamento degli impianti il Comune ha le mani legate
CANTONE
11 ore
Shopping natalizio senz'auto nel Malcantone
L’iniziativa si allaccia a quella promossa dalla città di Lugano per il proprio territorio, e prevede l’ampliamento dell’utilizzo dei mezzi pubblici gratuitamente
FOTO
POSCHIAVO (GR)
12 ore
Fuori strada e giù dalla scarpata per 200 metri
L'incidente è avvenuto mercoledì sera sulla strada principale del Bernina
CANTONE
12 ore
L'Ambasciatore tedesco a Palazzo delle Orsoline
Norbert Riedel e Christian Vitta hanno discusso di alcuni argomenti di attualità e valutato lo stato delle relazioni politiche e commerciali tra Ticino e Germania
LUGANO / BERNA
12 ore
Il caso Jelassi finisce sul tavolo del Consiglio federale
Lorenzo Quadri ha interpellato il Governo chiedendo chiarimenti sulla vicenda dell'imam di Viganello
LOCARNO
04.12.2019 - 12:320

Dal Cantone più soldi per il Locarno Film Festival

Il Governo chiederà a Gran Consiglio di aumentare di 600mila franchi il contributo quinquennale concesso alla kermesse locarnese

di Redazione

BELLINZONA - Il Consiglio di Stato ha licenziato oggi il messaggio con il quale chiede al Gran Consiglio di approvare il contributo (2021-2025) concesso a Locarno Film Festival (LFF), che ammonterà a 3.4 milioni di franchi annui.

A partire dal 2001 il LFF ha beneficiato di contributi cantonali ricorrenti approvati dal Gran Consiglio nella forma di pacchetti quinquennali. Questi contributi hanno permesso di dare continuità alla programmazione e alla pianificazione della rassegna, consentendo ai responsabili di operare scelte di qualità sottratte alla logica esclusivamente commerciale e di imprimere un effetto trainante per attirare gli sponsor privati.

A questo si deve aggiungere la spinta che il Cantone ha contribuito a dare per accelerare il processo di professionalizzazione delle funzioni e dei processi operativi, grazie alla convenzione di accompagnamento che imponeva l’adozione di precise misure per quel che concerne la gestione finanziaria, delle risorse umane, degli acquisti, degli investimenti e degli inventari, la tenuta e la presentazione dei conti e l’estensione temporale del festival.

Dopo aver ottenuto negli ultimi anni un incremento del sostegno dei partner dell’economia privata (+224% dal 2000 al 2018), si è quindi valutato opportuno un incremento del contributo del Cantone di fr. 600'000.- annui sul quinquennio, comprensivi di fr. 100'000.- destinati agli investimenti. Tale incremento permetterà al LFF di approntare le misure previste dal 2021 in avanti, in particolare il rinnovo dell’infrastruttura informatica con la creazione di nuove opportunità legate alla digitalizzazione, l’adeguamento organizzativo finalizzato a una maggiore professionalizzazione e alla sperimentazione di nuove forme cinematografiche che interessano da vicino le giovani generazioni, con ricadute positive in termini di attrattività del festival verso i partner e il pubblico.

«Questa dinamica virtuosa attiverà un effetto leva dell’investimento pubblico, facendo crescere la parte dei ricavi legati allo sponsoring e all’autofinanziamento», si legge nel comunicato del Cantone.

Commenti
 
Nmemo 18 ore fa su tio
Saranno soddisfatte le frenesie di chi vorrà portare, pagando con i soldi pubblici, qualche celebrità per “gonfiare” il proprio ego.
marco17 1 gior fa su tio
Al festival di Locarno i film sono la cosa meno importante: contano i mangiatori a ufo dei vari eventi collaterali, i divi e mezzi divi, pagati a peso d'oro, che salgono sul palco, dicono quattro scemenze in inglese e non sanno nemmeno dove si trovano. Molti vanno in Piazza Grande non vedere i film ma per essere visti.
Zico 1 gior fa su tio
@marco17 Hai dimenticato i politici che dormono al 5 stelle pagati naturalment dal festival del film che pagano i contribuenti.. non ci resta che piangere solari lacrime!
gigipippa 1 gior fa su tio
In tutti questi anni il festival a sempre saputo rinnovarsi, la novità per il prossimo anno sarà il pardo al contribuente. A formare la giuria saranno pure presenti Polanski e Haber.
volabas 1 gior fa su tio
Che tolla..ciucia ciucia e alla fine non ci sara' piu' latte
GIGETTO 1 gior fa su tio
@volabas Vergogna!!!!!!!!!
Bayron 1 gior fa su tio
Vergognoso!!
streciadalbüter 1 gior fa su tio
Se il festival del cinema di locarno non puo`reggersi con i propri mezzi deve chiudere e non succhiare soldi ai contribuenti ticinesi
marco17 1 gior fa su tio
Piove sul bagnato. Gli istituti culturali del Cantone devono risparmiare, chi, spesso grazie al volontariato, si impegna in ambito culturale deve accontentarsi delle briciole ed è confrontato con complicazioni burocratiche per una sovvenzione di alcune migliaia di franchi. Per questa manifestazione mondana e per il suo presidente megalomane e parolaio, si trovano sempre i milioni.
Zico 1 gior fa su tio
@marco17 No, con questi soldi faranno film solari...
marco17 1 gior fa su tio
@Zico e gli faranno anche una statua gigantesca e sogghignante in mezzo alla grande Rotonda!
spartacus1 1 gior fa su tio
Ah già, poverini, non ne ricevono già abbastanza di soldi... Cantonali e... Federali!!!
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-06 03:49:18 | 91.208.130.86