Tipress
Veduta sul terreno dell'ex Petrolchimica a Preonzo
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
Case anziani: «Ridurre lo stress del personale»
Una mozione del gruppo socialista chiede al Governo di finanziare una migliore presa a carico degli ospiti
CANTONE / ITALIA
2 ore
«Mille euro in più nella busta paga» per i frontalieri
Il provvedimento votato dal Gran Consiglio osservato dall’Italia: «Alle ditte ticinesi costerà 5 milioni in più all’anno»
LUGANO
2 ore
Il Panathlon Club Lugano premia 5 talenti
I giovani sportivi hanno ricevuto un contributo di 1'500 franchi a testa
RIVERA
5 ore
Il primo cittadino fa visita a Nez Rouge
Il servizio ha registrato in questa prima parte del mese un leggero aumento delle attività
FOTO E VIDEO
PONTE TRESA
6 ore
Urta un’auto e si ribalta sul tetto a pochi metri dalla dogana
L’incidente è avvenuto in via Lungolago attorno alle 9.30. Forti disagi al traffico in entrambe le direzioni
CANTONE
7 ore
Rifiuti plastici e additivi chimici anche nel Verbano
La Sezione per la protezione dell’aria, dell’acqua e del suolo ha analizzato 100 oggetti recuperati in occasione del "Clean up lake" dello scorso 1° giugno
CANTONE / SVIZZERA
7 ore
«Siano onesti e dicano qual è la loro vera missione»
Il Partito comunista critica l’aumento delle commissioni allo sportello deciso da PostFinance e rivendica nuovamente il ripristino della vecchia regia federale
CANTONE
8 ore
Mister Prezzi soppesa la tassa sul sacco: queste le pecche
Una quarantina i Comuni che hanno inoltrato al Sorvegliante il nuovo regolamento rifiuti. Tra le pecche rilevate, una certa disparità di trattamento verso le residenze secondarie
CANTONE
18 ore
Congedo paternità, libertà di adesione per i membri dell'Udc
Il comitato cantonale dei democentristi si è riunito oggi per la prima volta dopo il successo delle elezioni federali
CANTONE
20 ore
«Dobbiamo aggiornare la cartina», ma attenzione... è un contratto
Torna la modalità di vendita telefonica scorretta che ti fa sottoscrivere un servizio in abbonamento senza che te ne renda conto
CANTONE
21 ore
Mortale di Sigirino, per l'accusa è omicidio intenzionale
L'uomo che provocò il decesso di uno scooterista 36enne comparirà davanti alle Assise criminali
CANTONE
23 ore
Promuovere la comprensione reciproca e la pace
I ragazzi della scuola Sant’Anna di Lugano hanno preso parte al concorso promosso dal Lions Club Lugano
GAMBAROGNO
23 ore
Casa per anziani Cinque Fonti: dopo tre mesi via il direttore
Bocche cucite sulle ragioni della scelta. L'uomo avrebbe ricevuto una disdetta ordinaria. Alla base dovrebbe esserci una nuova strategia
CANTONE
03.12.2019 - 17:170
Aggiornamento : 20:15

Eredi di un passato tossico. Ecco i 9 luoghi da bollino rosso

Gasolio, piombo e altri veleni finiti nel terreno decenni fa attendono di essere rimossi. Il Cantone: «La procedura di risanamento è in corso per tutti i siti»

BELLINZONA - Ci trovi l’ex lavanderia chimica che per decenni ha usato solventi pericolosi. Ma poi ci sono anche due poligoni di tiro coi loro metalli pesanti e un terreno dove si producevano sostanze per la cromatura. Senza dimenticare, il caso più eclatante, l'ex Petrolchimica di Preonzo e i 25 milioni necessari per la sua bonifica. Spulciando la non lunga lista - sono 9 - dei siti inquinati ticinesi che devono essere risanati (vedi il box) spunta anche il sedime di un’azienda che ultimamente ha sollevato un polverone: la Ecsa di Balerna.

Giorni fa il Gruppo momò, che tratta su vasta scala energia, carburanti e prodotti chimici, si è scagliato contro un progetto di pianificazione che vorrebbe inserire il terreno di Sant’Antonio, a Balerna, dove sorge il deposito chimico, in zona mista residenziale. Anche quel terreno, a causa di un inquinamento risalente agli anni ‘60, ha il pallino rosso dei siti inquinati. 

Ma non sono i costi di risanamento ad aver provocato la rivolta dei vertici Ecsa. Da nostre informazioni risulta infatti che l’azienda avrebbe già risanato il 95% del sedime nel 2006. In quell’occasione furono scavati e smaltiti in Svizzera interna circa 6.500 metri cubi di terra inquinata con una spesa di 2 milioni di franchi. Se protestano per restare lì, non è per schivare il risanamento.

Senza entrare nel merito di un risanamento in particolare, abbiamo chiesto a Giovanni Bernasconi, capo della Sezione della protezione dell’aria dell’acqua e del suolo cosa significa l’indicazione "sito inquinato che deve essere risanato".

In concreto quel “deve” come va inteso?
«Dal momento che un sito è stato indagato e classificato come sito contaminato ai sensi dell’OSiti (Ordinanza sul risanamento dei siti inquinati), il risanamento è obbligatorio. Questo perché il rischio per l’ambiente è troppo elevato e non sostenibile. L’attuazione è a tappe (indagine di dettaglio, varianti di risanamento, progetto di risanamento, risanamento) e ogni tappa deve essere avallata dall’autorità cantonale. Se il proprietario è reticente o vi sono più proprietari, il Cantone può emanare un ordine o subentrare nell’attuazione del risanamento».

Chi deve assumersi i costi di risanamento?
«I costi sono assunti dal responsabile dell’inquinamento del sito (perturbatore per comportamento). Non sempre il proprietario corrisponde al perturbatore per comportamento e quest’ultimo, spesso, non è più reperibile (si ricorda che l’inquinamento dei siti iscritti a catasto risale, nella maggior parte dei casi, a molti anni addietro). In questi casi rimangono dei costi scoperti che sono assunti dal Cantone e sussidiati al 40% dalla Confederazione».

Se il costo supera di molto il valore del sedime il proprietario può decidere di non risanare?
«No. Il risanamento deve essere in ogni caso eseguito per ridurre o eliminare il rischio per l’ambiente».

Quanti sono oggi in Ticino i siti classificati in rosso? 
«Ci sono ancora 9 siti contaminati che devono essere risanati obbligatoriamente (siti contaminati). La procedura di risanamento è, sebbene in maniera diversa e a uno stato diverso, in corso per tutti questi siti: per 3 siti il risanamento è terminato o in fase conclusiva, per altri 2 siti la bonifica inizierà tra il 2020 e 2021 mentre per i restanti sono in corso gli studi e gli approfondimenti per la definizione del progetto di risanamento da eseguire».

 

L'elenco dei siti inquinati:

1.  Cadenazzo: sito incidente con fuoriuscita gasolio  (2006). Risanamento parziale in esecuzione.

2. Cadenazzo: impianto di tiro (fine attività 1970).  Sito che deve essere risanato.

3. Pollegio: sito aziendale (recupero di rottami e  cascami).  Progetto di risanamento terminato.

4. Mendrisio (Rancate): impianto di tiro (in esercizio)  Sito che deve essere risanato.

5.Balerna: stazione di servizio (in esercizio) Sito  che deve essere risanato.

6. Balerna: deposito combustibili Ecsa. Sito che deve essere risanato.

7. Preonzo: ex Petrolchimica. Raffineria e deposito rifiuti speciali. Sito che deve essere  risanato.

8. Monteceneri (Rivera): sito fabbricazione prodotti per la cromatura e manufatti in cemento. Progetto di risanamento terminato.

9. Bellinzona: ex lavanderia a secco (chimica). Sito che deve essere risanato.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-14 16:39:22 | 91.208.130.85