Polcom Lugano
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
Padre despota condannato a 8 anni
Il 48enne siriano è stato ritenuto colpevole di tre tentati omicidi intenzionali
CAPOLAGO
1 ora
I vecchi binari del Generoso hanno riaperto la chiesetta
Il restauro è stato finanziato con la vendita dei vecchi pali disseminati lungo il percorso che conduce in vetta
CANTONE
1 ora
La Galleria di Grancia è rimasta chiusa per «problemi tecnici»
È successo attorno alle 17:30 di questa sera per poi riaprire circa 15 minuti dopo con qualche disagio al traffico
CANTONE
2 ore
Radar sull'attenti in quattro distretti
L'elenco dei rilevamenti della velocità previsti per la prossima settimana
SONDAGGIO
CANTONE
2 ore
«Rilanciamo il turismo con un hovercraft tra Locarno e Bellinzona»
Una mozione UDC invita il Ticino a risollevare il settore con idee innovative
VEZIA
2 ore
Ecco come mantenere in vita i negozi di paese
Sono stati presentati i risultati di uno studio promosso dall'Ente regionale per lo sviluppo del Luganese
LUGANO
4 ore
Un giro di boa per la traversata ai tempi del coronavirus
La nuotata popolare avrà luogo il prossimo 23 agosto e la partecipazione è limitata ai residenti in Svizzera
CANTONE
5 ore
Poliziotti sotto tiro, il sindacato reagisce
Il sindacato Ocst funzionari di polizia segnala l'aumento di attacchi, fisici e verbali, contro le forze dell'ordine
CANTONE
6 ore
«Senza aiuti Covid, noi cliniche private costrette a licenziare»
«Abbiamo garantito il pieno supporto al Cantone nella gestione dell'emergenza Covid»
GORDOLA
6 ore
Chi ha aiutato Aurèle sulla via dei Monti Motti?
La polizia è in cerca dell'uomo che aveva aiutato Aurèle a ritrovare la via. Si è smarrito di nuovo.
CANTONE
7 ore
Furbetti dei crediti Covid: denunciati in 10
In Ticino la Procura indaga su una serie di presunti abusi sui prestiti garantiti dalla Confederazione
LUGANO
7 ore
Spaccio di coca, quattro arresti
In manette anche un 75enne. Sequestrati alcune decine di grammi
CANTONE
9 ore
In Ticino due contagi, e un nuovo ricovero
Sale ancora (ma di poco) il numero dei positivi nel nostro cantone. I decessi stabili a 350
CANTONE
9 ore
"Bolidi" rumorosi, scattano i controlli
La Polizia cantonale annuncia una campagna mirata sulle auto truccate. «Numerose segnalazioni»
LUGANO
22.11.2019 - 11:590

Chi conosce l’agente di quartiere, si sente più sicuro

Sono stati presentati stamani i risultati del sondaggio sulla sicurezza. I cittadini più soddisfatti della qualità di vita sono quelli di Castagnola, Carona e Cureggia

LUGANO - A Lugano si sta bene, anche dal punto di vista della sicurezza. Lo dicono i dati statistici nazionali degli anni compresi tra il 2015 e il 2017. E ora lo conferma anche la popolazione, che in generale si dice soddisfatta della qualità di vita. In particolare nei quartieri di Castagnola, Carona e Cureggia. E su tutto il territorio c’è la percezione che i reati e i comportamenti civili siano in diminuzione.

Questi sono solo alcuni dei dati emersi dal sondaggio sulla percezione della sicurezza che la Città di Lugano ha condotto tra gennaio e aprile 2019 in collaborazione con l’Unità di ricerca in criminologia della Scuola di scienze criminali dell’Università di Losanna. Un sondaggio che ha interpellato 14’717 persone e ha ricevuto 7’885 risposte (si tratta di un tasso del 53,6%). E che fondamentalmente traccia un quadro positivo della situazione.

Le preoccupazioni dei cittadini - «Ma dobbiamo andare oltre la statistica, senza commettere l’errore di dire che va tutto bene» ha sottolineato stamani il vicesindaco Michele Bertini, capodicastero Sicurezza. È vero: il 43,5% dei cittadini ritiene che nel corso degli ultimi cinque anni il livello di sicurezza sia migliorato (in un sondaggio del 2009 l’87,6% dichiarava invece che il proprio senso di sicurezza era peggiorato o rimasto invariato). Ma le preoccupazioni non mancano. E riguardano soprattutto aspetti relativi alla situazione economica individuale, dai premi della cassa malati da pagare alla disoccupazione.

La criminalità è vista come un problema dal 5,7% degli interpellati (in Svezia e nel Regno Unito, hanno sottolineato i ricercatori, si trova invece tra le tre principali preoccupazioni). E a Lugano si parla in particolare dei furti nelle abitazioni (soprattutto a Cureggia, Breganzona e Villa Luganese), di guida pericolosa di veicoli (a Barbengo e Carabbia). Seguono il consumo e lo spaccio di stupefacenti in luoghi pubblici, l’inquinamento acustico e il rumore nelle ore serali (principalmente tra i residenti del centro storico).

A tu per tu con l’agente di quartiere - I risultati del sondaggio giocano inoltre a favore della polizia di prossimità. Se il 91,7% dei luganesi si sente sicuro quando esce da solo di giorno nel proprio quartieri, il 65,4% lo è anche quando è buio. E per questi ultimi si tratta soprattutto di cittadini «che conoscono il nome dell’agente di quartiere» come ha sottolineato Stefano Caneppele, professore di criminologia. «Il rapporto di prossimità che la polizia instaura coi cittadini - ha spiegato - porta a un aumento della percezione della sicurezza».

La statistica - Dal punto di vista statistico, dal 2014 a Lugano si osserva un calo di tutte le tipologie di reati. Soltanto il furto di veicoli è, nell’ultimo anno, in controtendenza. Un fenomeno che probabilmente è dovuto alla crescente diffusione di biciclette elettriche, che sembrano allettare i malviventi.

Intervento su più fronti - La sicurezza non è, tuttavia, determinata soltanto dall’azione della polizia, ha ricordato il vicesindaco Bertini sulla base dei risultati. «Contano anche altri fattori, come quelli legati alla socialità». Per questo motivo le autorità non possono dimenticare «una visione più corale, che contribuisce al senso di sicurezza». Il sondaggio ha in questo senso permesso di sentire il polso della popolazione, come ha detto anche il sindaco Marco Borradori.

«Non abbassiamo la guardia» - Che senso ha però condurre un sondaggio quando le statistiche dicono che «tutto va bene»? Marcelo F. Aebi, professore di criminologia, ha spiegato che i risultati presentati oggi sono un punto di riferimento per il futuro. Saranno insomma un termine di confronto. E il comandante della polizia cittadina, Roberto Torrente, da parte sua ha sottolineato che «anche se il senso di sicurezza è aumentato, non possiamo abbassare la guardia».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Ade Gheiz 7 mesi fa su fb
E chi no lo conosce. Deve aspettarsi che gli facciamo mafia contro?
Raffaella Norsa 7 mesi fa su fb
Sinceramente io a Paradiso mi sento sicura. La polizia è molto efficiente anche qui
ctu67 7 mesi fa su tio
pienamente d'accordo " i comportamenti civili stanno diminuendo"!! peccati per gli orari ...dalle 17.00 gli incivilissimi si scatenano nei quartieri ....quando l'ausiliario timbra uscita !
Val Caste 7 mesi fa su fb
A guardare 👀 bene e meglio visto tutti gli interventi pubblicati per risse in famiglia il pericolo ce l’abbiamo in casa
Stefano D'Andrea 7 mesi fa su fb
Castagnola, Carona e Cureggia, certo cosa vuoi che succeda lí 😂
Alessandro Milani 7 mesi fa su fb
Stefano D'Andrea appunto!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-10 19:20:00 | 91.208.130.87