Tipress (archivio)
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
10 min
«Lo sballo da farmaci ha ucciso mio figlio»
Dal dramma, lo slancio per aiutare gli altri: «Tante vite possono essere salvate»
FOTO
MASSAGNO
46 min
“Biciclette fiorite” per ciclabili sicure
L'azione dimostrativa-artistica vuole incentivare un maggior utilizzo di biciclette e mezzi non motorizzati.
CANTONE
1 ora
I 366 giorni di coronavirus del dottor Christian Garzoni
Il direttore sanitario della Clinica Luganese di Moncucco ricorda il 25 febbraio di un anno fa e il primo paziente Covid
CANTONE
3 ore
I media di fronte alla novità del coronavirus
L'esperto: «È stato fatto un buon lavoro, senza allarmismo ma nemmeno banalizzazione»
FOTO
CANTONE
3 ore
Un anno di pandemia
Il 25 febbraio 2020 venne segnalato il primo caso di coronavirus in Ticino (e in Svizzera).
CANTONE
12 ore
In Ticino è come se fosse morto un piccolo paese
Il Covid ha creato un "buco" nelle statistiche demografiche: 857 decessi in più in un anno.
BELLINZONA
12 ore
Altra lite tra giovani, un ragazzo finisce in ospedale
Spunta anche una mazza. L'accusa principale ipotizzata sarebbe quella di tentato omicidio
CANTONE
13 ore
Anche oggi non si parla di “ecomafia”
Ancora "rimandata" l'interpellanza di Pronzini sui presunti inquinamenti a opera della Silo & Beton Melezza SA
CANTONE
14 ore
«Aprire le terrazze? Creerebbe tensioni»
Massimo Suter deluso dalla decisione del Consiglio Federale. E anche dalla prospettiva di una riapertura "a metà"
CANTONE
15 ore
Affitti abusivi: «Il Parlamento ha perso un'occasione»
L'ASI punta il dito contro il Granconsiglio, dopo la bocciatura dell'iniziativa popolare. E guarda alle urne
CONFINE
15 ore
Vaccinazione di massa a Viggiù: «Prima i frontalieri»
L'intera popolazione del Comune, che dal 16 febbraio si trova in zona rossa, sarà sottoposta al vaccino anti-Covid.
CANTONE
16 ore
«Non vogliamo una Pasqua come quella del 2020»
Norman Gobbi, presidente del Consiglio di Stato ticinese, ospite di Piazza Ticino. Guarda il video.
CANTONE
16 ore
100'000 franchi dal Cantone per gli ex dipendenti dell'aeroporto
Il Gran Consiglio ha votato il contributo a fondo perso che sarà gestito dalla Città per allestire il piano sociale
CANTONE
16 ore
Già più di mille over-75 hanno riservato la vaccinazione
Partenza razzo per la procedura d'iscrizione online lanciata ieri e valida per il nuovo centro cantonale di Giubiasco.
CANTONE
17 ore
Berna ha deciso: la reazione di Norman Gobbi
Il presidente del Consiglio di Stato ticinese ora live su piazzaticino.ch. Guarda la diretta video.
CANTONE
17 ore
Decreto d'abbandono nei confronti di don Chiappini
Si chiude così l'indagine attorno alla vicenda della donna che viveva nell'abitazione del prete luganese
CANTONE
18 ore
La pernice bianca è salva
Il Gran Consiglio ha dato sostegno all'iniziativa che chiedeva di vietarne la caccia in Ticino
MENDRISIO
18 ore
Processioni storiche: verso un’edizione speciale
L’edizione 2021 avrà uno svolgimento inedito, pensato per rispettare la delicata situazione pandemica.
CANTONE
20 ore
Lotta alla pandemia, i deputati ticinesi appoggiano il Consiglio di Stato
Si è tenuta oggi la consueta riunione fra la Deputazione ticinese alle Camere e il Governo cantonale.
BODIO
21 ore
La Posta si sposta... in farmacia
Anche a Bodio il gigante giallo "trasloca" nel settore sanitario
CANTONE
21 ore
L'UDC chiede meno disparità sui casi di rigore
Con una mozione si chiede di aprire a chi ha costituito azienda dopo il 1. marzo 2020 ma era già intenzionato a farlo
CANTONE
22 ore
Un accordo... solare per la Supsi
Firmato un accordo di collaborazione con l'Istituto Ricerche Solari Locarno.
CANTONE
22 ore
Nuova direttrice per Ingrado
Karin Gianola prenderà il posto di Daniele Intraina, recentemente nominato alla testa dell'OSC.
CANTONE
23 ore
In Ticino 2 morti e 58 positivi
Sono 4 i nuovi ricoveri e 5 i dimessi. Il tasso di riproduzione Rt è salito a 0.90
CANTONE
23 ore
Attenti alle rane che attraversano la strada!
È già cominciata la migrazione primaverile degli anfibi. Il WWF cerca volontari
CANTONE
23 ore
A 4 mesi dal lancio è ancora quasi impossibile comprare una Play 5 senza pagarci la cresta
Ovvero circa il doppio di quello che dovrebbe costare. E sul web la speculazione è un giro globale da milioni
LUGANO
1 gior
«Il Municipio boccia il salario minimo dignitoso»
La dura reazione del Vpod: «Siamo allibiti. Impiego sicuro? Come se la sicurezza si mangiasse»
CANTONE
1 gior
L'appello dei comunisti: «La società va riaperta»
Chiesta la riapertura di biblioteche, università e strutture di aggregazione culturale.
VACALLO
1 gior
Chieste strade più «sicure» per Vacallo
Il Gruppo Per Vacallo - PPD & Indipendenti ha sollecitato studi di fattibilità per modifiche su quattro importanti vie.
LUGANO
1 gior
Sapessi come è bello laurearsi ... e discutere on line la tesi
La discussione della tesi online velocizza il processo di laurea. I cambiamenti di tale traguardo durante la pandemia
CANTONE
1 gior
Pesi e manubri, tutti li vogliono pochi li trovano
Con le palestre chiuse sono esplose le vendite per allenarsi a casa. Peccato per le forniture che latitano.
CANTONE
1 gior
Perché la seggiovia sì e il parapendio no?
Alcune restrizioni legate alle attività sportive appaiono poco proporzionate e creano confusione.
ASCONA
22.11.2019 - 21:070

«Traffico ticinese paralizzato ovunque, non ci si muove più»

Lo sfogo della deputata Michela Ris, che invita i cittadini a ricorrere al car sharing e al telelavoro: «Nel 2020 con Alptransit le cose miglioreranno? Dipende da dove si abita»

ASCONA – «Non so cosa stia succedendo. In Ticino con l’auto non ti puoi più muovere. Strade e autostrade sono completamente paralizzate. Ovunque. Specialmente da Rivera in giù». Lo sfogo è quello di Michela Ris, municipale asconese e deputata in Gran Consiglio. E rispecchia l’umore di migliaia di altri ticinesi. Sì. Non se ne può davvero più. «E la situazione negli ultimi mesi è precipitata».

Lei parla in prima persona…
Settimana scorsa partendo alle 15 da Ascona, ho impiegato due ore e mezza per arrivare a Chiasso. Dovevo recarmi a Milano. Ci ho messo complessivamente quasi quattro ore.

Qual è il problema, secondo lei?
Il Ticino ha un livello di strade che è quello degli anni '60-'70 e i veicoli sono aumentati. Nel Locarnese, inoltre, paghiamo l’assenza di un collegamento autostradale.

C’è chi dà la colpa ai frontalieri. Cosa ne pensa?
I frontalieri che possono, cioè quelli che hanno lo stesso orario di lavoro dei colleghi, usino il car sharing. Condividano l’auto. Ma vale anche per i ticinesi.

Lei pratica il car sharing?
Io ho la fortuna di avere l’ufficio a cinque minuti da casa. Ma come politica sì, certo. Quando dobbiamo recarci a Bellinzona per le sedute parlamentari, io e altri colleghi del Locarnese andiamo con un’auto sola. 

Da politica, qual è il suo sentimento?
Mi metto nei panni della gente. Non ti viene più voglia di uscire di casa. Arrivi in ufficio con i nervi a pezzi.

Beh, ci sarebbero i mezzi pubblici, o no?
Ma se i treni sono sempre stracolmi. E anche i bus sono inglobati del traffico. Arrivi comunque in ritardo a destinazione.

Dal 2020, con Alptransit completato, le cose miglioreranno?
Sarà potenziato il trasporto pubblico, i tempi si accorceranno. Però tutto dipende da dove uno vive. Se uno abita in una zona periferica e lavora in una zona altrettanto periferica dovrà cambiare più volte mezzo pubblico. Tanto vale.

Tornando a parlare di autostrade, c’è il cantiere di Grancia che è odiato da mezzo Ticino…
Mi faccio tante domande su quel cantiere. Non ci sarebbero altre modalità di operare? Purtroppo non ho le risposte. Ma è chiaro che quello è un punto cruciale. Da lì alla dogana ci metti un’ora. Non è normale.

Se poi ci si mette anche l’incidente…
La gente è stressata. Sta in auto nervosa, magari guarda per un attimo il telefonino, si distrae e va a tamponare chi sta davanti. È un circolo vizioso. Penso anche alle ditte che hanno operai col furgoncino. Otto ore di lavoro, di cui la metà spese nel traffico.

Non sarebbe ora di spingere di più il telelavoro?
Certo che sarebbe ora. Ma non per tutte le professioni è possibile lavorare da casa. E là dove si potrebbe, invece, ci sono ancora alcuni datori di lavoro che non ne vogliono sapere. Il concetto del telelavoro deve assolutamente essere considerato di più in Ticino, come già accade altrove.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Dioneus 1 anno fa su tio
Tassare i frontalieri che sono pendolari come molti ticinesi. Interessante discriminazione;)
Um999 1 anno fa su tio
Ops... ha scoperto che c’è il traffico in Ticino? Ben svegliata, vada a riferirlo a gli altri politici e che iniziassero a trovare soluzioni concrete, non semafori e rotonde a pioggia o a casaccio tanto per moderare il traffico.
cacos 1 anno fa su tio
Ma da dove arriva sta qui? Leggera I giornali la TV? Car sharing lo facciano I 70000 frontalieri anzi obbligateli non noi quattro gatti.
anndo76 1 anno fa su tio
@cacos si 4 gatti e 8 auto ahaahh
vulpus 1 anno fa su tio
Quì si continua a colpevolizzare i frontalieri, ma in fondo sono anche loro vittime di questa situazione. Purtroppo nessuna statistica è riuscita ancora a dirci cosa fanno e dove vanno questi frontalieri. Una grande parte è occupata nell'edilizia, ma bisogna pur pensare che la parte del leone in questo traffico è generato dagli spostamenti interni generati dall'edilizia. Poi cè il traffico generato dalle scuole: non indifferente sia come traffico privato che come trasporto pubblico. Ce se ne accorge quando le scuole sono chiuse. Infine c'è il traffico generato dai frontalieri che lavorano nelle fabbriche ,e quì qualcosa si può sicuramente fare: queste aziende che hanno eretto le loro sedi da noi, ma provenienti dall'estero, e facenti capo solo a mano d'opera da giornata, dovrebbero essere obbligate a organizzare dei trasporti comunitari sia con bus che con treni, per i loro impiegati. E saranno ancora soldi risparmiati per loro, che devono mettere a disposizione dei loro operai, metri quadrati e metri quadrati di superficie per posteggi.Se si sono trasferiti da noi, vuol già dire che ci guadagnano: se reinvestissero per i loro collaboratori sarebbe senz'altro ancor più utile.
lo spiaggiato 1 anno fa su tio
L'unica soluzione efficace per il locarnese è di fare una strada a 4 corsie verso Bellinzona... invece la autostrada Airolo - Chiasso deve essere di almeno 3 corsie per parte...
Nmemo 1 anno fa su tio
È singolare leggere il pensiero di una deputata al Gran consiglio ticinese, che in quella sede dovrebbe darsi da fare per migliorare quanto possibile, non sui media. Da esponente di un partito dei trasportatori, del commercio e delle sue regole di logistica, dei palazzinari, del turismo e dell’effimero, è da “gustare” la sua proposta di telelavoro: già le palazzine si costruiscono al PC, e via di seguito. A Milano si faccia portare da un’auto blu, con la scorta di una pattuglia di polizia a sirene in azione.
mats70 1 anno fa su tio
Avanti, dentro altri 10000 frontalieri
anndo76 1 anno fa su tio
@mats70 eh si, sono pochi 70 mila per lavorare....ce ne vogliono moli di piu'nel cantun
don lurio 1 anno fa su tio
To si sono accorti nel 2019 che il traffico é aumentato, e anni che ci sono colonne…. Cosa ne hanno colpa i frontalieri , chi li assume sempre prima i nostri . Ricordatevi che i nostri emigravano a fare spazzacamini, ed ogni sorta di mestiere., ora i giovani cercano di emigrare per trovare lavoro… Vediamo anche chi si trova in disoccupazione perché non li assumono anche se sono oltre gli anni 50 . Domandate a chi ha votato contro la A 13 Loc- Cam.
anndo76 1 anno fa su tio
@don lurio giusto, acuta ossevazione, nel 2019 si sono svegliati :)
OCP 1 anno fa su tio
Se si tolgono le auto dei frontalieri il traffico diminuisce di un buon 60% sulle nostre strade e autostrade... non ce l'ho con nessuno ma è una semplice constatazione... CHE DOVREBBE FARE RIFLETTERE SU TANTE ALTRE COSE!
anndo76 1 anno fa su tio
@OCP se tutti ( residenti e frontalieri ) non usassero 1 macchina con 1 solo conducente forse sarei piu' daccordo, allora si che si dovrebbe riflettere su molte cose....
mombelli 1 anno fa su tio
Continuate a votare chi avete sempre votati !!! Cosi da 60'000 andiamo a 100'000 ...
anndo76 1 anno fa su tio
@mombelli probabilmente non sei bravo in matematica....dati ust dicono che ci sono 12 mila disoccupati ( ma diciamo 30 mila ok ) e i frontalieri ( la colpa di ogni male ticinese ) sono 70 MILA !! SE ANCHE ASSUMI tutti i disoccupati del ticino, MANCHEREBBERO 40 mila lavoratori. o preferisci che le poche attivita', ditte etc rimaste nel cantone debbano chiudere ?? poi le tasse etc le paghi tu per mandare avanti le cose ??
Libero pensatore 1 anno fa su tio
Quando si parla di questo argomento è sempre interessante notare che per tutti è colpa degli altri. Il Ticino ha una morfologia che difficilmente permetterà di ampliare la rete stradale. Bisogna essere anche pragmatici. Una soluzione è quella di trasferirsi vicino al posto di lavoro. Io ho fatto così. Un’altra quella del carsharing, un’altra ancora il mezzo pubblico, poi c’è il telelavoro e poi ci sarebbe anche magari il cambiamento degli orari di apertura delle scuole e delle attività commerciali in genere. Io per esempio non avrei problemi a lavorare dalle 10 alle 19, oppure dalle 6 alle 16. Tutto si lamentano ma nessuna fa niente per cambiare le cose. Io, a livello individuale, potevo solo cambiare casa e trasferirmi vicino al lavoro e così ho fatto.
Dioneus 1 anno fa su tio
@Libero pensatore Anch'io sto provando ad avvicinare il luogo di lavoro, ma purtroppo per ora nelle sedi dell'azienda più vicine sono pieni
Asdo 1 anno fa su tio
@Libero pensatore Ad essere sinceri le soluzioni ci sono, ma ognuna porta con sé nuovi problemi o complicazioni. Trasferirsi non è cosa fattibile per tutti a livello di costi, in particolare per famiglie di una certa dimensione. I mezzi pubblici, che uso anche io, senza una diversificazione degli orari d'apertura sono già un disastro ora figuriamoci con centinaia di persone in più. Come dice lei qualcosa ci vuole, ma dev'essere probabilmente un insieme di cambiamenti che si supportano a vicenda che uno solo
ugobos 1 anno fa su tio
@Dioneus Dove vivo 0 traffico.
miba 1 anno fa su tio
Bla bla bla bla.....
lollo68 1 anno fa su tio
Da Rivera a Tenero con il treno ci vogliono 42 minuti di cui 16 minuti passati a Giubiasco ad aspettare la "coincidenza" S20. Per i 4 figli spendo CHF 1'392. all'anno per gli abbonamenti senza calcolare i biglietti per le zone che non sono incluse quando escono con i loro amici, l'anno prossimo saranno CHF 1'838. perché un altro figlio andrà alle scuole superiori. Purtroppo per tutte le loro attività devo prendere l'auto perché non ci sono i mezzi pubblici!
Disà 1 anno fa su tio
C' è poco da fare è un collo di bottiglia con la città più attrattiva Lugano in cima ,un traffico indotto enorme tutto convogliato su 2 corsie , tutto il Ticino ,frontalieri compresi ,si muove verso Lugano e verso le zone " commerciali /industriali /amministrative manco si capisce piu cosa sono , tutti con gli stessi orari .Troppe ditte , uffici , tutto troppo fiscalmente "allettante" e una pianificazione territoriale da terza media in ogni dove .
Spirito1 1 anno fa su tio
La Lega è un partito di chiaccheroni incapaci...
ugobos 1 anno fa su tio
@Spirito1 Ma non pensare che gl altri siano meglio. parlano solo di tasse e restrizioni ma nuove proposte non ne vedo. magari andare a vedere come fnano alotre citta? a locarno mettono ancora bus a diesel e nuove strade. Non ce gente competente
Dioneus 1 anno fa su tio
Geniale Ris, grazie per il contributo
senzapretese53 1 anno fa su tio
ma c'è qualcuno che analizza le vere cause del tanto traffico? Quello che si vive ogni giorno, anche senza cantieri, a mio modo di vedere è solo la conseguenza di una pianificazione errata o perlomeno non adeguata del nostro piccolo e tenero territorio.
Gus 1 anno fa su tio
E chi se ne frega. Per avere meno traffico basterebbe che il Cantone porti nelle regioni periferiche alcuni uffici ( e ve ne sarebbero parecchi!). Così finalmente qualche ufficio statale sarebbe anche nelle valli e un po' di traffico diminuirebbe nei centri. Ma questi vogliono tutto e quindi si tengano anche il traffico e i relativi disagi
ugobos 1 anno fa su tio
@Gus chi si lamenta spesso vive in citta. Nelle valli 0 traffico
Mediapress 1 anno fa su tio
Non lamentarti del traffico, quando sei nel traffico, perché tu! Sei il traffico....
moma 1 anno fa su tio
Non lamentiamoci, siamo noi il traffico, noi che in famiglia abbiamo un'auto a testa, noi che per fare 50 metri prendiamo l'auto, noi che che se non abbiamo l'auto siamo morti, noi che cambiamo auto come caramelle, noi quelli che l'auto, e indietro non si torna.
Equalizer 1 anno fa su tio
Ci sono 40'000 auto d'oltre confine di troppo, tanto semplice quanto vero.
Bandito976 1 anno fa su tio
@Equalizer Negli anni 90 hanno cominciato a mettere isole, rotonde, restringimenti di corsia, limiti di velocità in modalitá pedonale, adesso ci si accorge che c’è troppo traffico? Meno male che ci sono persone che hanno studiato, ingegneri e geni vari. Andate a munch i vaccini
Lore62 1 anno fa su tio
Bisognerebbe sentire il genio che ha avuto l'idea di chiudere alla sera le gallerie autostradali con il semaforo per fluidificare il traffico XD...a parte che sia una prima nazionale in tutta Europa, ma non si è ancora accorto che appena vengono chiusi, in 5 minuti è colonna da Grancia fino a quasi Rivera? Senza contare la paralisi fino in città a partire dalle entrate autostradali!! XD
Verbania 1 anno fa su tio
Ma che dici? Chi non può controllare durata del lavoro e pause al massimo è il datore di lavoro... Se i dipendenti fanno troppe pause e poco lavoro che problema è per ispettorato e sindacati. O pensi che uno a casa si faccia volontariamente 14 ore invece di 8?
sedelin 1 anno fa su tio
in ticino? in tutta la svizzera (non so all'estero)! ogni giorno! un tempo eravamo 3 milioni, oggi 8 milioni: inutile polemizzare, siamo in taanti.
Lore62 1 anno fa su tio
@sedelin A me risulta che la popolazione a fine anni 80 era di 7 milioni, oggi poco più di 8 milioni, in ticino è aumentato di poco la popolazione residente, eppure negli anni 80-90 la mobilità in Ticino era molto scorrevole!! Quindi prenditela con LA POLITICA dello sfruttamento dei pendolari, voluta dalle aziende residenti e casta dirigenziale del paese, che ora puntano a 100 mila!! visto che non bastano...XD
ciapp 1 anno fa su tio
clima ? nuovo business del 2020 o gà rason ol Trump
Roki 1 anno fa su tio
Telelavoro? L’ispettorato del lavoro e i sindacati sono contrari in quanto non possono controllare le ore di lavoro e se fai le pause!
Bayron 1 anno fa su tio
Grazie all’incapacità di Zali!!
gilles 1 anno fa su tio
Ma la volete capire che anche qui il problema sono i frontalieri o cosa? Togliamo 80 mila auto di non residenti e il problema sparisce
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-02-25 09:20:04 | 91.208.130.86