TiPress - foto d'archivio
Sergio Devecchi, pedagogista oggi in pensione, ha scritto un libro sulla sua infanzia rubata a causa di un affidamento coatto. La Chiesa evangelica riformata «chiede scusa e perdono».
ULTIME NOTIZIE Ticino
CHIASSO
1 ora
Un corteo contro le frontiere che uccidono
Dal Palapenz fino alla dogana, diversi giovani hanno voluto dire basta a un modello di società «sempre più spietato, disumano e schiavista»
CANTONE
1 ora
Rosso di sera... bel tempo si avvera
Le prossime giornate saranno contraddistinte da cieli generalmente sereni. In montagna ci sarà qualche nuvola in più e non mancherà il vento
CANTONE
3 ore
Per le Comunali nasce "TIResidenti. Il Movimento"
L'obiettivo del fondatore Stefano Introzzi è risolvere all'interno delle istituzioni i problemi «con soluzioni concrete e senza la propaganda che accomuna gli altri partiti politici»
MENDRISIO
5 ore
Processioni storiche, la prossima è la settimana decisiva
In Colombia verranno valutate le candidature per entrare a far parte del Patrimonio immateriale dell'Unesco. Due quelle che provengono dalla Svizzera
LUGANO
5 ore
«Lo stabile ARL passi in mani pubbliche»
A chiederlo è l'Associazione cittadini per il territorio di Viganello: «È un luogo storico, da proteggere»
POSCHIAVO (GR)
7 ore
Rubò orologi, fermato quattro mesi dopo
Il 35enne romeno è stato fermato dalle Guardie di confine a Castasegna
FOTO
MESOCCO (GR)
8 ore
In galleria uno scontro frontale
A causa del violento impatto, un'auto con targhe ticinesi si è rovesciata sul tetto
FOTO
RIVIERA
8 ore
Va a fuoco una ruota dell'auto
Le fiamme sono state spente dai poliziotti con un estintore
MESOCCO (GR)
9 ore
Incidente in galleria, disagi sull'A13
Il tunnel è stato chiuso in entrambe le direzioni. Gli automobilisti sono invitati a seguire la deviazione
LUGANO
11 ore
C’è un nuovo Movimento in città
Due ex Ppd alla base: Domenico Barletta presidente, Giovanni Albertini vice
FOTO E VIDEO
ACQUAROSSA
22 ore
Schianto a Motto, lo salva il guardrail
Ha rischiato tantissimo l'automobilista protagonista dell'incidente avvenuto in Valle di Blenio: se la protezione avesse ceduto, il suo veicolo sarebbe precipitato nel fiume Brenno
FOTO E VIDEO
TESSERETE
1 gior
Esce di casa e precipita in un burrone, ferito un anziano
L'uomo è stato recuperato dell'Unità di Intervento Tecnico dei pompieri di Lugano
CANTONE
1 gior
«Altri soldi per il Pardo? Solo risparmiando in altri settori culturali»
La Lega dei Ticinesi pone le proprie condizioni per appoggiare la richiesta di aumento del contributo cantonale decisa dal Consiglio di Stato
CANTONE
12.11.2019 - 10:380
Aggiornamento : 12:29

Infanzia rubata, la Chiesa evangelica «chiede perdono»

La CERT ha ascoltato Sergio Devecchi, pedagogista in pensione, che ha scritto un libro sull'affido coatto e l'esperienza di 17 anni in istituti per minori in Ticino e nei Grigioni

ASCONA - «Il sinodo della Chiesa evangelica riformata in Ticino (CERT) chiede scusa e perdono alle vittime» di misure coercitive a scopo assistenziale e di collocamenti extrafamiliari. È una presa di posizione chiara quella della CERT. Una dichiarazione che segue il sinodo del 9 novembre, in cui è stata ascoltata la testimonianza di Sergio Devecchi, pedagogista oggi in pensione che ha passato i primi 17 anni di vita in istituto a seguito di un affidamento coatto.

La storia - Devecchi ha scritto un libro sulla sua storia, pubblicato originariamente in tedesco nel 2017 (“Heimweh”, Stämpfli Verlag) e presentato in italiano a fine maggio (qui l’intervista di tio/20minuti). Era il 1947. A soli sei giorni di vita Sergio Devecchi, figlio illegittimo, è stato sottratto alla madre e collocato in istituti per minori in Ticino (Pura, Bellinzona, Pollegio) e nei Grigioni. Istituti in cui ha subito maltrattamenti di ogni sorta, dalle botte agli abusi sessuali da parte di un collaboratore. Da adulto ha deciso di studiare pedagogia ed è diventato educatore.

La posizione della Chiesa - Il Sinodo della CERT, si legge in un comunicato stampa diffuso in mattinata, «ha ascoltato con profonda commozione la testimonianza del signor Sergio Devecchi che ha chiamato in causa direttamente la nostra Chiesa». Il suo affido, infatti, «è avvenuto in collaborazione con un pastore della Chiesa evangelica riformata nel Sottoceneri». Ne è seguita una richiesta pubblica di «perdono» da parte della CERT, che assicura di «impegnarsi affinché situazioni analoghe non si ripetano», integrando «questa tematica dolorosa all’interno del proprio insegnamento» così da restare «come parte della nostra memoria».

Le vittime - La Chiesa evangelica riformata ha iniziato un processo di «presa di coscienza» a partire dal 2014 quando l’Autorità federale si è chinata sul problema. «Le persone colpite da queste misure sono state vittime di sfruttamento economico, di violenze, di abusi sessuali perpetrati da chi avrebbe dovuto crescerli, accudirli ed educarli: personale laico e religioso degli istituti, maestri, preti, pastori».

«Non ignorare le responsabilità» - Nel suo comunicato pubblico, la CERT sottolinea di essere in «Chiesa di diaspora, Chiesa di minoranza». Nonostante «nel dibattito pubblico l’attenzione si sia concentrata sugli abusi perpetrati da rappresentanti della Chiesa Cattolica, Chiesa di maggioranza», la CERT però «non ignora le sue responsabilità». E ammette che «i contorni di queste vicende» sono rimasti «a lungo coperti da un colpevole omertoso silenzio».

La Chiesa in politica - Alla luce di quanto emerso durante il sinodo, la CERT ha deciso di sostenere la proposta di modificare la Legge federale sulle misure coercitive a scopo assistenziale e i collocamenti extrafamiliari prima del 1981 (LMCCE) «in modo che la somma non elargita per i contributi di solidarietà alle vittime, non rifluisca nelle casse della Confederazione, ma sia destinata ad un aiuto duraturo alle vittime, mediante il finanziamento di terapie per il trattamento dei disturbi post-traumatici di cui soffrono».

Commenti
 
Christine T I N A Bauch Z 3 sett fa su fb
Jasmine Jassup ...
volabas 3 sett fa su tio
Tutta la mia solidarieta' e ammirazione per questo uomo.
Susanita Michelle Coccinella 3 sett fa su fb
Grazie Tio per dare spazio alla nostra storia
volabas 3 sett fa su tio
Dopo aver creato il mondo, prima cosa bella, poi ha creato la sua prima cosa brutta, la chiesa, con tutti gli optional deleteri che questa si è portata dietro nei corso dei secoli
Massimo D'Onofrio 3 sett fa su fb
Castrazione chimica per TUTTI i pedofili
Mariella Anna Maria Conti 3 sett fa su fb
facebook mi impedisce di condividere ne fare il copia/incolla ... Blocco parziale...
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-07 20:30:13 | 91.208.130.86