Foto Pezzani
+7
ULTIME NOTIZIE Ticino
MASSAGNO
2 ore
Nuovo direttore per l'Azienda elettrica di Massagno
Si tratta di Rolf Endriss, che prenderà il posto di Paolo Rossi.
BELLINZONA
2 ore
Tensione alle stelle, rissa e partita sospesa
Doveva essere un incontro (calcistico) quello fra Semine e Locarno. Ma si è trasformato in scontro (fisico).
CANTONE
5 ore
Il terrorismo sbarca a Lugano, raccontato da chi l'ha vissuto
La figlia di Aldo Moro insieme ai colpevoli: una «giustizia riparativa» per andare avanti
FOTO
BRISSAGO
14 ore
Brissago festeggia la sua fedeltà alla Svizzera
La cerimonia ha avuto luogo oggi presso l'ex Fabbrica Tabacchi
FOTO
CALANCA (GR)
15 ore
Un riconoscimento per la cava che mantiene la biodiversità
La Alfredo Polti SA di Arvigo ha ricevuto la certificazione dalla Fondazione Natura & Economia
MENDRISIO
17 ore
«Salverei il mio rosso che è stato servito anche alla Casa Bianca»
Novantadue anni lui, 190 l'azienda. Cesare Valsangiacomo racconta perché l'attuale non è la stagione più difficile
LUGANO
18 ore
Festa non autorizzata nel parco di Villa Saroli
La scorsa notte la polizia è intervenuta per disperdere oltre un centinaio di giovani e ripristinare la quiete pubblica
CONFINE
18 ore
Menaggio, ritrovata viva in una conduttura di cemento una donna dispersa
Si era allontanata da casa, ma poi non era più rientrata
CANTONE
20 ore
Caso Eitan: «Nessun controllo dalla Polizia cantonale»
La precisazione dopo la fuga passata dallo scalo di Agno: «Non siamo stati noi a intervenire»
CANTONE / BERNA
20 ore
«Noi donne non rendiamo meno degli uomini. Nè sul lavoro, nè a casa»
Sindacati e organizzazioni femministe a Berna contro la riforma dell'AVS.
CANTONE
22 ore
Clean-up-day a Faido con la madrina Christa Rigozzi
Non sono mancate le polemiche: il movimento eXtinction Rebellion Ticino ha manifestato contro l'organizzatore McDonald's
MANNO
23 ore
Inaugurata la nuova ala del Centro Diurno Terapeutico
Maggior sostegno sarà dato anche ai famigliari degli ospiti, grazie ad una maggiore flessibilità oraria
FOTO
CANTONE
1 gior
Consegnati i diplomi del Centro Studi Villa Negroni
Nel 2020 l’attività del CSVN ha incluso 21 certificazioni, 135 corsi e 63 convegni.
LUGANO
1 gior
Il nonno di Eitan fermato dalla polizia ticinese per un controllo
Poche le informazioni invece sul misterioso guidatore che ha accompagnato i due all'aeroporto.
BELLINZONA
1 gior
Il Palazzo delle Orsoline e la fontana si accendono di arancione
La settimana d’azione “Sicurezza dei pazienti 2021”, appena terminata, mira a sensibilizzare l'opinione pubblica
LUGANO
27.10.2019 - 19:030
Aggiornamento : 22:02

Un fulmine mette in ginocchio la chiesa di Castagnola

Danneggiato il campanile. Ma tutto l'edificio ha bisogno di un urgente intervento di ristrutturazione. Per i lavori servono quasi due milioni di franchi

LUGANO - Nel 1936 la Chiesa di San Giorgio figurava sui francobolli da 20 centesimi fra i monumenti storici più belli della Confederazione. Oggi urgono interventi di ristrutturazione. Il colpo di grazia è da imputare a un fulmine che ha recentemente colpito in pieno il campanile. «Una forza inaudita – sottolinea Gianni Rezzonico, che è stato presidente del Consiglio parrocchiale di Castagnola per venticinque anni – tanto che le tegole e le mattonelle della parete campanaria sono volate per quaranta metri, atterrando sulla strada sottostante. Erano passate da poco le quattro del pomeriggio e per fortuna nessuno si è fatto male».

I danni sono apparsi subito ingenti e le campane, regolate da comando elettronico, si sono bloccate. «Saranno ancora mute fino alla fine di novembre – precisa Rezzonico, patrizio di Castagnola – i lavori sono iniziati la scorsa settimana dopo tutti gli accertamenti del caso da parte dell'assicurazione, che coprirà interamente il danno di 50'000 franchi».

Ma il fulmine ha peggiorato notevolmente la situazione all'interno della Chiesa di San Giorgio, datata 1670-1680 e molto ambita anche per le cerimonie di matrimonio del Luganese.

Stato di massima allerta - Alcune evidenti crepe, in particolare sull'affresco di Sant'Antonio abate, stanno minando la struttura sulle pareti di entrambi i lati del luogo di culto e lo stato d'allerta è massimo. Gianni Rezzonico: «L'emergenza causata dal fulmine ha accelerato la procedura di risanamento della nostra chiesa, che ultimamente si è mossa di sei centimetri verso il lago. Il piano di intervento è già stato messo a punto, stiamo definendo i finanziamenti per partire al più tardi entro l'inizio di gennaio 2020».

I lavori, stimati in quasi due milioni di franchi sull'arco di tre anni, con il blocco quasi totale delle funzioni religiose, comportano una prima fase di messa in sicurezza dell'interno con lo stesso sistema di tiranti adottato per la Basilica di San Francesco di Assisi. «È l'unico modo per arginare il propagarsi delle crepe e dare elasticità alla struttura – precisa ancora Rezzonico – ma pure il sagrato, costruito su di un cimitero, ci preoccupa».

Le scosse causate dal fulmine hanno evidenziato le pecche strutturali dell'area su cui poggia la Chiesa di San Giorgio. La falda del Monte Brè è infatti molto calcarea e le infiltrazioni dell'acqua piovana hanno peggiorato notevolmente le cose.

Castagnola è fra i quartieri più ricchi di Lugano e con l'aggregazione del 1972 ha portato alla sua città contribuenti di grande valenza come il barone Hans Heinrich von Thyssen-Bornemisza o la famiglia di Vittorio e Teresa Cornaro, da sempre sensibili alle esigenze parrocchiali. Oggi resta fra i posti di villeggiatura più belli con Ruvigliana, Suvigliana, Cortivo e San Domenico.

Investimento imponente - Ma le casse del Consiglio parrocchiale, presieduto oggi da Harald Agosti, non sono in questo momento in grado di far fronte a un investimento così imponente. «Non abbiamo scelta, altrimenti perdiamo la nostra chiesa, creando oltretutto un danno enorme all'area su cui poggia. Confederazione, Cantone e Città di Lugano sono pronti ad aiutarci nella misura del 70 per cento, il restante 30 è a nostro carico per una cifra che potrà oscillare tra i 400 e 600'000 franchi».

Come già nel 1973 per degli interventi di restauro interni, i fedeli sono pronti a sostenere la loro parrocchia in una situazione allarmante come questa. «I soldi scarseggiano – conclude Gianni Rezzonico, fra i promotori dell'iniziativa di salvataggio – ma non possiamo permetterci di speculare. La Chiesa di San Giorgio deve continuare a vivere per la nostra comunità, ma soprattutto va evitato un danno maggiore per gli abitanti di Castagnola».

Foto Pezzani
Guarda tutte le 11 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
mats70 1 anno fa su tio
Che li mettano i Cornaro visto che sono così amici della chiesa di Castagnola, in fondo per loro mezzo milione sono peanuts
pillola rossa 1 anno fa su tio
Nôtre Dame docet
bimbogimbo 1 anno fa su tio
un qualche calice o collana d’oro ai prelati e vedi quanti soldi saltano fuori. Ma è possibile che ancora oggi c’e qualche beone che crede nelle chiese? (non sto parlando di credere in un Dio, quello rispetto tutte le credenze personali)
Nilo221 1 anno fa su tio
@bimbogimbo Si va in chiesa per pregare a Dio, per stare insieme per celebrare L'EUCARESTIA, per ascoltare il vangelo ecc è un posto dove si incontra la propria comunità una volta a settimana. Io nella mia parrocchia di calici d'oro non ne ho ancora visti tanto meno di collane, anche perchè sarebbero state sicuramente già rubate. La chiesa ha le porte sempre aperte a tutti se era di oro come dici tu nn sarebbe rimasto nulla, piuttosto entra in una qualsiasi poi fammi sapere.
sedelin 1 anno fa su tio
i danni a una proprietà privata sono risarciti dalle assicurazioni, altrimenti il privato paga di tasca propria. di chi é la chiesa? sembra che ci sia una banca vaticana ben rifornita...
Nilo221 1 anno fa su tio
Speriamo che vada tutto a posto
francox 1 anno fa su tio
Due milioni per un fulmine e a me non pagano il router....
centauro 1 anno fa su tio
@francox Forse il fulmine è un pretesto?
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-19 13:29:36 | 91.208.130.85