ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
2 ore
Dopo l'omicidio, nuovi guai
Via Odescalchi: uno dei condannati protagonista di un pestaggio in carcere.
CANTONE
4 ore
Covid, in Ticino università sul chi vive
Mascherina obbligatoria, sì o no? Usi e Supsi si preparano al rientro a settembre. Ecco come
CANTONE
6 ore
Un taxi “giallo” per la Val Verzasca
Il servizio, in fase di test nella valle, sarà aperto a tutti durante il prossimo fine settimana
VIDEO
LUGANO
7 ore
Salute dei ghiacciai: presentato il progetto Recogn.ice
Una cornice è stata posizionata sul San Salvatore per sensibilizzare l'opinione pubblica.
PARADISO
8 ore
Anche il Conca d'Oro getta la spugna
Il Lido di Paradiso ha deciso di non aprire quest'anno a causa dei vincoli imposti dalla pandemia.
LUGANO
8 ore
Aggredì la famiglia: «incapace di intendere e di volere»
La corte delle assise criminali ha disposto una presa a carico terapeutica intensiva.
BELLINZONA
9 ore
La Città sostiene gli apprendisti
Il Municipio di Bellinzona ha deciso di creare un fondo da 200'000 franchi per la loro assunzione.
CANTONE
10 ore
Recluta muore durante una marcia
È stata ritrovata dopo una breve ricerca. Inutili i tentativi di rianimazione.
LUGANO
10 ore
Parcheggi moto a pagamento: «Ecco un altro balzello»
Interrogazione della Lega al Municipio sulla possibilità di introdurre tasse di parcheggio anche per le due ruote
CAPRIASCA
12 ore
Addio a Carlo Nobile
Classe 1938, era noto per le sue attività di attore, doppiatore e docente. Oggi i funerali a Lugano.
FOTO
FAIDO
12 ore
Incidente sull'A2, disagi verso sud
Protagonista una coppia di anziani francesi. Sul posto la Polizia con due veicoli e un'ambulanza
CANTONE
23.10.2019 - 17:450

Mensa obbligatoria negli asili, il tamtam diventa mediatico

L’Aripe, associazione che critica l’impostazione ticinese, si sta muovendo con una serie di articoli sulle testate d’oltralpe per segnalare «in negativo l’unicum del nostro cantone».  

TESSERETE - Il caso era esploso ad inizio anno quando oltre trecento maestre d’asilo, con una lettera al Governo, avevano puntato il dito contro l’obbligo di far mangiare alla mensa i bimbi dai 4 anni in su. Ma prima ancora era stato un genitore su Tio/20Minuti a criticare l’impostazione ticinese e la battaglia era stata rilanciata attraverso l'Aripe, Associazione per il rispetto di un’infanzia pedagogicamente equa che aveva mosso critiche contro le «7 ore giornaliere consecutive senza alcuna possibilità di una pausa pranzo con gli affetti familiari».

La novità è che ora la stessa Aripe, attraverso il suo presidente Enrico Ferrari, ha iniziato un’azione martellante sui media d’oltralpe per «far parlare dell’unicum ticinese». 

La Luzerner Zeitung, e tutte le altre testate dello stesso gruppo, hanno pubblicato oggi un articolo in cui Ferrari parla come alfiere della resistenza in Ticino verso questa impostazione voluta da HarmoS. Altri quindici cantoni, ricorda il presidente dell’Aripe, aderiscono al concordato, ma aggiunge che «nel canton Zurigo vi sono sempre più famiglie che chiedono (e pare ottengano) di poter tenere a casa i bambini di 4 anni in quanto è per loro prematuro doverli mandare all’asilo 5 mattine alla settimana... ebbene sì, in tutto il resto della Svizzera nessuno viene obbligato a mangiare in mensa né ad andare all’asilo il pomeriggio a soli 4 anni». E aggiunge: «Ventisette media d’oltralpe oggi hanno parlato (male) del Ticino», annunciando un prossimo articolo sulla Tages-Anzeiger.

«In Ticino il Governo ha fatto muro, oltralpe invece la reazione, quando ne parlo, è di incredulità. L’ho verificato con i funzionari dei vari cantoni dove l'obbligo delle 7 ore consecutive non esiste» conclude Ferrari. 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
ni_na 8 mesi fa su tio
Come al solito, se qualcuno alza la testa, il lettore medio di tio deve dargli addosso. Sareste un campione interessante per una qualche ricerca sociologica :-) Comunque, mi pare chiaro che qui nessuno parla di abolire la mensa, si sta contestando l’obbligo. Un bambino di quell’età non può rimanere ostaggio dell’asilo per colpa dello stato per tutte quelle ore. 4 anni,... Mi sento male per tutti quei genitori e quei bambini che vivono male l’obbligo e non hanno scelta.
JoZ 8 mesi fa su tio
Mi sembra di rileggere certe rivendicazioni di inizio anni 80...
albertolupo 8 mesi fa su tio
e chi lavora lontano dal luogo di abitazione e non rientra per il pranzo? reclamerà che come minimo due volte la settimana qualcuno gli deve portare il pargolo presso il ristorante dove va a mangiare?
albertolupo 8 mesi fa su tio
e chi lavora lontano dal luogo di abitazione e non rientra per il pranzo? reclamerà che come minimo due volte qualcuno gli deve portare il pargolo presso il ristorante dove va a mangiare?
albertolupo 8 mesi fa su tio
Mi sembra di ricordare che il Ticino era considerato all’avanguardia in Svizzera (fatto rarissimo) proprio perché da anni ha la scuola materna, mentre in altri cantoni non esisteva nemmeno.
Mediapress 8 mesi fa su tio
Ben vengano le mense, ma non obbligatorie!
Ribelle 8 mesi fa su tio
Siamo l’unico Cantone svizzero (e probabilmente l’unico Paese al mondo) in cui i bambini, dall’età di quattro (quattro!), anni sono obbligati dallo Stato ad andare all’asilo per sette ore al giorno e ai quali è proibito (sempre dallo Stato) pranzare con la propria famiglia. Lo Stato non concede nemmeno la possibilità di adeguare la frequenza in base all’età evolutiva del bambino, tiene conto unicamente dell’età anagrafica. Nessuno sta chiedendo l’abolizione della mensa o della scuola dell’infanzia. Questi genitori chiedono semplicemente di poter scegliere se far pranzare il bambino in famiglia, assieme ai genitori e eventuali fratelli di scuola elementare e media, o alla mensa dell’asilo. Ho l'impressione che la libertà di scelta e di autodeterminazione dia sempre più fastidio e la cosa, a mio modo di vedere, è preoccupante.
Polifemo 8 mesi fa su tio
Cari genitori (anche io lo sono), non offendetevi ma è vergognoso il vostro atteggiamento da barricata. Si sono fatte carte false per ottenere le mense ed ora voi le mettete alla berlina. I bambini e le bambine ospiti delle scuole materne non sono vessati oppure oppressi. Non vengono fatti lavorare o soffrire. Anzi ai bambini ed alle bambine di quell’età fa bene avere interazioni con altri bambini e bambine e dover imparare a seguire determinate regole e ritmi. Imparano giocando, mangiano insieme, riordinano insieme, giocano... Potete sempre andare in svizzera interna... No?
comp61 8 mesi fa su tio
il problema è proprio questo: le mamme chioccia. Magari cosi facendo riduciamo pure lo smog
pontsort 8 mesi fa su tio
Queta é gente che considera l'asilo un posto dove posteggiare i bambini à la carte.
marco17 8 mesi fa su tio
Concordo pienamente con te: c'è qualcosa che puzza in questa levata di scudi di un genitore che si identifica con una misteriosa associazione. Si sono reclamate le mense per consentire ai genitori che lavorano di potersi organizzare. Detto questo, una certa flessibilità non farebbe male.
RV50 8 mesi fa su tio
Se non ci sono le mense ci si lamenta che le mamme non possono lavorare .... se ci sono non va bene perché i bambini devono mangiare con i genitori.... allora tagliamo le mense scolastiche e ognuno si gestisce come vuole ma poi non lamentatevi se quando nevica o piove dovete andare a prendere i vostri figli ... chi rimane a pranzo si assuma le spese ... c'é qualcosa che vi va bene?
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-15 00:49:23 | 91.208.130.86