Archivio Depositphotos
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
33 min
Uccise la moglie: condannato a diciotto anni di carcere
È colpevole di assassinio il 57enne macedone comparso alle Criminali per il delitto di Ascona
ROVEREDO (GR)
36 min
Equilibri in Municipio di nuovo in discussione
Il Tribunale federale ha accolto in parte il ricorso della sezione Liberale democratica sul conteggio delle schede dell'elezione dell'ottobre 2018
CANTONE
40 min
Un anno impegnativo per il sindacato dei docenti
Dalla pausa per i docenti di scuola dell’infanzia, all’ottimizzazione dei consigli di classe, fino alla riforma del liceo
CANTONE / URI
1 ora
Scontro nel San Gottardo, circa 40mila franchi di danni
L'impatto contro un pullman è costato un bello spavento all'automobilista, che ha effettuato un testacoda prima di andare a sbattere contro la parete della galleria
LUGANO
1 ora
«Ma quale conflitto d'interessi?», Valenzano Rossi risponde alla Lega
La capogruppo PLR sottolinea come la collaborazione, legale, fosse nota da tempo. E rilancia: «Attaccata per indurre al silenzio le voci critiche e per mancanza di argomenti validi»
FOTO
CANTONE
1 ora
Sos Infanzia premia quattro associazioni
Consegnato il riconoscimento in onore di Federico Mari a Malattie Genetiche Rare Svizzera Italiana, Shark Team 2000, Illy e la Sindrome di Goodpasture e ATKYE
FOTO E VIDEO
CENTOVALLI
1 ora
Operazione mozzafiato: cinque campane in volo a Rasa
Video spettacolare sui monti innevati. Claudio Simoni, segretario della “parrocchia”: «È un momento storico per noi»
CANTONE
2 ore
Il prof. Giovanni Pedrazzini in conferenza a Massagno
L'evento, aperto a tutti, permetterà al pubblico di conoscere un luminare del suo ramo, unico ticinese a ricoprire la carica di Presidente della Società Svizzera di Cardiologia
CANTONE
2 ore
Genova e Savona propongono la loro strategia dei trasporti
Dubbi sulla fattibilità della Chiasso-Lugano. Autotrasporto strategico ancora per molti anni a venire
CANTONE
2 ore
Oltre trenta domande sulla politica carceraria
L'interrogazione al Consiglio di Stato si inserisce in un'indagine avviata dal deputato ginevrino Pierre Bayenet
LUGANO
2 ore
Lavori stradali a Viganello, ecco dove fare attenzione
Si terranno di notte, tra il 25 di novembre e il 6 di dicembre
BELLINZONA
2 ore
Haber a Castellinaria: «Chiedo scusa a tutte le donne»
Nell'occhio del ciclone "la performance" sessista dell'attore bolognese domenica sera al festival per ragazzi, soprattutto nei confronti della presentatrice
LUGANO
3 ore
Il LAC supera il milione di presenze
Anche la quarta stagione del centro culturale ha registrato un incremento di pubblico arrivando a quota 280’721
CANTONE
3 ore
Il Mendrisiotto dimenticato e tartassato
Interrogazione di Matteo Quadranti, che chiede al Governo di difendere la stazione internazionale di Chiasso e i momò dal rincaro dei premi di cassa malati e della benzina
FOTO
BELLINZONA
3 ore
Cent'anni di proporzionale a Palazzo delle Orsoline
Una mostra ripercorre le dinamiche che portarono la Confederazione ad introdurre il sistema proporzionale per la ripartizione dei seggi in Consiglio Nazionale
LUGANO
4 ore
Ecco chi ha vinto il premio svizzero Architettura sostenibile
Lo hanno assegnato a Lugano Artecasa e Raiffeisen, a vincere Oppenheim Architecture di Basilea e attivo in tutto il mondo
CANTONE
4 ore
Roberto Bevacqua è il nuovo Capo della Sezione delle finanze del Dfe
Sostituirà Sandro Destefani, ora direttore della Divisione dell'ambiente
GAMBAROGNO
4 ore
Traffico da incubo, torna la “mega rotonda” in zona Pergola
La sua messa in funzione è prevista entro circa 15 giorni. Intanto la colpa delle code viene attribuita anche al cantiere di Luino
CANTONE
4 ore
L'onda verde conquista il Malcantone
Si presenta un neocostituito gruppo ecologista che mira a dare risposte ai problemi urgenti della regione
CANTONE / URI
4 ore
Incidente in galleria, chiuso per un'ora il San Gottardo
Lo scontro, di lieve entità, è avvenuto nella parte urana del tunnel, che è rimasta inagibile fino alle 15
CANTONE
7 ore
Uccise la moglie: «Ma fu omicidio, non assassinio»
La difesa del 57enne autore dell’episodio di sangue verificatosi nel 2017 in un autosilo di Ascona chiede la condanna a quattordici anni di carcere. L’incarto potrebbe tornare al mittente?
MENDRISIO
7 ore
Così una ticinese trasforma le unghie in fenomeno internazionale
Si è concluso di recente il Campionato Internazionale Aestetica Nails Challenge di Napoli. Organizzato dalla momò Claudia Valli. Ecco come è andata
MANNO
7 ore
Prestigioso riconoscimento per un professore della Supsi
Giovanni M. Pavan ha vinto un ERC Consolidator Grant, prestigioso riconoscimento conferito dal Consiglio Europeo della Ricerca
LUGANO
8 ore
La Lega contro Valenzano Rossi: «Ha ricevuto soldi da Lugano Airport?»
Un'interpellanza punta a far luce su un presunto conflitto d'interessi della capogruppo PLR in Consiglio comunale
CHIASSO
8 ore
Sacchi biodegradabili e distribuzione di acqua per salvare l'ambiente
Lo chiede un'interrogazione presentata al Municipio da Patrizia Wasser
LUGANO
23.10.2019 - 20:010

Vanno solo alle elementari e hanno già lo Smartphone

Si abbassa sempre di più l’età in cui i ragazzini hanno il primo approccio con le nuove tecnologie. “Colpa” anche delle cattive abitudini dei genitori? L’analisi dell’esperta Eleonora Benecchi

LUGANO – È una scena che si nota sempre più di frequente. Il bimbo agitato al ristorante. E il genitore che per calmarlo gli mette tra le mani l’iPhone o l’iPad. Fotogrammi inquietanti di un’epoca schizofrenica. In cui (fonte NET-Metrix) la metà degli under 14 svizzeri è connessa a Internet e il 67% guarda video in streaming. E in cui l’approccio con le nuove tecnologie è sempre più precoce. Un fenomeno finito recentemente sotto la lente di Eleonora Benecchi, docente di culture digitali all’Università della Svizzera italiana (USI).

Professoressa, che radiografia ci può dare?
«Da anni studiamo il tema con i partner dello ZHAW di Zurigo e dell'Università di Ginevra. Stiamo concludendo la nuova edizione dello studio MIKE, che indaga il rapporto dei bambini dai sei ai dodici anni con i media. I bambini usano con altissima frequenza cellulari. La metà degli oltre mille bambini che hanno partecipato alla ricerca ha un proprio cellulare. Il tablet è abbastanza utilizzato, ma è il cellulare il media preferito».

Qual è la tendenza?
«Il contatto con le tecnologie digitali è ampio e frequente. E cresce con l'aumentare dell'età».

Under 12 perennemente incollati agli schermi, dunque?
«No. Le nostre ricerche mostrano anche che i bambini preferiscono comunque giocare all'aperto, fare degli sport e incontrare gli amici piuttosto che guardare uno schermo».

Dunque?
«Dobbiamo distinguere tra impressioni generali e dati effettivi».

Quanta responsabilità hanno i genitori?
«Sono pochi quelli che effettivamente danno in mano cellulare e tablet liberamente ai loro bambini. In Svizzera i genitori tendono mediamente a regolare il tempo dedicato dai figli a cellulari e tablet, oltre che a verificare l'appropriatezza dei contenuti a cui accedono».

Una questione di misura?
«Se insegniamo ai bambini a gestire in modo consapevole questi dispositivi e controlliamo che i contenuti a cui sono esposti siano adatti alla loro età, non ritengo dobbiamo drammatizzare l'uso di cellulari e tablet».

Non c’è il rischio che il fenomeno travolga le nuove generazioni?
«Penso infatti che si debba investire di più, anche a livello di ricerca, per prenderne le misure. Ad esempio, non sappiamo davvero se il passaggio dalla lettura su carta a quella digitale sia dannoso per i bambini. Prima di regolamentare o descrivere nuovi percorsi dobbiamo esplorare determinate questioni in profondità».

I bambini di oggi sono in un certo senso i pionieri dell'era digitale.
«Si parla tanto di nativi digitali. È un termine che dovremmo abolire. Perché sapere usare gli strumenti tecnologici non significa essere educati al digitale o esserne consapevoli delle conseguenze dell'uso».

Dove sta il problema?
«Come sostiene la ricercatrice Sonia Livingston, i bambini sono come i canarini che i minatori usavano nelle miniere per capire lo stato dell'aria e gli eventuali pericoli. I canarini percepivano e subivano i cambiamenti dell'ambiente molto prima dei minatori».

Una metafora interessante. A che conclusioni ci porta?
«Così dovremmo immaginarci il rapporto tra bambini e tecnologie digitali: la sensibilità che hanno agli effetti, positivi e negativi, della diffusione e penetrazione degli strumenti come iPad, cellulare e simili è infinitamente superiore a quella degli adulti. Ciò significa che possono beneficiare dei vantaggi, ma anche subire gli effetti problematici delle tecnologie molto prima e molto più intensamente di noi».

Qualche consiglio per i genitori?
«È essenziale fornire una buona educazione mediale ai bambini, assicurandosi che l'uso di particolari dispositivi sia inserito all'interno di una dieta mediale ricca dove i bambini possano entrare in contatto con media diversi, dal libro al tablet, dal cellulare alla radio e alla TV. Inoltre è importante che siano offerte ai bambini anche delle alternative ai media, come ad esempio il gioco di relazione o lo sport».

Commenti
 
Silvia Arcara 3 sett fa su fb
Non è di certo colpa dei bambini... ma dei genitori che glieli comprano per farli stare zitti e avere piu tempo per loro... triste, ma purtroppo é cosi. E la maggior parte dei genitori di oggi fa parte della stessa generazione di chi dice “io giocavo con le bambole, o io honricevuto il primo telefono a 18 anni, ecc....” è la mentalitá di certi genitori ad essere sbagliata, non i figli.
Sono Bravo 3 sett fa su fb
E poi parlano di clima! E poi anche i maestri non sono affatto in grado di educarli o farli studiare come una volta! Povera gioventù!!!!
Jocilene Jacobin 3 sett fa su fb
Poveri bambini e gioventù ‼️ Io, giocavo con due minuscole bambole in tessuto. Ed mega felice ☺
volabas 3 sett fa su tio
Le armi possono essere letali, cosi come il fumo , l'alcool, il sesso, il mangiare troppo e male e tanti altri abusi, tutto sta' nel giusto dosaggio, qui sta' la differenza tra un buon genitore e un mediocre genitore, il resto sono solo i soliti bla' bla'
seo56 3 sett fa su tio
E senza dubbio da maggiorenni voteranno i Verdi!
sedelin 3 sett fa su tio
nel prossimo e non lontano futuro ci saranno parecchie malattie in più (mentali, da dipendenza e sull'apparato scheletrico) con ulteriori maggiori COSTI DELLA SALUTE e AUMENTI DEI PREMI CM :-(((
sedelin 3 sett fa su tio
@sedelin ha ragione KENOBI: in più saremo dei robot inconsapevoli di essere manipolati. :-(((
Leandro Belli 3 sett fa su fb
Ma la colpa non è da attribuirsi ai bambini, ma ai genitori che glielo permettono...
Francine Palmero 3 sett fa su fb
Avremo a che fare con questa generazione quando saremo ancora più "maturi" 😱 ...pensateci!
kenobi 3 sett fa su tio
concordo c'é anche uno studio che dice che l uso dei telefonini da parte dei bambini li rende piu "stupidi " a scuola o davanti a dei problemi. oggi si puo chiedere al telefonino quando si devono cambiare le mutande si arriverà sempre piu ad essere dipendenti alle decisioni della tecnologia e cosi il popolo lo si puo controllare su tutto. arriverà il controllo delle persone
Mirketto 3 sett fa su tio
...Temo il giorno in cui la tecnologia andrà oltre la nostra umanità: il mondo sarà popolato allora da una generazione di idioti. ...Lo diceva Einstein....la verità
Désirée Schlee-Borostyan 3 sett fa su fb
É questione di generazione, mio papà leggeva, io guardavo la tv e mia figlia guarda il tablet. Se io fossi nata negli anni '40 avrei passato anche io il tempo a leggere perché era quello che si faceva (e sarei stata sgridata perché leggere troppo fa male agli occhi...) e se mio papà fosse nato nel 2010 adesso avrebbe in mano uno smartphone. Ad ogni generazione il suo. Le critiche ci saranno sempre, perché alla gente piace lamentarsi, ma il "ai miei tempi" nn ha senso. I tempi cambiano, le cose cambiano, la gente che si lamenta per tutto resta 🙈
Koenig Assunta 3 sett fa su fb
Désirée Schlee-Borostyan quando il cellulare serve ok ,ma quando si è in compagnia sopratutto a tavola assolutamente no 👎 il tuo discorso è inutile e non c entra niente . È anche buona educazione
Désirée Schlee-Borostyan 3 sett fa su fb
Koenig Assunta non so bene dove hai letto nel mio commento che sono d'accordo a far usare il cellulare a tavola... illuminami 😅il mio era un discorso in generale. Inutile dal tuo punto di vista, per chi ha colto il mio pensiero invece no😊 👋
Sara Colombrino Vassalli 3 sett fa su fb
Désirée Schlee-Borostyan sempre detto la stessa cosa
Koenig Assunta 3 sett fa su fb
Désirée Schlee-Borostyan era generale ma non c entra con il post
Dunia del Bello 3 sett fa su fb
Il mondo va sempre più veloce, la tecnologia evolve, i bambini sono sempre più svegli ... perché bisogna proibirlo?? Basta dare delle regole, si usa solo un determinato lasso di tempo, il restante fuori a giocare...😄 Non c’è nulla di male che i bimbi imparino ad utilizzare le tecnologie...anzi... 😄
Zaffaroni Mauro 3 sett fa su fb
Dunia del Bello il cellulare crea dipendenza più tardi lo usano meglio è
Dunia del Bello 3 sett fa su fb
Zaffaroni Mauro non sono tanto d’accordo sul: ( più tardi lo usano meglio è..) Prima imparano ad usare le tecnologie, più allenano il cervello ... Certo bisogna dare un contegno..
Benedetto Craco 3 sett fa su fb
E allora ? Vanno alle elementari e hanno i libri piu falsi del mondo che hanno scritto gli editori . Garibaldi ,Mazzini, Cavour sono eroi ? Sono criminali
Anna Natolino 3 sett fa su fb
Eduu Talaj guai ai nostri figli .😶😂
Bayron 3 sett fa su tio
Ecco gli ecologisti di oggi!!
Kevin Kast 3 sett fa su fb
Tutti quanti scandalizzati...chi glielo dice che tra 20/30 anni tutte le scuole avranno solo tablet? 😂
Romy Ribi 3 sett fa su fb
Poverissimi bambini!
Libero pensatore 3 sett fa su tio
Eleonora Benecchi ha risposto perfettamente alle domande. Il genitore deve prendersi la responsabilità dell’utilizzo che fanno i loro figli del mezzo. Proibirne l’uso per me è una stuoidaggine, perché poi i ragazzini si procurano comunque le cose e le gestiscono in autonomia, e tipicamente usano male il mezzo perché non hanno gli strumenti per gestirlo. Il compito di noi genitori è quello di fornire mezzi e strumenti adeguati ai nostri figli per permettere loro di gestire al meglio le sfide che dovranno affrontare. Chiuderli sotto una campana di vetro non è una cosa intelligente da fare. Non bisogna vietare, bisogna capire e gestire che è un mestiere molto più complicato. Vietare o concedere tutto senza monitorare è semplicissimo, ma restituisce risultati pessimi.
Cinzia Foglia 3 sett fa su fb
Hanno tutto ... ma in realtà non hanno niente . Noi eravamo molto più spensierati alla loro età
Alessandro Milani 3 sett fa su fb
Colpa di deficienti di genitori rincoglioniti
Fetije Ibraj 3 sett fa su fb
Troppo viziati!
Sabrina Ehrismann Calvia 3 sett fa su fb
Io noto che non solo i ragazzini usano il telefonino. Quando sono in bus tanti adulti non alzano nemmeno la testa per guardarsi intorno. E non credo che questi adulti siano degli ex bimbi che avevano il telefonino a 9 anni....
Cristina Beretta 3 sett fa su fb
Non ci posso credere, come rovinare l'infanzia😱😡😡😡
Norvegianviking 3 sett fa su tio
Tanti bei bla bla bla poi nel forum quasi tutti possiedono facebook, con il quale spippolano di certo più di qualche minuto al giorno. E tanti saranno genitori. Chi non lo è fa presto a criticare ma una volta divenuto padre o madre, mica detto che riesca a tener lontano i figli dalle diavolerie tecnologiche. Io fino alla fine della seconda media ce l'ho fatta a non comperare il cellulare a mio figlio, poi mi sono dovuto arrendere anche perchè è la scuola stessa che sempre più gestisce l'allievo con la tecnologia (pagella elettronica, ricerche sul web, ecc...). Da piccolo io mangiavo pochissimo (al contrario di adesso...) e mia madre per la disperazione acconsentiva affinchè, pur di mangiare, pranzassi con il Topolino in mano o cenassi davanti alla tv. Mica l'ho biasimata per questo, altrimenti sarei morto di fame... Certo ci vuole equilibrio, altrimenti sì, arrischiamo di assistere in vacanza a scene del pargolo di tre anni a cena con il tablet in mano...
Donato Caputo 3 sett fa su fb
Quanta retorica passatista ...
Luca Tocchio 3 sett fa su fb
...e sono ipnotizzati
albertolupo 3 sett fa su tio
È vero. Come cambiano i tempi. I miei genitori per farmi stare tranquillo mi mettevano davanti al naso il Giornale del Popolo....
Um999 3 sett fa su tio
Ben venuti nel 2019, sfido chiunque a smentire chi era giovane a sentire i grandi: ai miei tempi non era così, i tempi erano diversi e si era più maturi etc. erc.
Tio1949 3 sett fa su tio
Poveri bambini
Giancarlo Baffa 3 sett fa su fb
Gente che dice "ai miei tempi" ne abbiamo? 🙄
Svizzeraefieradiesserlo 3 sett fa su tio
Non è vero che i genitori limitano il tempo che i loro figli passano sullo smartphone. Al contrario, sono specialmente le madri che glielo fanno usare già quando hanno meno di 1 anno per farli stare tranquilli mentre loro bevono il caffè o chiacchierano con le amiche.
Frankeat 3 sett fa su tio
@Svizzeraefieradiesserlo Penso che nel nord Europa sono messo peggio che da noi. Sono un po' di anni che quando vado al mare e mi ritrovo in mezzo a scandinavi e inglesi, i relativi bambini (piccolissimi) passano colazione, pranzo e cena con il tablet davanti al naso a guardare i cartoni animati, così stanno tranquilli.
Francesco Durante 3 sett fa su fb
La vita va avanti la tecnologia corre veloce, il futuro? Chi saprà sfruttare la tecnologia sarà avvantaggiato in tutto! Ricordo ancora un giorno una scena,correvano gli anni 90,ero a fare un lavoro in un negozio che vendeva i primi Commodor 64 , non sapevo quasi che fosse un computer ed avevo la bellezza di 25/6 anni, in questo negozio la figlia del proprietario 5/6 anni non di più usava già il pc ! Ora come ora dico che comunque c'è un'età per tutto ed i bambini sarebbe giusto trattarli da bambini facendoli giocare divertire tra di loro, ma anche giusto inserirli con i dovuti modi e le dovute cautele verso queste nuove tecnologie in quanto sono il loro futuro.
Andy Rocker Meli 3 sett fa su fb
Che che si voglia o no, il futuro sarà basato sulla tecnologia, e questo è solo l'inizio di una nuova era
Roberta Bra 3 sett fa su fb
Un errore enorme.
Forti Quadrio 3 sett fa su fb
È una vergogna
Giorgio Buzzini 3 sett fa su fb
zombie
Malvina Melescenko 3 sett fa su fb
La colpa È dei genitori , di chi se no ?
Arifi Albi 3 sett fa su fb
Sono scelte, personalmente sono contraria al possesso di un telefonino sotto i 14-16 anni. Come genitori abbiamo il compito di proteggere i nostri figli e "uno smartphone" è un'arma da non sottovalutare: preferisco un figlio arrabbiato con me piuttosto che odiare me stessa per l'averlo dato in pasto alla rete.
Romy Ribi 3 sett fa su fb
Brava...
Sarah Saretta 3 sett fa su fb
Arifi Albi bravissimaaaa!!! 👏👏👏👏 Così la penso pure io nei confronti della Niky.
Gianni Corrent 3 sett fa su fb
Magari anche di ultima generazione !!
Floriana Zamaroni 3 sett fa su fb
basterebbe che la scuola glielo proibisse.
Ferdi Nando 3 sett fa su fb
... non volete che li usano!?!?!?... NON DATEGLIELI.... Basta essere in grado di gestire i loro capricci se non lo ricevono!!! .. la vedo dura!
Val Caste 3 sett fa su fb
Che domandina 🍀🍀bella 🐾
Ferdi Nando 3 sett fa su fb
È la nostra generazione che li ha inventati... è la nostra generazione che glieli offre con offerte sempre più allettanti... è la nostra generazione che vuole fare soldi con i telefonini che vende ai ragazzi... è adesso bambini con la scusa che potrebbe servire... È la nostra generazione che si meraviglia che questo succede???? Ma sveglia 🔔!!!! Loro prendono ciò che noi gli offriamo!!!!! . Qualcuno ha scoperto l'acqua calda? Si legge... "io il primo telefonino l'ho ricevuto a "x" anni"... ..."...se fosse per me non glielo avrei dato..." 🙉🙊 🔔 🔔 🔔
Estellina Rossi 3 sett fa su fb
Valiant Thor
Moira Verga 3 sett fa su fb
Avranno tutti la gobba..
Marcio Ramalho 3 sett fa su fb
Solo colpa dei genitori .
Micaela Jurietti 3 sett fa su fb
Sono già bruciati i genitori con la tecnologia, figuriamoci i figli, e sarà sempre peggio. Li vedi al ristorante, un telefono in mano ai bambini per farli stare tranquilli, se sono adolescenti sembrano zombie, camminano per strada incollati allo schermo e ti vengono addosso, zero educazione, zero comunicazione e via. Che bello era giocare per strada, che bello era parlare con gli amici seduti ad una cena, pensare caspita ora mando un SMS e mi costa 1.-, faccio lo squillo etc etc 😄 E il telefono sì, alle medie e con la prepagata, se si stava via più di un giorno con la scuola.
Michele Ponzo 3 sett fa su fb
Micaela Jurietti 👏👏👏👏
Micaela Jurietti 3 sett fa su fb
Sono già bruciati i genitori con la tecnologia, figuriamoci i figli, e sarà sempre peggio. Li vedi al ristorante, un telefono in mano ai bambini per farli stare tranquilli, se sono adolescenti sembrano zombie, camminano per strada incollati allo schermo e ti vengono addosso, zero educazione, zero comunicazione e via. Che bello era giocare per strada, che bello era parlare con gli amici seduti ad una cena, pensare caspita ora mando un SMS e mi costa 1.-, faccio lo squillo etc etc 😄
Karen Pina 3 sett fa su fb
Poverini....Rinipove
ÐøɌes Rua 3 sett fa su fb
Io giocavo alle Barbie ed ero felicissima!
Moniica Monti Pimenta 3 sett fa su fb
ÐøɌes Rua fiiiiilha 😂😂😂
Sarah Saretta 3 sett fa su fb
ÐøɌes Rua anch' ioooo 😂😍
Manolo Palladini 3 sett fa su fb
Noi eravamo, loro sono il futuro.... è dura d'accettare ma è così... Il mio parere personale.
Laila Berger 3 sett fa su fb
Io avuto il nokia 3310 quando ho iniziato le medie. I miei me lo comprarono per chiamarli in caso perdessi il bus della scuola per tornare a casa all’ora di pranzo oppure al pomeriggio (abitavo lontana da scuola). I genitori di oggi permettono troppo. Bambini e ragazzini con gli occhi incollati su smartphone e Ipad. Una tristezza infinita, pure al ristorante.
Loris Bianchi 3 sett fa su fb
Laila Berger idem , ho reciclato il mio vecchio per mio figlio ,12 anni , ma solo per quando va ad allenamento e quando il sabato esce con il soci per andare in un centro ricreativo ! Diciamo che è più per una mia sicurezza che per un suo bisogno ! E funziona bene ! Da Noi tele e tablet in settimana sono BANDITI !
Laila Berger 3 sett fa su fb
Loris Bianchi fossero tutti come voi 🙂
Loris Bianchi 3 sett fa su fb
Laila Berger ma non con poca fatica ! Ma si può fare ! 😉😉
Pedraita Maurizio 3 sett fa su fb
Laila Berger io solo il piccione viaggiatore o i segnali di fumo😂
Romy Ribi 3 sett fa su fb
Loris Bianchi Bello andare con convinzione contro corrente, complimenti!
Tamara Caballero 3 sett fa su fb
Non e’ colpa dei bambini
Koenig Assunta 3 sett fa su fb
Vergognoso è dir poco
Patty Zala 3 sett fa su fb
I miei “solo” (io nn glielo avrei dato proprio) a fine prima medie, e solo nei weekend e vacanze! Io ho preso il mio primo natel a 21 anni....nn sono mica morta 🤣
Kate BerSca 3 sett fa su fb
Patty Zala Alessio e l’unica Mosca bianca della sua classe 🤔
Patty Zala 3 sett fa su fb
Kate BerSca guarda il problema è che il papi è cresciuto tra videogiochi , natel e boiate varie! Quindi...diciamo cha abbiamo trovato sto compromesso! Da fine prima e solo il weekend
Kate BerSca 3 sett fa su fb
Patty Zala 😏
Jack Esposito 3 sett fa su fb
Michela Comisetti
Michela Comisetti 3 sett fa su fb
Jack Esposito 🙈
Cesi Flascata 3 sett fa su fb
Io il mio primo telefono l'ho ricevuto a 14 anni, prima ne avevo uno solo per quando i miei non c'erano. Ho avuto un'infanzia bellissima senza telefono, quindi anche se non sono mamma secondo me alle elementari dovrebbero vietare l'uso dei telefonini. La mia generazione non li ha avuti e siamo stati benissimo, dunque credo anche i ragazzini di oggi possono.
Cristina Decarli Ex Wartenweiler 4 sett fa su fb
Dai noi proibito a scuola e sul bussino 😊
Patty Ae 4 sett fa su fb
Per fortuna ho solo cani😂😂😂
Noe Torti 4 sett fa su fb
Assurdo.... fossi mamma non so se lo darei... è comunque pericoloso per certi siti
Photoartjuse Switzerland Landscape 4 sett fa su fb
Io avevo gli amici
Loris Bianchi 4 sett fa su fb
Photoartjuse Switzerland Landscape verissimo ..... noi avevamo tanti amici 😉
Tommaso Berletti 4 sett fa su fb
Ecco perché poi non imparano a comunicare.
Cristina Botta 4 sett fa su fb
Buongiorno 😂
Antu Balmelli 4 sett fa su fb
Cristina Botta a lei
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-20 19:11:26 | 91.208.130.87