Pietro Veragouth, ideatore e coordinatore del progetto
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
8 ore
"Io l'8 ogni giorno" a fianco delle donne del Rojava
Il collettivo femminista ha incontrato alcune curde residenti in Svizzera e ha appreso il loro dramma. «Siamo solidali con la popolazione del Kurdistan siriano e denunciamo la politica delle autorità»
LUGANO
9 ore
La pista galleggiante rischia di "spiaggiarsi" sulla sicurezza
Sul tavolo del Cantone il progetto finanziato da privati per un impianto sul lago dove pattinare a Natale. Decisiva sarà la perizia del geologo sulla tenuta dei fondali a riva
FOTO
LUGANO
10 ore
Oltre cento nuovi laureati all'Usi
La Facoltà di scienze della comunicazione ha consegnato i diplomi a 47 neolaureati di Bachelor, 52 di Master biennale e 3 di dottorato
CANTONE
11 ore
Olio sull'A2, ritardi verso sud
Tra Lugano e Chiasso gli automobilisti si devono armare di pazienza. E l'A13 è chiusa ai mezzi pesanti a causa della neve
ASCONA
11 ore
"Grandi Speranze" giungono al Monte Verità
Il festival Eventi letterari, in programma dal 2 al 5 aprile 2020, arriva così all'ottava edizione
MENDRISIO
12 ore
Incredibile alla roulette dell'Admiral: «Il 18 è uscito per sei volte consecutive»
L'evento, più unico che raro, è avvenuto giovedì sera alla casa da gioco di Mendrisio: «Le probabilità sono di una su settanta milioni»
BELLINZONA
13 ore
Il Social Truck arriva nella capitale
Nel pomeriggio del 16 novembre il furgoncino sarà posteggiato in Piazza del Sole per la sua prima attesa tappa
LUGANO
13 ore
Genitore minacciato (con la pistola) dalla baby gang
Cinque giovani, di cui tre minorenni, sono stati arrestati negli scorsi giorni. Sono accusati di minaccia e coazione, ma anche di spaccio di stupefacenti e infrazione alla Legge sulle armi
NOVAZZANO
13 ore
Un accesso privilegiato per i clienti commerciali della Posta
Il nuovo punto d’accesso di via Pietro Bernasconi è stato presentato oggi
CANTONE
13 ore
Sorriso Ticino: «Salari e affari cresceranno nel 2020»
La previsione è contenuta in uno studio condotto dalla Camera neocastellana del commercio e dell'industria. Nel secondario e nel terziario gli stipendi dovrebbero progredire dell'1.1%
VIDEO
BELLINZONA
13 ore
Il viaggio per salvare l’umanità porta a Bellinzona
È “Exodos” il tema della decima edizione di Music on Ice, in programma il 10 e 11 gennaio nella pista di ghiaccio della capitale
BELLINZONA
14 ore
Buon compleanno all'inceneritore
Il termovalorizzatore di Giubiasco ha compiuto dieci anni di vita. L'azienda cantonale dei rifiuti festeggia
CANTONE
14 ore
Bellinzona e Chiasso hanno gli Okki verdi
I due comuni si sono distinti nel campo della gestione ecosostenibile dei rifiuti
AIROLO
14 ore
Pesciüm, tante novità per l'inverno
Abbonamenti, piste, gastronomia ed eventi per la stagione 2019/20 sono stati presentati questa mattina
BELLINZONA
15 ore
Il terremoto dalla Francia è arrivato fino in Ticino
Il sismografo del liceo di Bellinzona ha registrato un'oscillazione anomala, stamani. All'origine, un sisma nella regione dell'Alvernia-Rodano-Alpi
LUGANO / CINA
15 ore
Cc-Ti in missione in Cina
Il programma prevedeva incontri e visite imprenditoriali in 4 città: Pechino, Hangzhou, Shanghai e Shenzhen
FOTO
LUGANO
17 ore
Il panettone più buono del mondo è genovese
Quello ticinese però non è da meno. Oltre 4'500 persone hanno preso parte alla prima edizione della Coppa del Mondo del Panettone, la tre giorni di Lugano tutta dedicata al re dei lievitati
LUGANO
21.10.2019 - 19:140

«È la prima canzone creata solo con l’intelligenza artificiale»

Dall’A alla Zeta. Testi compresi. Così un algoritmo può capire i vostri gusti e realizzarvi brani su misura. Il responsabile del progetto: «Sarà la normalità. È solo questione di tempo»

LUGANO – Bocelli? Sting? Justin Bieber? Presto potrebbero diventare “inutili”. Dal Ticino arriva la prima canzone al mondo interamente realizzata con l’intelligenza artificiale. Dall’A alla Zeta. Testi compresi. Il team Sidi (Swiss Institute for Disruptive Innovation) di Lugano è riuscito a dimostrare come oggi sia possibile utilizzare l’intelligenza artificiale per comporre, arrangiare ed eseguire un brano musicale inedito. Partendo da zero e inviando un solo input al sistema. Nel caso specifico, il genere desiderato del brano. «Si tratta – spiega Pietro Veragouth, ideatore e coordinatore del progetto – del primo passo per lo sviluppo di un sistema completamente autonomo capace di comporre ed eseguire musica iper personalizzata».

Una “macchina” sa fare questo?
Nella prima fase abbiamo messo insieme i pezzi necessari per fare in modo che il sistema creasse dal nulla una canzone e ne migliorasse il risultato. Un processo circolare che ha però un limite. Un brano non può essere oggettivamente e universalmente bello. Al sistema possono quindi essere forniti parametri generali all’interno di range piuttosto ampi.

Dunque?
Una piccola variazione può stravolgere il risultato. A ciò va aggiunta una serie di considerazioni di ordine psicologico e culturale, ma anche legate a fattori quali l’esperienza musicale pregressa e i diversi condizionamenti che predispongono l’ascoltatore.

Può spiegare meglio il concetto?
Quando ascoltiamo musica, nel nostro cervello si scatenano diverse reazioni chimiche. Nel momento in cui uno specifico segmento di un brano ci procura una sensazione di piacere, significa che è stata prodotta, in particolare, dopamina.

Come si misura?
Attraverso la risonanza magnetica funzionale, oppure con un elettroencefalografo, possiamo misurare questa attività in tempo reale e determinare quale parte del brano ha indotto, sia a livello conscio sia inconscio, il rilascio del neurotrasmettitore, in quale area del cervello e in quale entità. Per ora ci siamo limitati all’utilizzo dell’elettroencefalografo.

Torniamo agli elementi che possono influenzare il fatto che si provi piacere ascoltando un brano…
Vanno considerati vari aspetti. Ad esempio la fama dell’artista, il fatto che il brano piaccia a qualcuno che noi consideriamo un opinion leader, la connessione di una sequenza di suoni a un ricordo inconscio precedentemente fissato nelle sinapsi e così via. 

Quali sono i prossimi obiettivi?
Il primo è quello di dimostrare che, applicando questo tipo di analisi al sistema realizzato, sia possibile creare musica virtualmente perfetta per ogni singolo ascoltatore. Il secondo è invece quello di “aprire” il sistema verso l’esterno, permettendo a utenti, generici o selezionati, di collaborare al miglioramento del brano. Questo è possibile perché gli utenti potranno dare il loro feedback attraverso la rete seguendo un protocollo. 

Ma se il brano è creato dal computer e migliorato dagli utenti, chi è l’autore? E chi ne deterrà la proprietà?
In effetti è una questione importante sulla quale ci siamo chinati. Se una canzone viene messa in rete anche solo allo scopo di testarne la bontà, si corre il rischio che venga volontariamente o anche involontariamente “rubata”.

Possibile utilizzare i tradizionali sistemi di certificazione?
Sarebbe impraticabile. Da qui l’idea di utilizzare la blockchain, il sistema di affidamento dati, assolutamente sicuro, su cui poggiano anche tutte le criptomonete, come i bitcoin. In questo modo, nel momento stesso in cui viene concepito, o migliorato, il brano, viene associato a una “prova d’esistenza” assolutamente inalterabile.

Vale a dire?
L’attribuzione della paternità del brano spetterà dunque all’autore iniziale che potrà opzionalmente accreditare l’opera agli altri contributori e stabilire la licenza d’uso. 

Cosa possiamo aspettarci in futuro?
Ciò che in realtà stiamo realizzando è una sorta di ecosistema che abbraccia anche altre tecnologie, come gli ologrammi e la realtà virtuale. Con l’ausilio di un proiettore olografico, è infatti possibile riprodurre sul palco un cantante o un’intera band e realizzare un concerto del tutto simile a uno reale.

Sembra fantascienza…
È un’innovazione che è già una realtà di successo in molti Paesi asiatici. Sul fronte della realtà virtuale, che si presenta come un megatrend di enormi dimensioni, stiamo sviluppando un modulo per la generazione, sempre sul modello precedente, di performer virtuali che, grazie all’intelligenza artificiale, sono in grado di cantare, ballare, rilasciare interviste e interagire con i propri fan.

Non è una realtà esagerata quella che sta decantando?
Le probabilità che ciò non si concretizzi sono estremamente basse. È solo una questione di tempo. Chi è immerso nell’innovazione ed è a contatto con le nuove generazioni deve solo fare due più due. Per fare un raffronto storico potremmo rapportare il grammofono alla realtà virtuale e il sintetizzatore degli anni ’80 all’intelligenza artificiale.

Commenti
 
andytt 2 sett fa su tio
se capis na got
Giacomo Carletti 3 sett fa su fb
Stavo pensando a una cosa del genere proprio oggi ascoltando Spotify, mi hanno rubato l'idea!
gabola 3 sett fa su tio
Visto gli ultimi risultati dei cantanti moderni trovo che si possa solo migliorare
Um999 3 sett fa su tio
@gabola Questa è bella veramente
streciadalbüter 3 sett fa su tio
Non ci resta che sperare nella scemenza rtificiale.
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-12 06:01:50 | 91.208.130.85