Pietro Veragouth, ideatore e coordinatore del progetto
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
8 ore
«Si può stare bene anche in prigione»
Vita di coppia in crisi? Single senza prospettive? I consigli di Eva Sykora, sex coach, ospite di piazzaticino.ch
FOTO E VIDEO
LUGANO
9 ore
Pompieri in azione in centro a Lugano
È stata segnalata la presenza di fumo all'ultimo piano di un edificio in viale Stefano Franscini
CONFINE
11 ore
Abusi su una bimba per vendere video, coppia comasca sarà processata
L'uomo è stato tradito da un sacchetto della spesa di un supermercato italiano che compariva casualmente sullo sfondo
MORBIO INFERIORE
11 ore
Alle Medie di Morbio Inferiore altri 25 casi di coronavirus
Undici sono verosimilmente riconducibili alla variante inglese del virus. Sono state testate 460 persone
CANTONE
12 ore
«Abbiamo 18 detenute alla Farera. Bisogna trovare una soluzione»
La Commissione di sorveglianza sulle condizioni di detenzione ha chiesto un incontro al Dipartimento delle istituzioni.
BELLINZONA
13 ore
Vaccinazioni nell'aula magna delle Scuole Nord
Da venerdì il Centro di prossimità accoglierà gli over 80 e gli eventuali conviventi over 75.
LUGANO
13 ore
Lugano ha una nuova direttrice delle risorse umane
Si tratta di Ana de las Heras. Prenderà il posto di Stéphane Pellegrini.
FOTO
DALPE
14 ore
Principio d'incendio in una canna fumaria
Intervento, ieri sera, per i pompieri dell'Alta Leventina. Nessuno è rimasto ferito.
CANTONE
15 ore
Anche il sesso va in lockdown
Coppie che scoppiano. E poche possibilità per i single. Eva Sykora, sex coach, in diretta su Piazza Ticino dalle 13.
CADENAZZO
15 ore
Un'intossicazione alimentare dietro ai malori alla Posta
Venerdì scorso tre collaboratori del Centro logistico erano stati trasportati in ambulanza all'ospedale.
AGNO
16 ore
L'Aspasi gioisce per l'aeroporto
Sette candidati per la gestione di Agno, tra cui tre favoriti. «Lo scalo è attrattivo, ora bisogna scegliere bene»
CANTONE
16 ore
Torna a nevicare in pianura
Meteo Svizzera lancia l'allerta. Pericolo "marcato" da questa sera fino a mezzogiorno di domani
LUGANO
17 ore
Green Skyrolo, il progetto entra nel vivo
È entrato definitivamente in vigore il Piano regolatore intercomunale del Pian Scairolo.
CANTONE
17 ore
In Ticino altri 114 contagi e 4 decessi
Calano i ricoveri in ospedale, ma non i pazienti in terapia intensiva. Il bollettino del medico cantonale
CANTONE
18 ore
Mercato dell'auto in crisi: «Vediamo quanti sopravviveranno»
Nel 2020 le vendite sono crollate del 24%. E gli aiuti sono stati pochi.
CANTONE / SVIZZERA
18 ore
Natalia Ferrara nella co-direzione di ASIB
Il Comitato nazionale ha scelto con convinzione una moderna forma di conduzione, incaricando due donne
CANTONE
18 ore
Le donne scrivono al Parlamento per il congedo parentale
Appello della Federazione delle Associazioni Femminili Ticino al Gran Consiglio in vista del 25 gennaio
LUGANO
21.10.2019 - 19:140

«È la prima canzone creata solo con l’intelligenza artificiale»

Dall’A alla Zeta. Testi compresi. Così un algoritmo può capire i vostri gusti e realizzarvi brani su misura. Il responsabile del progetto: «Sarà la normalità. È solo questione di tempo»

LUGANO – Bocelli? Sting? Justin Bieber? Presto potrebbero diventare “inutili”. Dal Ticino arriva la prima canzone al mondo interamente realizzata con l’intelligenza artificiale. Dall’A alla Zeta. Testi compresi. Il team Sidi (Swiss Institute for Disruptive Innovation) di Lugano è riuscito a dimostrare come oggi sia possibile utilizzare l’intelligenza artificiale per comporre, arrangiare ed eseguire un brano musicale inedito. Partendo da zero e inviando un solo input al sistema. Nel caso specifico, il genere desiderato del brano. «Si tratta – spiega Pietro Veragouth, ideatore e coordinatore del progetto – del primo passo per lo sviluppo di un sistema completamente autonomo capace di comporre ed eseguire musica iper personalizzata».

Una “macchina” sa fare questo?
Nella prima fase abbiamo messo insieme i pezzi necessari per fare in modo che il sistema creasse dal nulla una canzone e ne migliorasse il risultato. Un processo circolare che ha però un limite. Un brano non può essere oggettivamente e universalmente bello. Al sistema possono quindi essere forniti parametri generali all’interno di range piuttosto ampi.

Dunque?
Una piccola variazione può stravolgere il risultato. A ciò va aggiunta una serie di considerazioni di ordine psicologico e culturale, ma anche legate a fattori quali l’esperienza musicale pregressa e i diversi condizionamenti che predispongono l’ascoltatore.

Può spiegare meglio il concetto?
Quando ascoltiamo musica, nel nostro cervello si scatenano diverse reazioni chimiche. Nel momento in cui uno specifico segmento di un brano ci procura una sensazione di piacere, significa che è stata prodotta, in particolare, dopamina.

Come si misura?
Attraverso la risonanza magnetica funzionale, oppure con un elettroencefalografo, possiamo misurare questa attività in tempo reale e determinare quale parte del brano ha indotto, sia a livello conscio sia inconscio, il rilascio del neurotrasmettitore, in quale area del cervello e in quale entità. Per ora ci siamo limitati all’utilizzo dell’elettroencefalografo.

Torniamo agli elementi che possono influenzare il fatto che si provi piacere ascoltando un brano…
Vanno considerati vari aspetti. Ad esempio la fama dell’artista, il fatto che il brano piaccia a qualcuno che noi consideriamo un opinion leader, la connessione di una sequenza di suoni a un ricordo inconscio precedentemente fissato nelle sinapsi e così via. 

Quali sono i prossimi obiettivi?
Il primo è quello di dimostrare che, applicando questo tipo di analisi al sistema realizzato, sia possibile creare musica virtualmente perfetta per ogni singolo ascoltatore. Il secondo è invece quello di “aprire” il sistema verso l’esterno, permettendo a utenti, generici o selezionati, di collaborare al miglioramento del brano. Questo è possibile perché gli utenti potranno dare il loro feedback attraverso la rete seguendo un protocollo. 

Ma se il brano è creato dal computer e migliorato dagli utenti, chi è l’autore? E chi ne deterrà la proprietà?
In effetti è una questione importante sulla quale ci siamo chinati. Se una canzone viene messa in rete anche solo allo scopo di testarne la bontà, si corre il rischio che venga volontariamente o anche involontariamente “rubata”.

Possibile utilizzare i tradizionali sistemi di certificazione?
Sarebbe impraticabile. Da qui l’idea di utilizzare la blockchain, il sistema di affidamento dati, assolutamente sicuro, su cui poggiano anche tutte le criptomonete, come i bitcoin. In questo modo, nel momento stesso in cui viene concepito, o migliorato, il brano, viene associato a una “prova d’esistenza” assolutamente inalterabile.

Vale a dire?
L’attribuzione della paternità del brano spetterà dunque all’autore iniziale che potrà opzionalmente accreditare l’opera agli altri contributori e stabilire la licenza d’uso. 

Cosa possiamo aspettarci in futuro?
Ciò che in realtà stiamo realizzando è una sorta di ecosistema che abbraccia anche altre tecnologie, come gli ologrammi e la realtà virtuale. Con l’ausilio di un proiettore olografico, è infatti possibile riprodurre sul palco un cantante o un’intera band e realizzare un concerto del tutto simile a uno reale.

Sembra fantascienza…
È un’innovazione che è già una realtà di successo in molti Paesi asiatici. Sul fronte della realtà virtuale, che si presenta come un megatrend di enormi dimensioni, stiamo sviluppando un modulo per la generazione, sempre sul modello precedente, di performer virtuali che, grazie all’intelligenza artificiale, sono in grado di cantare, ballare, rilasciare interviste e interagire con i propri fan.

Non è una realtà esagerata quella che sta decantando?
Le probabilità che ciò non si concretizzi sono estremamente basse. È solo una questione di tempo. Chi è immerso nell’innovazione ed è a contatto con le nuove generazioni deve solo fare due più due. Per fare un raffronto storico potremmo rapportare il grammofono alla realtà virtuale e il sintetizzatore degli anni ’80 all’intelligenza artificiale.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
andytt 1 anno fa su tio
se capis na got
Giacomo Carletti 1 anno fa su fb
Stavo pensando a una cosa del genere proprio oggi ascoltando Spotify, mi hanno rubato l'idea!
gabola 1 anno fa su tio
Visto gli ultimi risultati dei cantanti moderni trovo che si possa solo migliorare
Um999 1 anno fa su tio
@gabola Questa è bella veramente
streciadalbüter 1 anno fa su tio
Non ci resta che sperare nella scemenza rtificiale.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-21 03:59:28 | 91.208.130.86