screenshot youtube
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
8 ore
"Io l'8 ogni giorno" a fianco delle donne del Rojava
Il collettivo femminista ha incontrato alcune curde residenti in Svizzera e ha appreso il loro dramma. «Siamo solidali con la popolazione del Kurdistan siriano e denunciamo la politica delle autorità»
LUGANO
9 ore
La pista galleggiante rischia di "spiaggiarsi" sulla sicurezza
Sul tavolo del Cantone il progetto finanziato da privati per un impianto sul lago dove pattinare a Natale. Decisiva sarà la perizia del geologo sulla tenuta dei fondali a riva
FOTO
LUGANO
10 ore
Oltre cento nuovi laureati all'Usi
La Facoltà di scienze della comunicazione ha consegnato i diplomi a 47 neolaureati di Bachelor, 52 di Master biennale e 3 di dottorato
CANTONE
11 ore
Olio sull'A2, ritardi verso sud
Tra Lugano e Chiasso gli automobilisti si devono armare di pazienza. E l'A13 è chiusa ai mezzi pesanti a causa della neve
ASCONA
11 ore
"Grandi Speranze" giungono al Monte Verità
Il festival Eventi letterari, in programma dal 2 al 5 aprile 2020, arriva così all'ottava edizione
MENDRISIO
12 ore
Incredibile alla roulette dell'Admiral: «Il 18 è uscito per sei volte consecutive»
L'evento, più unico che raro, è avvenuto giovedì sera alla casa da gioco di Mendrisio: «Le probabilità sono di una su settanta milioni»
BELLINZONA
12 ore
Il Social Truck arriva nella capitale
Nel pomeriggio del 16 novembre il furgoncino sarà posteggiato in Piazza del Sole per la sua prima attesa tappa
LUGANO
13 ore
Genitore minacciato (con la pistola) dalla baby gang
Cinque giovani, di cui tre minorenni, sono stati arrestati negli scorsi giorni. Sono accusati di minaccia e coazione, ma anche di spaccio di stupefacenti e infrazione alla Legge sulle armi
NOVAZZANO
13 ore
Un accesso privilegiato per i clienti commerciali della Posta
Il nuovo punto d’accesso di via Pietro Bernasconi è stato presentato oggi
CANTONE
13 ore
Sorriso Ticino: «Salari e affari cresceranno nel 2020»
La previsione è contenuta in uno studio condotto dalla Camera neocastellana del commercio e dell'industria. Nel secondario e nel terziario gli stipendi dovrebbero progredire dell'1.1%
VIDEO
BELLINZONA
13 ore
Il viaggio per salvare l’umanità porta a Bellinzona
È “Exodos” il tema della decima edizione di Music on Ice, in programma il 10 e 11 gennaio nella pista di ghiaccio della capitale
BELLINZONA
13 ore
Buon compleanno all'inceneritore
Il termovalorizzatore di Giubiasco ha compiuto dieci anni di vita. L'azienda cantonale dei rifiuti festeggia
CANTONE
14 ore
Bellinzona e Chiasso hanno gli Okki verdi
I due comuni si sono distinti nel campo della gestione ecosostenibile dei rifiuti
AIROLO
14 ore
Pesciüm, tante novità per l'inverno
Abbonamenti, piste, gastronomia ed eventi per la stagione 2019/20 sono stati presentati questa mattina
BELLINZONA
15 ore
Il terremoto dalla Francia è arrivato fino in Ticino
Il sismografo del liceo di Bellinzona ha registrato un'oscillazione anomala, stamani. All'origine, un sisma nella regione dell'Alvernia-Rodano-Alpi
LUGANO / CINA
15 ore
Cc-Ti in missione in Cina
Il programma prevedeva incontri e visite imprenditoriali in 4 città: Pechino, Hangzhou, Shanghai e Shenzhen
FOTO
LUGANO
16 ore
Il panettone più buono del mondo è genovese
Quello ticinese però non è da meno. Oltre 4'500 persone hanno preso parte alla prima edizione della Coppa del Mondo del Panettone, la tre giorni di Lugano tutta dedicata al re dei lievitati
CANTONE
16 ore
Questa notte torna la neve in Ticino
Attesi 10-30 centimentri in Valle di Blenio. Allerta più lieve in tutte le valli del Sopraceneri
BISSONE
17 ore
Campanile decapitato, tutta colpa di una cinghia
Il SISI ha chiarito la dinamica dell'incidente avvenuto lo scorso 12 marzo, puntando il dito su «un'organizzazione inappropriata del lavoro»
LUGANO
17 ore
Verso il voto sull’aeroporto: perché ci sono delle differenze?
La sinistra interroga il Municipio su una modifica del dispositivo che sarà sottoposto al Consiglio comunale
MEZZOVICO-VIRA
19 ore
Mezzovico-Vira festeggia i neo diciotteni
La tradizione si è rinnovata anche negli scorsi giorni
CANTONE
19 ore
Più opportunità per la formazione professionale ticinese
Il DECS ha presentato il progetto "Più duale" che mira a rafforzare la formazione professionale. Fra gli obiettivi anche quello di aumentare il numero di posti di apprendistato (+800 entro il 2023)
CANTONE
20 ore
I fontanieri tornano alla carica con il DT
Lo fanno chiedendo a che punto sia l’adozione della nuova legge sulla gestione delle acque che disciplina i requisiti professionali per i responsabili degli acquedotti
CANOBBIO
21 ore
Faceva girare riviste porno per attirare i ragazzini fragili
Resta ancora in attesa di processo l’ex allenatore di hockey, docente e municipale, accusato di presunti abusi sessuali su minori. Intanto, trapelano dettagli grotteschi
LUGANO
23 ore
È scomparsa Aurélie Simonet
La donna si è allontanata da Lugano venerdì mattina. Si esprime in francese, italiano e inglese
BIASCA
23 ore
È nata un'associazione che riunisce i proprietari di rustici e immobili secondari
Sabato a Biasca è stata costituita l'URPIS. Pietro Rusconi è stato nominato presidente
MENDRISIO
23 ore
«Più collegamenti diretti tra il Mendrisiotto, la Svizzera interna e l'Italia»
È quanto chiede Astuti, che invita le autorità di Chiasso e Mendrisio a rivendicare un maggior numero di collegamenti
CHIASSO
23 ore
Per strada con la targa "fai-da-te"
Gli automobilisti creativi rischiano fino a tre anni di carcere. Una decina di casi l'anno in Ticino
CANTONE
23 ore
Iniziativa dei comuni, 51 sindaci scrivono al Gran Consiglio
I Comuni che hanno aderito all’iniziativa chiedono alla Commissione gestione e finanze di pronunciarsi contestualmente alla decisione sul Preventivo 2020
LUGANO
1 gior
Caccia al ladro in famiglia, il gioco che diventa terapia
Sottomettersi, per finta, al potere dei figli. I segreti di una terapia ludica che permette di alleviare stress e noia. Rafforzando l'autonomia dei piccoli.
FOTO E VIDEO
COLDRERIO
1 gior
Scooterista centra lo spartitraffico: è grave
L'incidente è avvenuto a Coldrerio. L'uomo, un 43enne svizzero domiciliato nella regione, sarebbe in pericolo di vita
LOCARNO
21.10.2019 - 07:480

Dal Ticino un’idea che potrebbe rivoluzionare la sicurezza stradale

Si tratta di un sistema che informa i conducenti sull’intensità della frenata dei veicoli. In modo da reagire tempestivamente ed evitare i tamponamenti

LOCARNO - Per ora è solo un brevetto, un’invenzione. Ma potrebbe rappresentare una piccola rivoluzione nella sicurezza stradale, contribuendo a diminuire i tamponamenti che quotidianamente avvengono sulle strade.

Si tratta di un nuovo e innovativo sistema di frenata che, tramite un’illuminazione applicabile a qualsiasi veicolo, consente a chiunque di percepire immediatamente l'intensità della frenata d'emergenza del veicolo davanti a sé. In questo modo si riesce a reagire più velocemente e le possibilità di evitare una collisione o, nei casi più gravi, un incidente, aumentano. 

«Il brevetto è stato depositato già qualche anno fa a Berna. Avevo un’idea e l’ho protetta. È rimasto un po’ in standby ma ora sono pronto per partire», ha spiegato Morgan Rosarno, titolare della ROST International. Un sistema utile tanto nelle aree urbane quanto in quelle extraurbane, dove i veicoli raggiungono velocità elevate e per questo motivo i tempi di reazione del conducente sono notevolmente ridotti.

Segnali di luce - In sostanza viene installato un terzo fanale di stop che emette segnali di luce diversi in base alla diversa intensità di frenata. Che possono avere diversi aspetti: una serie di luci accese in successione (frenata leggera - 2 luci accese, frenata media - 5 luci, frenata vigorosa - 7 luci e frenata d’emergenza - 10 luci) o luci di colore diverso (frenata leggera - luce verde, frenata media - luce arancione, frenata intensa - luce rossa e frenata d’emergenza - luce rossa lampeggiante).

Omologazione - Per la sua commercializzazione manca ancora l’omologazione, che non dovrebbe comunque essere un grosso ostacolo. «A livello di normative non stravolge niente. In molti modelli di auto ormai le frecce sono a scorrimento. Addirittura alcune auto americane hanno le frecce di colore rosso e non arancione», fa notare il nostro interlocutore, aggiungendo ironicamente: «Se la domanda di omologazione dovesse farla una casa madre… non diranno mai di no!».

Sicurezza ad un prezzo modico - Calcolare un possibile prezzo di vendita è tuttavia ancora prematuro. «Io ho avuto l’idea e ho sviluppato il progetto, quindi nel mio caso venderei il brevetto a chi fosse interessato a commercializzarlo. «Il sistema è comunque relativamente semplice da realizzare e probabilmente, con i costi della manodopera svizzeri, costerebbe più l’installazione che non il pezzo stesso. Anche per questo una casa madre potrebbe essere interessata ad installarlo direttamente in fase di catena di montaggio», conclude Rosarno.

Commenti
 
Claudio Ferrari 2 sett fa su fb
Mi sembra una “cagata pazzesca”
Paolo Passamonti 2 sett fa su fb
A parte il fatto che esistono già sistemi che frenano autonomamente e che iniziano ad essere montati anche sulle utilitarie recenti... già il fatto di guardare dove si va e non il telefono aiuterebbe già molto.
Alessio Ale Bontempi 3 sett fa su fb
Tatiana Bontempi mi sa che mettono te a coordinare
Roby Shavershian 3 sett fa su fb
Marco Fraschina il mio ferrari non ha questo optional....
Jonathan Busolini 3 sett fa su fb
Poi devi fare un corso per interpretare i segnali luminosi ? Che idea geniale, il tempo che impieghi a capire cosa significa il segnale luminoso lo perdi nel reagire alla frenata. Tanto il problema maggiore sono le distanze quasi mai mantenute alle alte velocità, puoi avere tutti i segnali luminosi del mondo, si tratta di fisica: il tempo di reazione alla frenata e della frenata stessa non permettono di evitare il tamponamento a distanze insufficienti. Piuttosto trovi molto più utile i segnalatore radar delle distanze che ti avvisa quando ti avvicini troppo al veicolo che precedi.
Fabio Vanzin 3 sett fa su fb
Basterebbe eliminare il segnale al cellulare quando l’auto è in movimento ...così la gente sarebbe più attenta alla strada e meno ai social
Moreno Pietra 3 sett fa su fb
Basta non cazzeggiare con il telefono e concentrarsi sulla guida!!!!!!!!!
Christian Clemente Alias Taz 3 sett fa su fb
E una cosa che e già stata inventata nelle super car ...
Federico Forgione 3 sett fa su fb
Mariachiara meglio il tuo sensore a pressione del braccio
Elena Maretti 3 sett fa su fb
La mia Suzuki (Vitara) allerta con un suono molto forte se c’è pericolo di collisione in base alla velocità e alla distanza dal veicolo che precede.
Eugenio Eu Scozzafava 3 sett fa su fb
E non si può disattivarlo staccando un fusibile? 😁😁😄
Elena Maretti 3 sett fa su fb
Eugenio Eu Scozzafava e perché dovrei disattivarlo? È utilissimo
Eduu Talaj 3 sett fa su fb
Esiste già si chiama distanza..
Sandro Rennis 3 sett fa su fb
Si chiama distanza di sicurezza 😄😄
Vincenzo Maresca 3 sett fa su fb
esiste gia' qualcosa di simile gia' installato di serie su alcune vetture....in base alla frenata l'intensita' della luce degli stop cambia da meno intensa x frenate leggere a piu' intensa nelle frenate piu' brusche....comunque mantenendo la distanza di sicurezza e guardando bene quello che fanno gli automobilisti avanti.....non c'è pericolo...io in vita mia ho percorso diversi milioni di km tra auto moto e camion e situazioni di emergenza x strada ne ho trovate spesso....un tir a cui scoppia una gomma....un auto che perde la marmitta un incidente con la pioggia in cui un auto perde il paraurti anteriore e me lo ritrovo davanti.....insomma mi e' capitato di tutto e di piu'....e non ho mai fatto un incidente....solo una volta mi e' capitato che mi tamponasse un signore anziano svizzero tedesco che mentre mi recavo al lavoro alle 5 del mattino sull'80kmh mi tampona essendosi addormentato al volante....
Mirco Zabot 3 sett fa su fb
Esiste già qualcosa di simile lo montano Fiat e Alfa Romeo altre case non lo so, in caso di Frenata brusca si attivano le 4 frecce!
Diogo Rafael 3 sett fa su fb
Ma a parte che in alcuni modelli, e manco tanto giovani, se stinchi parecchio si accendono le 4 frecce, che secondo me é più immediato.
Ridvan Albana Asllani 3 sett fa su fb
Mi sembra una trovata che già esiste! L'idea sarebbe quella di informare i conducenti sull'intensità della frenata quando oggi abbiamo già sistemi sistemi che frenano in autonomia in caso di non intervento del conducente. Direi che è molto più efficace la seconda anche perchè non credo che uno si metta a guardare l'intensità della luce per decidere quando picchiare giù sul freno :)
jena 3 sett fa su tio
- cambi di limiti di velocità = una maggior accortezza alla guida. logico che se si guida col terrore di superare il limite...
Siù Milo 3 sett fa su fb
Basterebbe tenere gli occhi sulla strada e non su altro.......
Litapeppino 3 sett fa su tio
Ecco Morgan che ha inventato l'acqua calda...il tuo " brevetto" ce già da diversi hanni. Mi sa Morgan che lo devi installare tu per svegliarti!
andrea28 3 sett fa su tio
Superata dai sistemi di assistenza alla guida e frenata che arrestano l'auto ancor prima che il conducente reagisca...
Klime Jakimov 3 sett fa su fb
I modelli nuovi di tante marche ormai lo fanno (quando freni intensamente gli stop lampeggiano) solo che in Ticino siamo poveri quindi girano auto di 30 anni fa e questo sistema non c'è.
Boni Stone 3 sett fa su fb
Klime Jakimov la tua RS3 dovrebbe fare lo stesso dato che è nuova ( penso) e potente ?😬
Luigi Simone 3 sett fa su fb
Cruise control adattivo con frenata di emergenza. Ormai lo hanno tutte.
Elena Re 3 sett fa su fb
Mantenere la distanza di sicurezza senza aggeggi è troppo difficile? 🤔 Bah 🤷‍♀️
Rino Matter 3 sett fa su fb
Se la gente si disciolasse un po’ c’è ne sarebbero meno attaccati al culo, ma quanto quotidianamente ti trovi i ciucci che vanno 45 negli 80 per svegliarli fuori qualcosa si deve fare ed il faro sarebbe un ottima idea solo che glielo metterei nel c.... dianaaaaaaaa
Enea Bofetti 3 sett fa su fb
Rino Matter commento intelligente...dai commenti si lamentano tutti che la gente gli si attacca sotto il culo,forse perché sono loro i primi attaccati al telefono che vanno a 40 sul 60....
Rino Matter 3 sett fa su fb
Enea Bofetti concordo... anche se il problema nn è sempre il telefono... li vedi assopiti, quello davanti va 50 quello dietro 45 quello dietro 40 e via dicendo... arrivando alla quinta macchina che siamo fermi 🤬🤬🤬🤬🤬🤬🤬🤬🤬🤬🤬🤬🤬🤬🤬vorrei un rullo per l’asfalto mezza giornata al mese, altro che rotonde semafori, radar e prevenzioni varie... eliminerei le colonne e il traffico del ticino
Eugenio Eu Scozzafava 3 sett fa su fb
L'unico dispositivo realmente funzionante sarebbe il rispetto delle regole, solo che spesso chi ti segue sembra ti sta talmente attaccato che si fa fatica a capire dove finisce la tua auto e inizia la sua il tutto mentre aggiorna lo stato di facebook sul telefonino...
Salvatore Nieddu 3 sett fa su fb
Eugenio Eu Scozzafava trattasi di dispositivi “idiot proof “. Purtroppo sempre più in auge.
Eugenio Eu Scozzafava 3 sett fa su fb
Gli idiot o i dispositivi?? 😁
Salvatore Nieddu 3 sett fa su fb
Eugenio Eu Scozzafava eh, direi che uno è la conseguenza dell’altro 😏
Stef81 3 sett fa su tio
L'idea può essere buona, anche se "vecchia". Comunque i tempi di reazione dopo aumentano, bisogna elaborare il fatto "quante luci sono accese e dunque quanto devo frenare ?" Di sicuro potrà servire, ma non è di sicuro rivoluzionaria. Per aumentare la sicurezza bisogna diminuire il fattore umano degli zombie alla guida
driver1973 3 sett fa su tio
È vecchia di qualche anno.
andytt 3 sett fa su tio
Ma se le macchine nuove hanno già di serie le quattro frecce che si accendono in caso di frenata d'emergenza !?
Chuck A. Gorzenski 3 sett fa su fb
Basterebbe che la gente alla guida non guarderebbe sui cellulari a leggere oppure scrivere SMS/WhatsUp. Chi guida si concentri al traffico e non alle notizie, caxxo !
Luca Gilardi 3 sett fa su fb
Chuck A. Gorzenski assolutamente.
Maurizio Roggero 3 sett fa su fb
Si può inventare e brevettare tutto quello che si vuole, ma la stupidità umana sarà sempre un passo avanti.... Le distanze da rispettare, queste sconosciute.... In Germania sono docili sui controlli di velocità, ma danno multe salate sul non rispetto delle distanze, introdurre un sistema simile da noi, troppo difficile?!
Adrian von Siegmund 3 sett fa su fb
basta non attaccarsi dietro a rompere da mandare in bestia anche un monaco buddista tibetano 😉. E l‘attaccarsi dietro é una prerogativa di troppi conducenti italioti (non italiani) Ma perché poi ?! Comunque il non rispetto della distanza di sicurezza in Germania é reato penale.
Flaviano Nicola 3 sett fa su fb
BMW monta un sistema molto simile già da un pezzo... (luce freni bistadio)
Luca Tursi 3 sett fa su fb
Flaviano Nicola non solo bmw. Le francesi sono più di 10 anni che in caso di prua a frenata accende automaticamente le 4 frecce.
Yan Saporiti 3 sett fa su fb
Luca Tursi questo lo fanno tutte adesso che io sappia :) Si ma ad un'idea simile ci avevo già pensato prima ed il risultato qual'è stato? A conti fatti si peggiorerebbe. 1) sarebbe un incentivo a tenere meno le distanze 2) al posto di frenare tempestivamente, il conducente dovrebbe prima interpretare il messaggio, perdendo magari qualche decimo. 3) Sarebbe da tarare per ogni auto, dunque costosissimo. Perchè la frenata leggera di un mezzo da 2000 kg non è quella di uno da 1100. I pneumatici di una non sono quelli dell'altra, ecc. in poche parole non ha senso, purtroppo per questo ragazzo
Luca Tursi 3 sett fa su fb
Yan Saporiti penso che come intensità di frenata si intenda la decelerazione del veicolo e non la pressione sul pedale
Yan Saporiti 3 sett fa su fb
Luca Tursi ma comunque sarebbe troppo interpretabile. Se vai a 120 o più, meno c'è da interpretare e meglio è. Potrei capire un sistema di "intensità" della luce freno, ma anche quello... metti che si danneggia, metti che da una situazione con molta luce si passi ad una con pochissima (tipo gallerie, che non sono tutte illuminate correttamente), ecc. Per me sarebbe l'ennesimo accessorio volto a peggiorare lo stato dei conducenti. Piuttosto, che mi è benuto in mente ora, un segnale laser per la macchina che segue. Un segnale percepibile solo dal radar dell'auto inseguitrice, di modo da anticipare i suoi "riflessi", trasmettendo questi dati sulla frenata. Però non so come funzionano questi radar, dunque potrebbe essere inutile..
Fabio Orlando 3 sett fa su fb
Se uno quando guida non presta attenzione (esempio telefonino), puoi anche mettergli Sbirulino che agita le braccia che non lo vedrà mai. Ci vuole testa, non tecnologia
Luca Gilardi 3 sett fa su fb
Fabio Orlando la tecnologia può aiutare, però. È chiaro che comunque si da per scontato che NON si deve usare il telefonino mentre si guida.
Fabio Orlando 3 sett fa su fb
Luca le macchine di oggi sono già strafarcite di tecnologia, il problema è contrario.......più tecnologia, meno attenzione alla guida! Tanto "fa tutto lei" 🙈🙈🙈
Pietro Pre 3 sett fa su fb
Ci vogliono entrambi
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-12 05:48:42 | 91.208.130.85