Ti Press
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
6 ore
Tramonta il posto fisso, decolla l'interinale
I dati sono incoraggianti e il mondo del lavoro interinale è in continua espansione, tanto che fino al 20% delle persone che (ri)trovano un posto fisso vengono proposte dalle agenzie specializzate
CUGNASCO-GERRA
7 ore
È nata la nuova Associazione Anziani Cugnasco-Gerra
Eletta la presidenza e il comitato. Lo scopo? Prevenire e combattere l’emarginazione delle persone anziane
CONFINE
7 ore
Lieve terremoto avvertito in Valposchiavo
La terra ha vibrato, ma non si attendono danni
CANTONE
8 ore
Caccia sì, ma non stressiamo gli animali al gelo
Si apre la caccia tardo autunnale. Cervi, caprioli e cinghiali sono le prede. Ma con dei limiti: «Le condizioni sono estreme, bisogna evitare che gli animali disperdano le loro energie»
CANTONE
9 ore
La legge "Fogazzaro" si è arenata. Bertoli: «Il Parlamento decida»
Da febbraio la modifica della legge scolastica è in Commissione, dove si sta tentando l'operazione di unire due rapporti antitetici. Il direttore del Decs: «È un'operazione impossibile»
CANTONE
11 ore
Uccise la moglie: condannato a diciotto anni di carcere
È colpevole di assassinio il 57enne macedone comparso alle Criminali per il delitto di Ascona
ROVEREDO (GR)
11 ore
Equilibri in Municipio di nuovo in discussione
Il Tribunale federale ha accolto in parte il ricorso della sezione Liberale democratica sul conteggio delle schede dell'elezione dell'ottobre 2018
CANTONE
11 ore
Un anno impegnativo per il sindacato dei docenti
Dalla pausa per i docenti di scuola dell’infanzia, all’ottimizzazione dei consigli di classe, fino alla riforma del liceo
CANTONE / URI
11 ore
Scontro nel San Gottardo, circa 40mila franchi di danni
L'impatto contro un pullman è costato un bello spavento all'automobilista, che ha effettuato un testacoda prima di andare a sbattere contro la parete della galleria
LUGANO
12 ore
«Ma quale conflitto d'interessi?», Valenzano Rossi risponde alla Lega
La capogruppo PLR sottolinea come la collaborazione, legale, fosse nota da tempo. E rilancia: «Attaccata per indurre al silenzio le voci critiche e per mancanza di argomenti validi»
FOTO
CANTONE
12 ore
Sos Infanzia premia quattro associazioni
Consegnato il riconoscimento in onore di Federico Mari a Malattie Genetiche Rare Svizzera Italiana, Shark Team 2000, Illy e la Sindrome di Goodpasture e ATKYE
FOTO E VIDEO
CENTOVALLI
12 ore
Operazione mozzafiato: cinque campane in volo a Rasa
Video spettacolare sui monti innevati. Claudio Simoni, segretario della “parrocchia”: «È un momento storico per noi»
CANTONE
12 ore
Il prof. Giovanni Pedrazzini in conferenza a Massagno
L'evento, aperto a tutti, permetterà al pubblico di conoscere un luminare del suo ramo, unico ticinese a ricoprire la carica di Presidente della Società Svizzera di Cardiologia
CANTONE
12 ore
Genova e Savona propongono la loro strategia dei trasporti
Dubbi sulla fattibilità della Chiasso-Lugano. Autotrasporto strategico ancora per molti anni a venire
CANTONE
13 ore
Oltre trenta domande sulla politica carceraria
L'interrogazione al Consiglio di Stato si inserisce in un'indagine avviata dal deputato ginevrino Pierre Bayenet
LUGANO
13 ore
Lavori stradali a Viganello, ecco dove fare attenzione
Si terranno di notte, tra il 25 di novembre e il 6 di dicembre
CANTONE / SVIZZERA
08.10.2019 - 08:110
Aggiornamento : 08:55

Disoccupazione stabile ormai da qualche mese

Il tasso a livello nazionale è rimasto invariato al 2,1%, il più basso dal 2001. Anche in Ticino e nei Grigioni la situazione non è mutata in maniera significativa

BERNA - Il tasso di disoccupazione ufficiale rimane fermo e su livelli contenuti in Svizzera: la quota dei senza lavoro si è attestata in settembre al 2,1%, lo stesso valore registrato in giugno, luglio e agosto, nonché dato più basso da fine 2001. Nel confronto su un anno vi è stata una contrazione di 0,2 punti.

Ma nel frattempo altre 3000 persone non hanno ormai più diritto a percepire i contributi dell'assicurazione. In Ticino la disoccupazione è al 2,5% (tasso invariato rispetto ad agosto, -0,1 annuo), nei Grigioni allo 0,8% (+0,1 mensile, -0,1 annuo).

Ticino al settimo posto - In Ticino i senza lavoro erano 4273: 61 in più di agosto e 254 in meno di settembre 2018. A titolo di confronto, la media annua del 2018 è stata di 4953, quella del 2017 di 5667. Il Ticino (2,5%) presenta una quota di senza lavoro che è la settima più alta in Svizzera: valori più elevati che a sud delle Alpi si osservano solo a Ginevra (3,8%), Vaud (3,3%), Giura (3,3%), Neuchâtel (3,3%), Basilea Città (2,7%) e Sciaffusa (2,6%). Sopra la media elvetica sono anche Argovia (2,4%) e Friburgo (2,3%), mentre i tassi più contenuti sono osservati a Obvaldo (0,6%), a Nidvaldo (0,7%) e nei Grigioni (0,8%): il cantone trilingue ha 852 disoccupati (+19 su agosto e -105 su base annua).

Stando ai dati diffusi oggi dalla Segreteria di Stato dell'economia (SECO), a livello nazionale, alla fine di settembre 99’098 disoccupati erano iscritti presso gli uffici regionali di collocamento (URC), 454 in meno di 30 giorni prima. Nel confronto su dodici mesi è stato osservato un calo di 7488 unità.

Disoccupazione bassa, anche se... - Va rilevato che il tasso rimane ai livelli più bassi da quasi 18 anni. A titolo di confronto gli ultimi dati di settembre erano stati 3,1% (2015), 3,2% (2016), 2,9% (2017) e 2,3% (2018). Le quote di senza lavoro registrate dalla SECO sono comunque tradizionalmente basse: negli ultimi 20 anni il valore mensile più elevato è stato del 4,3%, osservato nel gennaio 2004. Va anche rilevato come i dati sulla disoccupazione non tengono conto di coloro che hanno esaurito il diritto a ricevere le prestazioni e che ad esempio vivono di risparmi o si trovano a beneficio dell'assistenza.

Setacciando in dettaglio le tabelle relative a settembre 2019 emerge che fra i giovani la disoccupazione è del 2,4% (-0,1 mensile, -0,2 annuo); i disoccupati di 15-24 anni erano 12'652. Tra i lavoratori ultra 50enni il tasso è del 2,2% (nessuna variazione mensile, -0,2 annuo) e il fenomeno interessa 27'421 persone. I disoccupati di lunga durata (cioè quelli iscritti agli URC da oltre un anno) erano 13'286: 165 giovani, 6342 25-49enni e 6733 ultra 50enni.

Svizzeri vs. stranieri - Leggendo i dati in base alla nazionalità, gli svizzeri presentano una quota di senza lavoro dell'1,6%, gli stranieri del 3,6% (in entrambi i casi: dato fermo mensile, -0,2 annuo). Fra chi non ha il passaporto rosso le differenze sono comunque notevoli: fermo restando che nessuna comunità presenta valori inferiori a quelli relativi ai cittadini elvetici, lo scarto è ancora ridotto per tedeschi (2,3%), ma si fa già più consistente per gli italiani (3,3%) e i francesi (4,3%). Il dato più elevato è registrato dagli africani (7,6%), che la SECO presenta nel loro insieme, ma elevati sono anche i tassi di bulgari (6,1%), kosovari (5,4%), rumeni (5,5%) e turchi (5,0%). Nel suo insieme i 28 paesi dell'Ue (3,1%), con cui vige la libera circolazione delle persone, presentano una quota quasi doppia (3,1%) di quella mostrata dagli svizzeri.

Alcune considerazioni - I dati diffusi dalla SECO si basano sulle persone effettivamente iscritte agli URC. La definizione è quindi diversa da quella dei disoccupati ai sensi dell'Ufficio internazionale del lavoro (ILO), che opera attraverso sondaggi e che rende nota la sua stima trimestralmente: l'ultima disponibile - pubblicata a metà agosto - dà la disoccupazione in Svizzera nel secondo trimestre al 4,2%. Lo scarto fra i due dati - quello della SECO e quello ILO - suscita spesso acceso dibattito.

I disoccupati sono solo una parte del totale delle persone in cerca di impiego: quelle registrate presso gli URC in agosto erano 171’423, 1574 in più rispetto al mese precedente e 7076 in meno di un anno prima. In Ticino erano 8304 (+2,1% mensile, -1,0% annuo), nei Grigioni 1713 (+8,9%, -10,1%).

La SECO ha pubblicato anche gli ultimi dati disponibili relativi al lavoro ridotto, che in luglio ha interessato 744 persone (-50,6% in confronto a giugno) e 58 aziende (-31,0%), per un totale di 14'885 ore perse (-25,0%). A titolo di confronto, nel luglio 2018 erano state registrate 21’451 ore perse, ripartite su 416 persone in 59 aziende.

A luglio si riferisce anche l'ultima informazione riguardo alle persone che hanno esaurito il loro diritto alle prestazioni dell'assicurazione contro la disoccupazione: erano 3028, un dato superiore a quello di giugno (2196) e alla media mensile del 2018 (2930), ma inferiore a quella dei tre anni precedenti.

Commenti
 
miba 1 mese fa su tio
La madre delle fake news nostrane......
dan007 1 mese fa su tio
la verita sulla disoccupazione chiedetela agli Svizzeri
Dioneus 1 mese fa su tio
Basta prendere per il cu*o. La disoccupazione reale è ben più alta dato che questi dati del ciuff non considerano né chi è in assistenza, né quelli che sono a piedi ma hanno rinunciato ad iscriversi (data l'inutilità e la scarsa professionalità delle casse disoccupazione). Lo stesso articolo del resto dice che 3000 persone hanno perso il diritto alla cassa, e non certo perché hanno trovato lavoro. Concordo con @Nicklugano: non dovreste neppure pubblicarle queste "notizie"
Nicklugano 1 mese fa su tio
Ma la volete smettere di dare spazio e visibilità elle statistiche farlocche della SECO ? O magari ci credete davvero ?
Zico 1 mese fa su tio
@Nicklugano io concordo con te e non ho nemmeno letto le farloccate della SECO. questi sì dovrebbero restare in disoccupazione
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-21 05:47:31 | 91.208.130.87