Ti Press
LUGANO
23.09.2019 - 14:320

In diecimila per la festa d'apertura del Lac

L’apertura della quinta stagione è stata accompagnata da entusiasmo e un’ampia partecipazione da parte del pubblico

LUGANO - La festa per l’apertura della quinta stagione del LAC è stata accompagnata da entusiasmo e un’ampia partecipazione da parte del pubblico. Durante il fine settimana, hanno preso parte alle diverse proposte che hanno animato il centro culturale quasi 10’000 persone.

Roberto Badaracco, presidente dell’Ente LAC Lugano Arte e Cultura: «Siamo molto felici che la gente abbia aderito con entusiasmo a questo fine settimana di eventi gratuiti. LAC in festa s’iscrive all’interno delle diverse iniziative volute sin dall’inizio dal direttore Michel Gagnon per portare le arti verso il pubblico, in formati diversi e sorprendenti, fuori dai luoghi abituali, rivolgendosi così anche ai non appassionati. Con un taglio popolare, LAC in festa ha segnato la ripresa della programmazione. Mi auguro che questo successo sia di buon auspicio per il proseguimento della quinta stagione».

Le giornate di sabato e domenica sono state caratterizzate da una folta partecipazione di pubblico: le attività su prenotazione, tra queste le visite guidate e l’installazione Poetica-MenteCuore, hanno registrato il tutto esaurito nel corso delle prime ore di sabato mattina. In Piazza Luini, nella Hall e nei laboratori della Sala Teatro la performance a ciclo continuo Les Irréels, con il suo popolo fantastico, ha affascinato bambini e famiglie. In Sala Teatro, gli spettatori hanno assistito con trasporto alle cinque esibizioni delle inedite formazioni dell’Orchestra della Svizzera italiana e dell’ensemble Concerto Scirocco. I visitatori che hanno approfittato di questo fine settimana per visitare le mostre del Museo d’arte della Svizzera italiana (MASI) e della Collezione Giancarlo e Danna Olgiati sono stati numerosi, come i piccoli artisti che hanno preso d’assalto l’atelier. Molte famiglie hanno accolto la sfida di LAC edu, andando a caccia dei luoghi del LAC; mentre la conversazione fra l’artista Franz Gertsch e il direttore del MASI, Tobia Bezzola, ha visto la partecipazione di tanti appassionati.

La serata di sabato ha fatto danzare e cantare circa 1'000 persone sia nel Parco, che per la prima volta ha ospitato dei concerti, sia sul palco della Sala Teatro, trasformato in una sala da ballo. Il pubblico accorso ad assistere ai concerti sotto le stelle è rimasto affascinato dalle esibizioni, fra le altre di Roy Paci, e dall’inedito allestimento; mentre sul palco i partecipanti di Balerhaus si sono scatenati in diversi stili di danza accompagnati da tutor e dalla musica dal vivo.

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-15 04:51:14 | 91.208.130.86