TiPress - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Ticino
CASTEL SAN PIETRO
27 min
Medacta potrebbe dover sborsare una decina di milioni
Advanced Surgical Devices, società controllata dal gruppo della famiglia Siccardi, ha subito una condanna (provvisoria) negli Stati Uniti
CONFINE
35 min
«Li perdono, ma intanto li ho denunciati»
Ladri in azione nella villa di monsignor Grampa. L'ex vescovo di Lugano: «Bottino magro, solo oggetti devozionali»
PARADISO
1 ora
Gran successo per il carnevale di Paradiso
Lo scorso weekend trampolieri, giocolieri e mangiafuoco hanno trasformato il lungolago in un circo a cielo aperto
CANTONE / MILANO
1 ora
«Altro che volante, a me tutto il cruscotto»
Ennesima vittima della banda milanese che, in questo caso, ha colpito la sera di S. Valentino. Il danno? Circa 17mila franchi
LUGANO
1 ora
La fisica solare entra all'USI
Approvata ieri dal Parlamento l'affiliazione dell'IRSOL alla Facoltà di scienze informatiche
FOTO E VIDEO
CONFINE
3 ore
A carnevale questo scherzo non vale: «Sequestrati 100'000 prodotti non sicuri»
La Guardia di Finanza di Como ha requisito parrucche, maschere e cappelli di due esercizi commerciali di Olgiate Comasco e Vertemate Con Minoprio
LUGANO
3 ore
Tensioni in casa Swica: quella donna può permettersi di tutto
Il recente articolo di Tio/ 20 Minuti ha sollevato un polverone. Diverse le nuove testimonianze. Tutte contro la responsabile vendita
FOTO
TESSERETE
3 ore
Trovo l'acqua in Amazzonia, e loro mi regalano sorrisi
Saverio Mondini ha dedicato quasi metà della sua vita in Brasile, seguendo in prima persona gli aiuti umanitari della sua associazione
CANTONE
11 ore
Marchesi: «Anche noi frontalieri per il triplo dello stipendio»
Al comitato cantonale UDC un unico motto: «Il 17 maggio tutti per la limitazione dell’immigrazione»
CANTONE
22.09.2019 - 20:200
Aggiornamento : 22:04

Dopo lo sciopero, le donne si riuniscono in assemblea

Sono stati creati cinque gruppi di lavoro per cinque temi: scuola ed educazione, cultura e mass media, violenza, migrazione, lavoro retribuito e non retribuito

LUGANO - Il 22 settembre si è svolta la prima assemblea femminista ticinese dopo lo sciopero del 14 giugno. Il manifesto delle 19 rivendicazioni ha permesso a donne provenienti da differenti percorsi, di età, origine, professione e identità diverse di riconoscersi in questo movimento e di esprimersi al suo interno.

Le rivendicazioni - Durante questa prima assemblea, le donne presenti hanno sottolineato la necessità di continuare la lotta e la mobilitazione mantenendo una visione molto ampia sulle rivendicazioni. «Vogliamo più tempo per le nostre vite. Vogliamo che tutto il nostro lavoro sia riconosciuto e valorizzato. Lottiamo contro la violenza machista che colpisce, in vari modi, tutte noi. Vogliamo sovvertire gli stereotipi di genere. Rivendichiamo il nostro diritto di decidere sui nostri corpi. Vogliamo una società e un’economia capaci di mettere al centro ciò che più conta, non il profitto e l’individualismo, ma la collettività, la vita comune, le relazioni e la cura».

5 gruppi di lavoro - Le donne presenti hanno ribadito inoltre la necessità di dare continuità a quelle esperienze concrete che si sono create attorno al 14 giugno in diversi settori e attorno a diversi temi e nel pomeriggio si sono creati dei gruppi di lavoro: scuola ed educazione (condizioni lavorative del corpo docente ed esigenze delle studentesse); cultura e mass media (sorveglianza sui media, contro le varie forme di sessismo); violenza (creazione di incontri non misti, costruzione di strumenti di auto-coscienza, ma anche “fare rete” con le associazioni); migrazione (femminismo capace di dare spazio e voce anche alle donne migranti, ma anche attivarsi per mettere in luce le difficili condizioni di vita e le ingiustizie che riguardano le donne costrette a vivere nei centri per richiedenti d’asilo); lavoro retribuito e non retribuito (trovare un altro equilibrio tra i tempi di lavoro e la condivisione di entrambi i lavori tra uomini e donne).

I prossimi passi - L’assemblea si è data alcune scadenze e ha discusso in merito agli appuntamenti a medio-lungo termine:
• a livello nazionale unacampagna contro l’aumento dell’età di pensionamento delle donne a 65 anni;
• la partecipazione del movimento femminista alla manifestazione nazionale per il clima prevista a Berna sabato 28 settembre;
• il 21 ottobre portare anche in Ticino la giornata di azione legata alla differenza salariale tra uomini e donne;
• manifestsazione-azione in novembre in occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne.

L’assemblea ha ripreso inoltre l’idea di proporre alcune azioni o momenti di riflessione ogni 8 del mese (in ottobre serata sulla violenza delle donne, a novembre discussione sulle convergenze tra ecologia e femminismo).

Ancora sciopero? - «Per quanto riguarda la convocazione di una nuova giornata di sciopero è stato riportato il dibattito presente a livello nazionale. L’indicazione sembra essere quella di andare verso una giornata di mobilitazione l’8 marzo in solidarietà con le mobilitazioni a livello internazionale e di promuovere un week end nazionale il 13/14 giugno come momento di discussione e di mobilitazione».

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-19 10:46:21 | 91.208.130.85