ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
6 ore
In bici al lavoro: «Un pieno di benzina adesso mi dura 4 mesi»
La proposta di Patrizia, che ha abbandonato l’auto per abbracciare il “bike to work”: «Sarebbe bello promuovere degli incentivi al chilometro». L'esperto: «Non dimentichiamoci della sicurezza»
LUGANO
8 ore
«Le Iene si sono introdotte in quel salone in modo vergognoso»
Un testimone racconta l'episodio verificatosi nella serata di giovedì da parte degli inviati di Italia 1. Tra scorrettezza e violazioni della privacy a gogo 
CANTONE / SVIZZERA
8 ore
Sostegno a Carobbio, «senza disperdere voti»
Il PS ringrazia Greta Gysin che con la sua rinuncia concretizza l’appoggio unitario alla candidatura
CANTONE
9 ore
PS, Verdi e Mps pronti al referendum contro il credito per Lugano Airport
I partiti contrari al credito cantonale deciso dalla maggioranza della Commissione della gestione e delle finanze del Gran Consiglio
CANTONE
9 ore
Airolo-Pesciüm, cala il sipario su un'ottima stagione estiva
La vendità delle stagionale "3in1" ha fatto segnare un incremento del 73% rispetto al 2018
LUGANO
10 ore
L'Ambasciatrice del Perù in visita a Palazzo Civico
Il Sindaco di Lugano Marco Borradori ha accolto oggi Ana Rosa Valdivieso Santa Maria
TORRICELLA-TAVERNE
10 ore
Una serata da ricordare per i neo-diciottenni del comune
Il Municipio di Torricella-Taverne ha festeggiato giovedì scorso i giovani nati nel 2001
SVIZZERA
10 ore
«In Ticino è stato fatto un buon lavoro»
Christoph Blocher ha commentato i risultati dell'ultima tornata elettorale. A livello nazionale l'arretramento dell'Udc è meno negativo di quanto temesse
LUGANO
11 ore
Caos all'inaugurazione del salone: arrivano Le Iene e la polizia
Storie di ex mogli che sostengono di essere state raggirate. La vicenda riguarda un noto parrucchiere. Grande scompiglio creato dagli inviati della trasmissione italiana
FOTO
MENDRISIO
11 ore
Una raccolta fondi per sistemare la chiesetta sul San Giorgio
L'edificio presenta vistose crepe e problemi strutturali. I lavori sono partiti nelle scorse settimane
COMANO
12 ore
Una miscela di gas esplosivo per forzare il bancomat
Gli autori del tentato furto della scorsa notte sono tuttora in fuga. Le ricerche sono in corso
BELLINZONA
13 ore
Tornano “Sapori e Saperi” e i gustosi prodotti ticinesi
È giunta alla diciottesima edizione la più importante vetrina del settore che riunisce sotto lo stesso tetto le specialità più rappresentative del nostro territorio
VIDEO
CANTONE
13 ore
Le forti piogge sono finite, ma la Maggia è ancora carica
Dopo l’allerta piena per i fiumi, ora tocca ai laghi. Aumenta a vista d'occhio, in particolare, il livello del Verbano
BALERNA
13 ore
Nuova apicoltura africana in Venezuela
Padre Angelo Treccani ha iniziato una collaborazione con l’Associazione Acqua e Miele per produrre miele di qualità
MASSAGNO
14 ore
A Massagno sboccia l'Ottobre rosa
Il comune ha aderito all'iniziativa “1 tulipano per la VITA” a sostegno delle vittime del tumore al seno
CANTONE
17.09.2019 - 07:150
Aggiornamento : 10:28

Girardi fa istanza alla Corte d'appello: «Nel mio iPhone 5 c'è la prova »

Il direttore del Lumino’s chiede la revisione del processo e fa leva sulla donazione alla Lega, negata da Bignasca: «Se ho dato 50mila franchi, che motivo avevo di far coazione sul loro ministro?»

LUGANO - «La donazione di 50mila franchi al deputato Attilio Bignasca è prova del buon rapporto tra il sottoscritto e le massime cariche della Lega dei Ticinesi, quindi in contraddizione coi fatti per cui sono stato condannato». Chiede la revisione del suo processo Luigi Girardi e lo fa indicando quella che dovrebbe essere la “scatola nera” di ciò che è accaduto: un iPhone 5 su cui il cittadino italiano, ex direttore del locale a luci rosse Lumino’s, era solito documentare i colloqui con le persone che incontrava. Uno smartphone che figura tra il materiale sequestrato dalla polizia cantonale nell’ambito dell’inchiesta che si è conclusa nel giugno 2014 con il processo e la condanna di Girardi a 21 mesi. La pena, confermata nel settembre 2016 dal Tribunale federale, venne inflitta per tentata violenza o minaccia contro le autorità e i funzionari. Nello specifico, secondo il giudice, il patron del Lumino’s aveva fatto pressioni per ottenere la licenza edilizia del locale erotico sul defunto consigliere di Stato Michele Barra - mostrandogli un video in cui si vedeva un suo alto funzionario accompagnato con una prostituta .

L’istanza di revisione alla Corte d’appello e revisione penale (Carp), spedita per raccomandata da Girardi lo scorso 13 settembre 2019, fa leva sull’articolo 410 del Codice di procedura penale. Articolo che, tra i motivi di revisione, cita l’emergere di “fatti o nuovi mezzi di prova anteriori alla decisione”. Alla Carp Girardi chiede di acquisire agli atti il contenuto del suo iPhone, dove ci sarebbe prova della donazione che però Attilio Bignasca ha sempre negato, definendo il suo accusatore un «personaggio senza alcuna credibilità». Ma Girardi insiste: «Se nel maggio 2013 ho dato 50mila franchi al partito di Bignasca che motivo avevo di coattare il suo ministro?». Girardi contesta la coazione, Bignasca nega la donazione (che per cifre superiori ai 5mila franchi - per i singoli politici e di 10mila per i partiti - avrebbe comunque dovuto essere dichiarata): la verità potrebbe arrivare da Cupertino. O più semplicemente da via Pretorio 16, sede del Ministero Pubblico.

3 mesi fa «Ho le prove che Attilio Bignasca ha ricevuto 50.000 franchi»
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-23 02:54:27 | 91.208.130.85