Teatro San Materno
«Ritrovare il calore dell’utopia, quello di riscoprire il ‘luogo’ che si trova dentro e fuori dell’uomo». (Walter Gropius)
ULTIME NOTIZIE Ticino
MENDRISIO
16 min
I fiori come simbolo di rinascita
Ri-Fioriamo Mendrisio è un'iniziativa pensata dal Municipio per abbellire le vie e le contrade del borgo.
MONTECENERI
36 min
Parte l'estate con Splash e Spa
Gli allentamenti voluti dal Consiglio federale danno luce verde alla riapertura del centro acquatico di Rivera.
NOVAZZANO
58 min
Aziende che ricevono sussidi e poi licenziano. Scatta l'indignazione
Accuse del MPS sui licenziamenti alla Precicast di Novazzano. Fabrizio Sirica presenta un'iniziativa parlamentare
FOTO
ACQUAROSSA
1 ora
Cade in un dirupo, interviene la Rega
L'uomo ha chiesto l'intervento dell'elicottero, dopo essersi infortunato mentre lavorava a Leontica
CANTONE
2 ore
«Usiamo i ristorni dei frontalieri per i ticinesi in difficoltà»
Lo chiede un’interpellanza presentata al Governo da Tiziano Galeazzi e Boris Bignasca
CANTONE
LIVE
«Nessuna quarantena per chi rientra dall'Italia»
Al via la conferenza stampa a Palazzo delle Orsoline. Norman Gobbi fa il punto della situazione
BIASCA / CHIASSO
3 ore
Stessa mozione, ma a Biasca è irricevibile
Isabella: «Si attaccano a dettagli tecnici al posto di affrontare la discussione». Fonio: «Felice e soddisfatto».
GORDOLA
3 ore
Corinne Suter come James Bond
Abituata all'adrenalina della velocità, la sciatrice svittese ha voluto provare il noto bungee jumping ticinese
CANTONE
4 ore
Si torna a navigare sui laghi ticinesi
Dopo la pausa forzata dovuto al coronavirus, i battelli solcheranno di nuovo Ceresio e Verbano
LUGANO
5 ore
Sportelli su appuntamento a Lugano
A seguito dell'esperienza fatta durante l'emergenza sanitaria, il servizio è confermato
LUGANO
5 ore
Canetta lascia la Rsi
Prepensionamento per il direttore dell'emittente di Comano. Si prepara la successione
CEVIO
6 ore
Niente piscina a Bignasco
Le condizioni post coronavirus sono troppo onerose per aprire alla stagione estiva 2020
VERZASCA
7 ore
Tresa e Verzasca, elezioni differite
ASCONA
12.09.2019 - 16:530

San Materno festeggia i 100 anni di Bauhaus con un programma d'eccezione

Il Teatro asconese celebrerà il movimento con artisti di fama internazionale provenienti da Svizzera, Italia, Germania e Australia che si esibiranno tra il 22 settembre 2019 e il 22 gennaio 2020

ASCONA - Nell’anno del centenario del movimento Bauhaus e nel decimo anno di direzione artistica di Tiziana Arnaboldi, il Teatro San Materno offre uno straordinario programma volto a celebrare il movimento Bauhaus grazie ad artisti di fama internazionale provenienti dalla Svizzera, l’Italia, la Germania e l’Australia.

Al centro della programmazione 2019-20 del Teatro San Materno, resta infatti lo spirito Bauhaus, nel pieno rispetto della volontà della sua creatrice Charlotte Bara e Carl Weidemeyer, architetto che ha disegnato la struttura unica, conosciuta a livello europeo. «Una particolarità, quella architettonica e artistica, che è al centro di una specifica ricerca condotta da Tiziana Arnaboldi che desidera rivendicare il valore del
processo creativo, visto come atto di confronto, di dialogo e di stupore».

Gli spazi interni ed esterni del teatro si trasformano in una fucina di creatività per invitare il maestro e l’allievo a riscoprire il valore della libertà di giocare, il piacere di smarrirsi per osservare il mondo con occhi critici e “dolci”. «L’attore è Il corpo» - precisa il Teatro. «Sarà lui a mettersi in gioco con i diversi linguaggi artistici: la danza, la performance, l’architettura, il design e la creazione di un film in 3D».

Gli artisti invitati risiederanno negli appartamenti in stile Bauhaus di cui il teatro dispone.

Al via il 22 settembre - Apriranno la stagione il 22 settembre l’artista Arnaud Parel e il danzatore, coreografo Pierre-Yves Diacon. Durante due settimane di residenza, realizzeranno un film d’animazione capace di mescolare un percorso tra danza e architettura, in
una simulazione in 3D. Al pubblico presente, verrà illustrato il loro processo creativo. Il 6 ottobre sarà la volta di un’altra residenza artistica, con l’artista australiana Lara Hanson, conosciuta per i suoi disegni-schizzi calligrafici che hanno stimolato molte grandi compagnie di danza in tutto il mondo. Insieme ai due danzatori Lucie Lataste e Pierre-Yves Diacon, svilupperà una ricerca sulla connessione tra il movimento esterno e interno, il corpo creativo e il corpo spirituale.

Il 20 ottobre spazio a due eccezionali danzatori: Michal Mualem e Giannalberto de Filippis, pure danzatori di Sasha Waltz, con la creazione “In Between”. «Una danza di una coppia, un’alchimia di due corpi con un cuore che batte forte». Il 9 e 10 novembre l’artista di Berlino, pluripremiato Jerszy Seymour, pure lui in residenza, trasformerà gli spazi in situazioni con una eclettica performance. Nella ricerca lo accompagneranno due suoi allievi e due giovani danzatori. «L’artista berlinese desidera fornire un percorso di riflessione su come abitiamo il pianeta e la nostra mente».

Il 16 novembre ci sarà un gradito ritorno del Theater der Klänge di Düsseldorf. Lo spettacolo, grande successo in europa, farà rivivere lo spirito artistico del luogo con “Das Lackballett” di Oskar Schlemmer, coreografo, pittore e scultore. Una perla da non perdere, basti pensare che venne presentato soltanto una volta in Germania. Nel centenario della nascita del movimento Bauhaus questo spettacolo porterà
sulla scena 6 danzatori, un video e i costumi disegnati dallo stesso Schlemmer, che daranno vita a questa rappresentazione controversa.
Dalla Germania all’Oriente, il primo dicembre si potrà godere un evento che si muove nella dimensione spirituale, sempre molto presente nella pedagogia del Bauhaus: lo spettacolo 99 passi ad est. Dervisci Mevlevi (dervisci rotanti) porta ad Ascona la tipica danza, il semazen, nota soprattutto in Turchia, che unisce movimento e poesia nella continuità della rotazione. La danza non viene mai interrotta, poesia e musica si alternano e a volte si accompagnano. Il danzatore recita pure poesie composte da Rumi (1207-1273). Seguirà inoltre un seminario aperto a tutti nel pomeriggio di domenica, prima dello spettacolo.

Si chiude il 22 gennaio 2020 - Il 15 dicembre l’appuntamento sarà con Riccardo Blumer, designer e direttore dell’Accademia di architettura di Mendrisio, che ci racconta la sua visione e la sua esplorazione di alcuni oggetti svizzeri. La programmazione si chiude il 22 gennaio 2020 con la giornalista Maria Cuffaro, che ha collaborato con varie testate italiane ed estere. Ecco alcune domande che saranno al centro dell’incontro: Cosa vuol dire essere giornalisti? Si può essere testimoni imparziali? La serata sarà moderata dalla giornalista della RSI Rossana Maspero. 

Teatro San Materno
Guarda le 2 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-06-02 17:53:47 | 91.208.130.89