CANTONE
12.09.2019 - 12:200

«L’acqua del rubinetto è buona, sicuri che faccia anche bene?»

Il gruppo dei Verdi in Gran Consiglio interroga il Governo dopo le analisi effettuate dal Laboratorio cantonale

BELLINZONA - Analisi effettuate dal Laboratorio cantonale hanno dimostrato il superamento dei valori limite per i residui di pesticidi in numerose acque potabili in Svizzera (metaboliti del fungicida clorotalonil, ritenuto tossico per l’uomo e l’ambiente nonché sostanza a lunga persistenza ambientale). Sebbene la qualità dell'acqua ticinese sia ancora molto buona, questa situazione preoccupa il gruppo dei Verdi in Gran Consiglio. Da qui a firma di Nicola Schoenenberger, Samantha Bourgoin, Marco Noi, Cristina Gardenghi e anche la socialista Simona Buri, le seguenti domande poste tramite interrogazione al Governo.

  • È possibile, in linea di principio, che i metaboliti di formulazioni di pesticidi siano più problematici per l'uomo e per l'ambiente, ad esempio più tossici e/o più persistenti, della sostanza attiva da cui è stato ricavato (come fu il caso, ad esempio, dei prodotti di degradazione del solvente percloroetilene)?
  • Qualora venisse non solo revocata la licenza del clorotalonil ma venisse anche vietato il suo utilizzo questo autunno, come verrebbe attuata la misura in Ticino? Cosa accadrebbe alle scorte di clorotalonil esistenti in Ticino?
  • Gli esempi DDT, atrazina, cloridazon o clorotalonil mostrano che in Svizzera i pesticidi sono autorizzati fino a quando la prova dei loro effetti nocivi non sia praticamente inconfutabile. Quando le sostanze problematiche sono poi vietate, una nuova sostanza attiva è già disponibile per la vendita e l'esperimento su larga scala con la salute umana e ambientale ricomincia da capo. Il Consiglio di Stato intende intervenire presso la Confederazione affinché adegui il sistema di autorizzazione al fine di ridurre al minimo i rischi per la salute nel senso di un'effettiva precauzione?
  • L'inquinamento delle acque sotterranee e dell'acqua potabile può essere ridotto in modo sostenibile solo attraverso misure nelle zone di afflusso. Esiste una base giuridica a tal fine? Il Consiglio di Stato è disposto a creare una base giuridica affinché l'inquinamento causato da sostanze artificiali e a lunga vita possa essere affrontato prima che siano raggiunti i livelli massimi definiti dalla legislazione alimentare? Quali misure attua il Consiglio di Stato per evitare l’immissione nell’ambiente di prodotti fitosanitari e fertilizzanti chimici utilizzati nell’agricoltura intensiva?
  • Secondo l'allegato 1 dell'Ordinanza sulla protezione delle acque, le acque sotterranee non devono contenere sostanze artificiali e a lunga vita. Tali sostanze nocive sono utilizzate principalmente in agricoltura e probabilmente rimarranno nelle acque sotterranee per i decenni a venire. La Confederazione ha proposto misure di protezione della popolazione, quali la diluizione dell'acqua potabile, l'abbandono delle acque contaminate, lo sviluppo e la messa in funzione di nuovi pozzi di acqua potabile o il trattamento delle acque sotterranee contaminate. Chi ne sosterrà i costi? I produttori i cui prodotti inquinano l'acqua, il governo federale che li approva, i contadini che li utilizzano o i contribuenti? Le misure proposte dalla Confederazione sono attuabili in Ticino? Esistono tecnologie applicabili per la filtrazione dei metaboliti del clorotalonil e implementabili dalle aziende distributrici di acqua potabile?
  • Quali misure è tenuta ad adottare l’azienda distributrice di acqua potabile ticinese, vittima di contaminazione dal residuo del metabolita sulfonico del clorotalonil rilevata nelle analisi del Laboratorio cantonale? I servizi preposti dovranno prendere delle contromisure che vanno fino all'eventuale rinuncia all'utilizzazione di alcune falde idriche, come dichiara il capo della divisione idrologia dell'UFAM?
  • Durante il processo di omologazione, nelle analisi di acque di falda e acque potabili sono analizzati anche le concentrazioni e gli effetti dei coadiuvanti delle formulazioni di pesticidi (p.es. tensioattivi, solventi, adesivanti, umettanti e propellenti) e dei loro relativi metaboliti,oppure solamente i principi attivi e relativi prodotti di degradazione?
  • La miscela di diverse sostanze derivate da pesticidi e da carichi derivanti da attività industriali presenti nelle acque potabili può essere ritenuta, nel suo insieme, più dannosa per la salute rispetto ai singoli prodotti, anche quando i limiti di legge dei singoli composti sono rispettati (effetto cocktail)? Cosa intraprende il Cantone per quantificare e valutare gli effetti sulla salute e sull’ambiente del cocktail di residui di prodotti fitosanitari presenti nelle nostre acque?
  • In che termini il Consiglio di Stato si è espresso o intende esprimersi sulle due iniziative popolari che vogliono limitare l'uso di pesticidi (Iniziativa sull'acqua potabile e Per una Svizzera senza pesticidi sintetici)?
1 sett fa Acqua di falda e potabilità: «Servono misure per preservarne la qualità»
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-20 00:05:44 | 91.208.130.89