Alex D’Agosta/Ticino Cycling
+ 22
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
9 ore
In bici al lavoro: «Un pieno di benzina adesso mi dura 4 mesi»
La proposta di Patrizia, che ha abbandonato l’auto per abbracciare il “bike to work”: «Sarebbe bello promuovere degli incentivi al chilometro». L'esperto: «Non dimentichiamoci della sicurezza»
LUGANO
11 ore
«Le Iene si sono introdotte in quel salone in modo vergognoso»
Un testimone racconta l'episodio verificatosi nella serata di giovedì da parte degli inviati di Italia 1. Tra scorrettezza e violazioni della privacy a gogo 
CANTONE / SVIZZERA
11 ore
Sostegno a Carobbio, «senza disperdere voti»
Il PS ringrazia Greta Gysin che con la sua rinuncia concretizza l’appoggio unitario alla candidatura
CANTONE
12 ore
PS, Verdi e Mps pronti al referendum contro il credito per Lugano Airport
I partiti contrari al credito cantonale deciso dalla maggioranza della Commissione della gestione e delle finanze del Gran Consiglio
CANTONE
12 ore
Airolo-Pesciüm, cala il sipario su un'ottima stagione estiva
La vendità delle stagionale "3in1" ha fatto segnare un incremento del 73% rispetto al 2018
LUGANO
12 ore
L'Ambasciatrice del Perù in visita a Palazzo Civico
Il Sindaco di Lugano Marco Borradori ha accolto oggi Ana Rosa Valdivieso Santa Maria
TORRICELLA-TAVERNE
13 ore
Una serata da ricordare per i neo-diciottenni del comune
Il Municipio di Torricella-Taverne ha festeggiato giovedì scorso i giovani nati nel 2001
SVIZZERA
13 ore
«In Ticino è stato fatto un buon lavoro»
Christoph Blocher ha commentato i risultati dell'ultima tornata elettorale. A livello nazionale l'arretramento dell'Udc è meno negativo di quanto temesse
LUGANO
13 ore
Caos all'inaugurazione del salone: arrivano Le Iene e la polizia
Storie di ex mogli che sostengono di essere state raggirate. La vicenda riguarda un noto parrucchiere. Grande scompiglio creato dagli inviati della trasmissione italiana
FOTO
MENDRISIO
13 ore
Una raccolta fondi per sistemare la chiesetta sul San Giorgio
L'edificio presenta vistose crepe e problemi strutturali. I lavori sono partiti nelle scorse settimane
COMANO
14 ore
Una miscela di gas esplosivo per forzare il bancomat
Gli autori del tentato furto della scorsa notte sono tuttora in fuga. Le ricerche sono in corso
BELLINZONA
16 ore
Tornano “Sapori e Saperi” e i gustosi prodotti ticinesi
È giunta alla diciottesima edizione la più importante vetrina del settore che riunisce sotto lo stesso tetto le specialità più rappresentative del nostro territorio
VIDEO
CANTONE
16 ore
Le forti piogge sono finite, ma la Maggia è ancora carica
Dopo l’allerta piena per i fiumi, ora tocca ai laghi. Aumenta a vista d'occhio, in particolare, il livello del Verbano
BALERNA
16 ore
Nuova apicoltura africana in Venezuela
Padre Angelo Treccani ha iniziato una collaborazione con l’Associazione Acqua e Miele per produrre miele di qualità
MASSAGNO
17 ore
A Massagno sboccia l'Ottobre rosa
Il comune ha aderito all'iniziativa “1 tulipano per la VITA” a sostegno delle vittime del tumore al seno
MELIDE
03.09.2019 - 13:190

Bike Day, buona anche la terza edizione all’insegna della mobilità ciclistica

Gli appassionati hanno potuto percorrere senza preoccupazioni la “forca di San Martino” in direzione Paradiso, per poi salire verso Noranco, Figino e chiudere il giro del Monte Arbostora

MELIDE - Domenica mattina in molti hanno inforcato l’amata due ruote per partecipare al Bike Day, uniti non solo da una comune passione, ma anche dalla voglia di far emergere il desiderio di poter prendere la bici tutti i giorni in sicurezza.

Gli appassionati hanno potuto percorrere senza preoccupazioni la “forca di San Martino” in direzione Paradiso, per poi salire verso Noranco, Figino e chiudere il giro del Monte Arbostora in 22 chilometri con un dislivello complessivo intorno ai 300 metri. «Una gita di piacere difficilmente riproducibile nella quotidianità perchè, Pro Velo Ticino lo dice da tanti anni, si tratta di una dei tratti più pericolosi di tutto il cantone, con il limite a 80 km/h e ben poco spazio per i ciclisti, senza una vera alternativa. Un grande ostacolo alla circolazione della mobilità lenta, tanto da costituire una delle cause principali al fatto che la città di Lugano non figuri in nessun itinerario di Svizzera Mobile per bici da strada: il percorso nazionale 3 da Airolo a Chiasso (e di conseguenza anche l’itinerario internazionale EuroVelo 5) scende infatti scende lungo il Vedeggio e torna su un asse principale solo da Melide in giù». 

Per queste e altre ragioni, una volta concluso il ciclo di Gianetti Day con l’edizione celebrativa dei 20 anni dal mondiale di Lugano nel 2016, si è scelto di proporre questo evento a Melide allo scopo di promuovere l’uso della bicicletta proprio laddove, entro tre anni, si dovrebbe completare l’opera della Paradiso-Melide, una ciclopista che, dopo una lunghissima attesa, ha ricevuto solo pochi mesi fa la bandiera verde per la fattibilità. 

L’evento 2019 ha così potuto rinnovare il suo clima festoso conducendo i ciclisti riuniti alle 9 di mattina lungo l’anello, antiorario, del monte più famoso e iconico di Lugano: una pedalata a regime controllato dai mezzi di Polizia, con l’obiettivo di non disperdere alcun partecipanti e far pedalare insieme grandi e piccini senza l’assillo di una competizione ma, al contrario, a un’andatura piuttosto lenta per godere della convivialità della situazione e apprezzare le qualità del territorio. 

Al termine dell’evento, a margine del pasta party gratuito per tutti i partecipanti registrati, sono intervenuti alcuni ospiti ben conosciuti nell’ambiente delle due ruote. Il Consigliere Nazionale Rocco Cattaneo ha dichiarato che «in Svizzera si sta facendo molto, ma in Ticino si va più a rilento. Si nota comunque che a livello di autorità cantonale e comunali si sta capendo la possibilità di poter risolvere gli spostamenti brevi, da meno di 5 chilometri, finalmente con le due ruote, anche grazie all’avvento delle bici elettriche: non ci sono più scuse di dislivello e sovrappeso! C’è però bisogno di aver pazienza per arrivare al giusto livello di sicurezza».
Fabio Schnelmann, Gran Consigliere e Presidente di Ticino Cycling, a seguito delle recenti polemiche a Lugano ha invece dichiarato che «bisogna far prevalere il buon senso e l’educazione, sia da parte del pedone sia del ciclista. Ho proposto di non mettere dei divieti assoluti, ma dei limiti di velocità molto bassi: una soluzione che potrebbe andare bene a tutti». Gabrio Baldi, Sezione Mobilità del Dipartimento del Territorio, si è espresso così: «Nell’orizzonte del 2025/2030 è previsto un aumento di piste e percorsi ciclabili di circa 200 chilometri. Rispetto al totale di strade cantonali, i 365 chilometri “ciclabili” attuali rappresentano comunque circa un terzo, un numero importante che verrà portato alla metà». Infine Marco Vitali, Pro Velo Ticino: «La mobilità ciclistica è ancora piuttosto indietro specie nel luganese e questa strada verso Lugano è tuttora troppo pericolosa. Pur con la prospettiva di avviare i lavori per la magnifica ciclopista, andrebbero comunque ripensati i limiti di velocità per sperare davvero di aiutare il cicloturismo e il pendolarismo. E anche per indicare un cambiamento di direzione per quanto riguarda il nostro concetto di mobilità». 

Guarda tutte le 26 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-23 05:42:39 | 91.208.130.89