Tio/D.Giordano
Il macchinista Massimo Marta nella cabina di guida.
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
3 ore
Renzetti "flashato" a 177 km/h: «Ero arrabbiato con l'arbitro»
Il presidente dei bianconeri ha calcato un po' troppo il piede sulla A13 rientrando da una partita fuori casa: «Non pensavo la mia Golf fosse così potente»
CANTONE
4 ore
Merlini: «C'è desiderio di cambiamento, e va rispettato»
Dopo l'odierna sconfitta, il candidato PLR intende ritirarsi dalla politica: «Ora ho più tempo per la mia attività professionale»
CANTONE
6 ore
La bucalettere strabocca: «Avrei potuto rubare diverse schede»
Molte persone aspettano l’ultimo momento per imbucare la busta del voto per corrispondenza. Un’abitudine che però può creare qualche problema...
CANTONE
6 ore
Carobbio: «La mia elezione? Un segnale per l’uguaglianza di genere»
Per la prima volta una donna rappresenterà il Ticino al Consiglio degli Stati
BELLINZONA
7 ore
Un furgoncino "social" nella capitale
Obiettivo del Social Truck: creare legami tra i giovani e favorire la creazione di ponti nei rapporti dei giovani con gli abitanti.
STABIO
7 ore
Esame superato, ecco i nuovo cavalieri
Si sono svolti con successo gli esami di equitazione alla Scuderia Happy Hours di Stabio
CANTONE
7 ore
«Nessuna guerra con la Carobbio, troveremo accordi»
Un esponente dell’UDC e una del PS andranno d’accordo insieme al Consiglio degli Stati? Marco Chiesa: «Certamente sull’aumento dei premi casse malati troveremo soluzioni convergenti»
CANTONE
8 ore
Neve sull'A2, «lunghi ritardi» verso nord
Spazzaneve in azione sul posto. Disagi alla circolazione in entrambe le direzioni
LOSTALLO (GR)
8 ore
Un nuovo Municipio per Lostallo
A partire dall'anno prossimo nell'esecutivo siederanno due volti nuovi: Moreno Monticelli e Filipe Ferreira Carneiro
CANTONE
9 ore
Piero Marchesi e Bruno Storni vanno a Berna
Sono loro i primi subentranti di Marco Chiesa e Marina Carobbio
CANTONE
9 ore
Lombardi: «Sapevo che col ticket avrei rischiato»
La reazione dell’ormai ex senatore PPD ticinese dopo la sua mancata rielezione
BELLINZONA
30.08.2019 - 17:100
Aggiornamento : 31.08.2019 - 09:59

Inghiottiti dalla montagna: 57 chilometri da brivido

La galleria di base del San Gottardo ci cambierà davvero la vita? Intanto, la sta cambiando a chi guida i treni. Il video reportage dalla cabina del macchinista

BELLINZONA – La galleria di base del San Gottardo cambierà la vita agli svizzeri? È lo slogan che, da anni, le autorità portano avanti con orgoglio. Intanto, la sta cambiando ai macchinisti. A chi, i treni, li guida. Più tecnologia. Più traffico. Nuovi orari. E anche più adrenalina. Perché percorrere il tunnel ferroviario più lungo del mondo, con i suoi 57 chilometri, non è un’emozione da poco. Tio/ 20 Minuti ha ripreso la tratta tra Bellinzona e Arth-Goldau direttamente dalla cabina del conducente. «Tunnel come questo – spiega il macchinista Massimo Marta – hanno fatto diventare la nostra nazione più piccola».

Rivoluzione ferroviaria – La Svizzera è confrontata con una vera e propria rivoluzione ferroviaria. Le tratte, grazie alle nuove gallerie e ai nuovi percorsi, si sono ridotte. «Gli spazi di percorrenza – dice Marta – sono minori rispetto al passato. Questo significa che in una giornata possiamo fare anche più corse. Per me è un lavoro fantastico. Affascinante. Ho cominciato 10 anni fa, perché mi piaceva viaggiare. Non potrei più farne a meno. Le nuove tratte ci stanno facendo, tra l’altro, conoscere nuove parti della Svizzera».

Due dita in segno di saluto – Intanto, il treno parte. Col macchinista è vietato parlare. Anche se notiamo che ogni volta che incrocia un altro convoglio alza due dita in segno di saluto. Si procede su su, lungo la Riviera. A un certo punto, all’altezza di Pollegio, si entra nella pancia della montagna. La temperatura si alza un po’. Ma subito scatta l’impianto di aerazione.

Dentro lo stomaco della montagna – «Percorrere il tunnel ferroviario più lungo del mondo è un orgoglio – sostiene Mirko Frizzarin, capo macchinista per le Ferrovie Federali Svizzere (FFS) –. È tecnologicamente avanzato, con grandi sistemi di sicurezza. A Faido e a Sedrun abbiamo due stazioni multifunzionali che, in caso di problemi, ci permettono di fare evacuare l’utenza».  

Velocità massima a 200 chilometri orari – Il treno viaggia alla velocità massima di 200 chilometri orari. Dalla centrale operativa arriva un segnale. Frizzarin spiega: «Probabilmente gli specialisti hanno constatato che davanti c’era traffico. Per far sì che il tutto proseguisse in maniera fluida è stato dunque  consigliato al macchinista di ridurre la velocità».

Spesso in ritardo, ma stavolta in anticipo – Si rivede la luce. Siamo ormai su territorio urano. Il treno è addirittura in anticipo rispetto agli orari. Ci scappa, per forza, la battuta. Come è possibile, visti i ritardi di cui le FFS sono spesso accusate? Frizzarin risponde con ironia, ma anche con professionalità: «I ritardi ci sono perché, da una parte, è aumentato il traffico ferroviario, dall’altra sono in corso cantieri che porteranno a grossi miglioramenti in futuro. Nonostante ciò, restiamo tra i Paesi più puntuali al mondo dal punto di vista ferroviario ».

Il mondo che cambia – Eppure, si continua a dire che le FFS non sono più quelle di una volta. «Ma è vero che le FFS non sono più quelle di una volta. È cambiata la società. È anche cambiata l’offerta. Molto più ampia rispetto al passato».

La grande famiglia – Arriviamo ad Arth-Goldau, uno dei crocevia della Svizzera. La nostra corsa è finita. Ultima battuta con Marta, che prosegue il suo tragitto verso Lucerna. «La giornata per me è ancora lunga. Il saluto agli altri treni? Ognuno ha il suo gesto distintivo. Io alzo due dita. Ma c’è chi ne alza quattro. Siamo come una grande famiglia».  

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-18 00:56:59 | 91.208.130.89