Deposit
CANTONE
21.08.2019 - 09:300
Aggiornamento : 12:58

«Noi costrette a fare due, tre lavori per tirare a campare»

In Svizzera sono un esercito quelli del multi-impiego. Per lo più donne, due di esse si raccontano. E il sindacalista spiega: «Servono salari minimi degni e limitazioni al lavoro su chiamata»

LUGANO - «Iniziavo a lavorare alle 9 e, con turni a singhiozzo, la mia giornata finiva a mezzanotte». La paga? «In tutto arrivavo a 2.000-2.200 franchi. Quando andava bene 2’500». Marta, nome di fantasia, sulla trentina, è stata una delle 400mila persone che in Svizzera sono costrette a sommare più lavori per sopravvivere tra affitti, cassa malati e spese varie. Da poco la sua vita professionale ha subito una svolta positiva, ma su Tio/20Minuti vuole testimoniare cosa significa finire nel gorgo del multi-lavoro. E non è la sola testimonianza, anche Maria, ex commessa, si racconta.

Sette su sette - «Di formazione ero venditrice, ma ho sempre lavorato anche come cameriera con impiego a ore - dice Marta -. Terminata la stagione turistica ho trovato qualcosina in un ristorante ma le chiamate erano discontinue. Tanto che lo scorso novembre ero arrivata a guadagnare solo 500 franchi al mese. Ma non volevo chiedere l’assistenza, perché mi vergognavo». A dicembre le è chiaro che le poche ore da cameriera non bastano. «Ho trovato allora lavoro in un negozio dove però facevo 50-60 ore al mese». Due impieghi, ma sincopati, che le occupano comunque la settimana. «Sette giorni su sette perché col ristorante anche il weekend era impegnato». 

Lo spettro assistenza - Nei mesi dove le chiamate erano più numerose, Marta arrivava a guadagnare 2’500 franchi. «Tolti 1.100 franchi per l’affitto, i pagamenti e il resto... non ci vivi. Ero sempre sfinita, perché spesso mi capitava di aprire il negozio al mattino e chiudere il ristorante la sera. Le vacanze te le scordi. Ammalarti? Non puoi permettertelo». Oggi è una parentesi chiusa: «Alla fine ho dovuto far ricorso all’assistenza, perché ero esaurita e non sopportavo più la gente. Ho capito che dovevo cambiare vita. Ho seguito una formazione e oggi sono autista di mezzi pubblici».

Una vita su e giù - In fuga dalla vendita, Maria ha invece superato da un po’ i 40 e oggi svolge tre lavori: «Ho fatto dieci anni di cassa in un supermercato e non ci voglio più tornare». Da oltre due anni, per sbarcare il lunario il mattino e il pomeriggio lavora come accompagnatrice di allievi su uno scuolabus, nel cuore della giornata è macchinista di funivia e la sera fa le pulizie in uno stabile del Cantone. «Sommate fanno circa dieci ore al giorno. Con il sabato e la domenica impegnati, tranne d'inverno, con la funivia». Una vita su e giù. Sempre di corsa e sul filo delle chiamate a ore. «Alla fine entrano sul conto poco più di tremila franchi. Ma dipende dai mesi». Il sogno? «Riuscire a rinunciare ad uno dei tre impieghi. Ma ottenere più ore finora è stato impossibile».

Unia: «Precarizzazione in crescita» - Ogni situzione ha le sue particolarità, ma i numeri segnano una tendenza al multi-lavoro che Giangiorgio Gargantini, segretario regionale di Unia spiega così: «Questi casi, sempre più frequenti, sono la diretta conseguenza di due fenomeni incrociati che il sindacato denuncia da anni: la precarizzazione dei contratti (aumento esponenziale dei contratti ad ore o a percentuali molto basse) e il dumping salariale». Una deriva, aggiunge, quasi obbligata: «Quando si lavora poche ore a settimana, e per di più per salari spesso indegni, non si può fare altro che accumulare due o anche tre professioni per poter vivere del proprio lavoro! Le misure più incisive e efficaci sono due: salari minimi degni, e limitazioni al lavoro su chiamata e ai contratti che non garantiscono un  numero sufficiente di ore di lavoro settimanali»

Commenti
 
RobediK71 1 mese fa su tio
Quando la nave cola a picco sono i più deboli a esser buttati a mare
F.Netri 1 mese fa su tio
@RobediK71 Questa è la legge della Natura.
RobediK71 1 mese fa su tio
C’è sempre il volontariato per chi è stufo di stare a casa
Yoebar 1 mese fa su tio
Andate tutti in assistenza, li mantengono chiunque, anche stranieri.......soprattutto.......
Dog4life 1 mese fa su tio
O forse alcuni lavoratori ticinesi non valgono quanto effettivamente si autoilludono .
Carlo Aiele 1 mese fa su fb
Siamo in un paese di .......... !!!! O ci si impicca o si prova all'estero ! Altro che casa nuova e mutuo a vita...... ciao. !
Andrea Weber 1 mese fa su fb
Servono salari milioni, si, peccato che la Lega (il partito dei noss gent) è contro ai salari minimi, perché poi al povero bisgnasca gli tocca pagare la gente come deve.
Tiziana Valsangiacomo 1 mese fa su fb
senza calcolare quelli che lavorano in nero..........🙂
vulpus 1 mese fa su tio
Vien da sorridere leggendo certi commenti, dove i politici vengono messi all'indice, come anche i sindacati, dove tutti chiedono alla politica regole e formalismi, che la politica non potrà mai dare. Ma pensiamo a quello che si sono inventati negli ultimi anni per far finta di limitare il frontalierato . Solo bla bla bla. Del resto la maggior parte del frontalierato lavora con contratti e stipendi definiti. Quello che invece cre maggior problema sono tutti quegli abusivi che arrivano ed eseguono tutti quei tipi di lavoro, la cui remunerazione è al limite, e che se eseguiti dai residenti permetterebbe una entrata accettabile. Ma qui la politica non può fare nulla: se noi , residenti, siamo i primi a chiamare questi prestatori d'opera, li paghiamo senza rispettare le regole, aiutandoli a fregare le istituzioni, non possiamo poi andare ai comizi a gridare contro i frontalieri che ci rubano il lavoro. Quindi se la coscienza dei residenti, non è formata e indirizzata alla difesa dei posti di lavoro per i nostri concittadini, non ne arriveremo mai ad una. E se veramente vogliamo coinvolgere i politici, è ora che la smettano di dare cattivi esempi, deliberando i lavori sempre al minor prezzo, che poi va sempre a finire nei subappalti, con mano d'opera e materiali provenienti dal paese confinante!!!
Zico 1 mese fa su tio
libera circolazione significa circolare da posto all'altro per poter lavorare. La sinistra che tanto ha voluto questa libera circolazione ora ci spieghi come mai succede questo.
Dioneus 1 mese fa su tio
Triste realtà per molti. E andrà sempre peggio con i costi insostenibili della vita. Chiaro che se lo stipendio nominale perde il passo riguardo al reale si arriva a questi limiti, con il mondo politico ed economico di destra che se ne frega. Anzi: auspica situazioni del genere. In Ticino poi ormai è drammatico.
Adamo ReMida Jackson 1 mese fa su fb
Spalancate le frontiere... su 66'300 frontalieri almeno 30'000 potrebbero rimanere a casa o trovarsi un lavoro da loro
Энтони Демарки 1 mese fa su fb
Tralasciando l'edilizia e parte della sanità, non mi si venga a dire che negli altri settori (vedi posti statali) non ci sono posti di lavoro per i ticinesi e residenti in difficoltà! I "padroni" preferiscono i frontalieri perchè costano poco? Bene (anzi male), bisogna tassarli all'inverosimile e se non accettano possono benissimo andare all'estero con la loro attività.
Roberta Mariani 1 mese fa su fb
anch'io ne ho fatti due di lavori nel 2017. Sto ancora aspettando il rimborso (una parte, chissä perchè) di quello che mi hanno addebitato sulle imposte alla fonte. Ho uno statuto da frontaliere poichè in Svizzera vivevo in ristrettezze ed in più mi hanno messa al 50% di lavoro, ho pagato quasi mille frs di piu' per due mesi di doppio lavoro. Ora me ne ridanno solo 400 . veniamo tutti trattati male ultimamente, sia svizzeri che frontalieri. P.S. quando sbandierano che sono aumentati i frontalieri, hanno tenuto conto di quanti svizzeri stanno andando a vivere nei paesi confinanti?
KilBill65 1 mese fa su tio
Il problema e' che purtroppo oggi la politica ci sta prendendo in giro!!!.....Non c'e' nessuno che affronta il problema seriamente…..Fra' 5/10 anni in Ticino avremo delle problematiche serie…..Infatti e' gia' da tempo che molte persone abbandonano il nostro paese, visto che sta diventando invivibile economicamente…..
roma 1 mese fa su tio
...i miracolosi effetti economici degli accordi bilaterali e...non solo
Grace Rota 1 mese fa su fb
Intanto il sindacalista non fa niente anzi mangia da tutte le parti 😡
klich69 1 mese fa su tio
E per le prossime votazioni ancora promesse e pecoroni a regalare voti, non votare unica arma paradossale.
matteo2006 1 mese fa su tio
@klich69 Votare in bianco in massa non passerà inosservato.
Ale Prds 1 mese fa su fb
Troppo usfruttamento...questo sucede perche entra tanta gente ,pure di lavorare vanno anche sotto pagati e orari fuori posti e noi che siamo qui lo senti di piu al pagare tutto cio .
Alessandro Milani 1 mese fa su fb
Ma finitela di credere alla politica!
Rusky 1 mese fa su tio
sono solo percezioni ... un prof incompetente della Supsi dixit
Linda Salone 1 mese fa su fb
Anch'io,e faccio fatica a sbarcare il lunario
Elena Rusconi 1 mese fa su fb
Chissa se i nostri politici leggono questi articoli? Sinceramente credo facciano orecchie da mercante almeno fino ad ora....forse ci penseranno quando tutti saremo in assistenza ...non fanno nulla il voto? Ma manco morta non ci penso proprio non lo merita nessuno!
Энтони Демарки 1 mese fa su fb
Io ho un impiego e fanno fatica a pagarmi quello, pensa ad averne tre!
Alessandra Giorgi 1 mese fa su fb
Pure io ho fatto due lavori per sbarcare il lunario.. ora ne ho solo uno, per l’altro mi hanno “scaricata” e hanno assunto un frontaliere senza esperienza ma lo avrebbero pagato meno di me. Ora sono rimasta con l’altro ma faccio fatica.
Ale Prds 1 mese fa su fb
Alessandra Giorgi E vero ...fanno cosi...
Alessandra Giorgi 1 mese fa su fb
Ale Prds e nessuno fa niente. È preoccupante.
Stefania Bonecher 1 mese fa su fb
Il mercato di lavoro non offre più neanche un 50%di occupazione così si è costretti a fare due tre lavori a ore difficili da combinare con orari e giorni di quello fisso... L'unico trovato...!!
Valerio Maffioli 1 mese fa su fb
Poi abbiamo la categoria dei falsi invalidi che girano con delle grosse auto e con grande spavalderia alle spalle della società Speriamo che questo andazzo presto o tardi finirà questa gentaglia e' la fuffa della società
Alessandra Giorgi 1 mese fa su fb
Valerio Maffioli e vanno pure in vacanza!
Giorgio Gori 1 mese fa su fb
Valerio Maffioli e i falsi invalidi che se ne stanno al loro paese a godersela e guai a toccarli!
Ecthelion 1 mese fa su tio
Quello che i sindacati non comprendono è che se aboliamo situazioni di lavoro precario come quello di Marta, le persone come Marta non entreranno mai nel mercato del lavoro. Il lavoro precario o flessibile è proprio la porta d'entrata nel mondo del lavoro, che al datore di lavoro non ingenera rischi e che al dipendente permette di fare esperienza e trovare poi di meglio (come infatti successo). Se invece io che ho ritirato i miei risparmi e aperto un bar devo per forza assumere a tempo pieno e indeterminato, probabilmente ci penserò due volte e in ogni caso prenderò un cameriere formato e d'esperienza, anziché dare una chance a chi ha bisogno di mettere piede nel mercato del lavoro.
matteo2006 1 mese fa su tio
@Ecthelion Ma a quale costo personale? il lavoro dovrebbe nobilitare l'uomo non schiacciarlo opprimerlo renderlo dipendente, in ogni modo non lo trovo appagante dover lavorare 7 giorni su 7 a turni assurdi per una miseria con tutto quanto c'è da pagare da noi per vivere. Chi mette su un ristorante o un bar conosce anche come vivono queste persone ma con che faccia ti presenti ai tuoi dipendenti, e non si può chiedere di tirare la cinghia onestamente non hanno scelto loro di aprire questa è responsabilità del gerente accollarsi il carico maggiore. Questo non è lavoro è sfruttamento delle persone. Statevene a casa piuttosto a carico dello stato così non si può andare avanti, e quando non si troveranno più persone disposte a tutto pur di lavorare per pezzo di pane anche chi necessità di personale pagherà il giusto. Abbiamo votato per più vacanze NO, abbiamo votato per un reddito base per tutti NO e mi fermo ... ma quante volte NOI e solo NOI siamo stati capaci di sminuirci con queste situazioni?
patrick28 1 mese fa su tio
L'UDC-Lega non ci hanno mai spiegato come funziona la loro equazione salari a 2'000 CHF e porte chiuse.
Piera Laera 1 mese fa su fb
Perché al sud Italia altro che2 e 3 lavori e neanche ti pagano
Lella Losa 1 mese fa su fb
Non e' una novita' ...
GI 1 mese fa su tio
suvvia ora c'è la possibilità di ricevere, in caso di....., migliaia di francuzzi al mese al netto delle spese....
miba 1 mese fa su tio
Unia non ci ha mai spiegato come funziona la loro equazione salari minime e porte aperte ai frontalieri (e non solo...)
Piera Mazzei 1 mese fa su fb
Anche io
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-21 22:14:06 | 91.208.130.89