LOCARNO
19.08.2019 - 09:370

Due autografi speciali: Marina Carobbio Guscetti e Markus Hongler firmano il Libro d’oro

Prossimamente una pagina sul sito della Città permetterà alla popolazione di conoscere tutti i firmatari del prezioso manoscritto

LOCARNO - Due nuove firme, quelle di Marina Carobbio Guscetti e di Markus Hongler, hanno trovato spazio nel Libro d’Oro, che da diversi anni raccoglie i pensieri e gli autografi di importanti personalità. 

Il Libro d’Oro - Del metallo prezioso da cui trae il suo nome non ha nulla: ha le dimensioni di un foglio A4 (21 x 29 cm circa), una copertina finemente lavorata in pelle marrone, le delicate pagine riempite di inchiostro nero o blu, e l’odore di un buon libro. Eppure è prezioso. È il Libro d’oro della Città di Locarno, che ha raccolto negli anni le firme e i pensieri delle personalità illustri di passaggio in Città.

Ogni pagina viene accuratamente preparata con grande anticipo, collaborando con le suore del Monastero delle Carmelitane Scalze di Locarno che, con sapiente manualità, abilità e delicatezza scrivono a mano in una speciale calligrafia il nome e il ruolo di colei o colui che firmerà il Libro d’oro. Un ricevimento permette al Municipio di incontrare il firmatario, dialogando prima della firma, e trasmettendo la riconoscenza della Città.

Il Libro d’oro contiene più di 100 firme, dai reali di Svezia fino al già consigliere federale ticinese Flavio Cotti (che firmò ben 2 volte, nel 1991 e nel 1998), passando per diversi esponenti del Corpo diplomatico, imprenditori, autorità religiose, politici di livello cantonale, nazionale, internazionale e molto altro.

Il primo a firmare il libro d’oro la scorsa settimana è stato appunto il CEO de La Mobiliare Markus Hongler, che ha definito Locarno «un luogo magico dove irradiare segnali positivi» e con il quale da anni vi è una ottima collaborazione.

Nei giorni successivi si è poi svolto l’incontro con la Presidente del Parlamento federale Marina Carobbio Guscetti, che ha ricordato come, anche grazie al Festival, la Città di Locarno sia diventata «un punto di riferimento culturale», concludendo infine sulla necessità – come istituzioni – di fondare ogni dialogo sul rispetto, imprescindibile per qualsiasi tipo di progresso.

Prossimamente una pagina sul sito della Città permetterà alla popolazione di conoscere tutti i firmatari del Libro d’oro.

Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-17 07:15:55 | 91.208.130.87