Tipress
Il presidente del Consiglio di Fondazione del Cardiocentro Giorgio Giudici firma il documento.
+3
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE / GERMANIA
1 ora
La Svizzera sulla “lista nera” tedesca: «Fosse capitato a luglio...»
C'è delusione ma non preoccupazione da parte del presidente di HotellerieSuisse Ticino per la misura della Germania
VEZIA
2 ore
Niente castagnata per il PLR di Vezia
Saltato l'evento di domenica, nonostante fosse stato previsto con una formula take away
FOTO E VIDEO
BELLINZONA
3 ore
Incidente sull'A2, un ferito
Si lamentano disagi al traffico, con la chiusura di una corsia
CANTONE
6 ore
«Le gite scolastiche non sono causa di contagio»
Il Governo risponde a un'interrogazione di Massimiliano Robbiani.
CANTONE
6 ore
Arresto per traffico di cocaina
Sono stati fermati ieri una 34enne dominicana e un 30enne svizzero
CANTONE
6 ore
"Securini" nel limbo, Gobbi: «Tutto è nelle mani delle Questure»
Il consigliere di Stato invita le agenzie di sicurezza e investigative a fare pressione sulle autorità italiane
CANTONE
7 ore
Il rilancio del PLRT parte dalla bocciatura della congiunzione col PPD
Un sondaggio evidenzia la fedeltà della base, ma anche una certa difficoltà nel reclutare nuova linfa.
CANTONE
7 ore
Cocaina nel Bellinzonese, arrestato un 36enne
L'uomo, privo di statuto in Svizzera, avrebbe spacciato «un importante quantitativo» di droga.
CANTONE
8 ore
L'Ambasciatrice della Croazia a Bellinzona
Visita di cortesia per Andrea Bekić, ricevuta a Palazzo delle Orsoline da Norman Gobbi
CANTONE
9 ore
I cantoni latini invocano il mini-lockdown
Il Ticino e i cantoni francesi chiedono a Berna un inasprimento delle misure
LUGANO
10 ore
Il Premio Cansani va all'Associazione Cooperazione Essere umani
Il riconoscimento viene conferito ogni anno a un progetto di sviluppo
FOTO E VIDEO
LUGANO
11 ore
Ecco i robot che prendono l'ascensore e portano i medicinali in tutto l'ospedale
Due mezzi autonomi della Posta sono entrati in servizio negli spazi del Civico di Lugano
CANTONE
11 ore
Quanti sono "rimasti in mutande"?
Lo chiede in un'interrogazione al governo il deputato Massimiliano Robbiani
VIDEO
BELLINZONA
12 ore
Tanto verde al posto delle Officine
È stato presentato questa mattina il progetto scelto quale base per la futura pianificazione del comparto.
CANTONE
13 ore
Un nuovo direttore per la Divisione delle costruzioni
Diego Rodoni prenderà il posto di Giovanni Pettinari
CANTONE
13 ore
In Ticino superati i 5mila casi
Il bollettino giornaliero del medico cantonale. Sono 123 i nuovi positivi, 9 in più i ricoverati in ospedale
CANTONE
09.08.2019 - 11:210
Aggiornamento : 19:07

Cardiocentro-EOC, c'è la firma

Sottoscritto l'accordo tra l'Ente Ospedaliero Cantonale e la Fondazione della clinica. Il passaggio alla fine del 2020

LUGANO - Il Cardiocentro passerà all’EOC allo scadere del 2020. L’accordo quadro tra l’ente e la Fondazione della clinica - che segna anche il ritiro formale dell’iniziativa popolare Grazie Cardiocentro - è stato sottoscritto questa mattina a Palazzo delle Orsoline alla presenza del Consiglio di Stato.

La base dell’intesa, articolata in quindici punti, prevede da un lato una governance unica EOC e dall’altro la creazione di un modello Cardiocentro con ampia autonomia medica, gestionale e finanziaria. Questa impostazione consentirà la nascita di un nuovo Istituto, pienamente integrato nell’Ente Ospedaliero Cantonale, in grado di conservare la filosofia clinica e aziendale alla base dei successi conseguiti dall’ospedale del cuore negli ultimi vent’anni.

Ripresi tutti i contratti di lavoro - L’accordo permette di assicurare il futuro dell’Istituto, in ogni suo aspetto chiave. EOC e Cardiocentro hanno posto particolare attenzione al futuro dei collaboratori garantendo la ripresa di tutti i contratti di lavoro. Si tratta di un elemento fondamentale a tutela della tranquillità dei dipendenti del Cardiocentro, oltre ad essere garanzia per quanto attiene la continuità operativa nella qualità delle cure. Sempre nel solco della continuità la struttura organizzativa della direzione rimarrà inalterata rispetto agli ultimi vent’anni e sarà composta, secondo un organigramma già definito, dagli operatori che negli anni hanno contribuito alla costruzione e allo sviluppo del Cardiocentro.

Autonomia gestionale - Per assicurare al nuovo Istituto una concreta autonomia gestionale e finanziaria sarà creato nel bilancio dell'EOC, grazie al capitale trasferito a fine 2020 e ad una parte degli utili conseguiti successivamente, un fondo a cui la direzione del nuovo Istituto potrà attingere per le attività cliniche, di ricerca e d’investimento a favore del Cardiocentro. Per quanto attiene alla ricerca, le parti hanno convenuto sulla necessità di mantenere la Foundation for Cardiological Research and Education (FCRE). Essa rimarrà un ente esterno all’EOC e dovrà autofinanziare la propria attività.

EOC e Cardiocentro hanno altresì concordato la tutela del brand e il mantenimento dell’attuale sede. Proseguiranno inoltre l’attività della Fondazione Ticino Cuore e della Fondazione Bambini Cardiopatici nel Mondo.

Nei prossimi giorni partirà l’iter formale volto a concretizzare lo scioglimento e il trasferimento del patrimonio dell’attuale Fondazione entro i tempi previsti e nel rispetto degli statuti. Contestualmente sarà avviato il processo d’integrazione con il coinvolgimento del personale, per garantire una transizione ordinata ed efficiente.

PLRT: «Soluzione condivisa a favore dei ticinesi» - Immediata la reazione dei liberali radicali ticinesi, che ha espresso soddisfazione per la firma dell’intesa. «L’accordo è una notizia molto positiva per tutta la sanità ticinese. Da salutare, in particolare, il fatto che le parti siano state in grado di privilegiare la ricerca di una soluzione condivisa, che va a favore del Ticino e dei ticinesi».

«Obiettivo raggiunto» - Anche l'associazione "Sanità Forte per tutti" si rallegra per la positiva conclusione della vicenda e per bocca del proprio presidente Matteo Quadranti esprime «soddisfazione» vedendo «ottime premesse per il futuro del Cardiocentro» con tuttavia «alcuni punti da chiarire nel finanziamento della ricerca».

«Importante far parte dei finanziamenti» - Da parte sua un altro animatore dell'associazione, il professor Giorgio Noseda, ricorda come  «sia importante fare capo a  finanziamenti competitivi del Fondo nazionale svizzero per la Ricerca scientifica (FN) e a fondi di ricerca  europei (ERC) ». «Quale riferimento», prosegue Noseda «suggerisco l’esperienza dell’Istituto oncologico della  Svizzera Italiana (IOSI) che opera attraverso l’Istituto Oncologico di Ricerca» e attualmente con i sui 74  collaboratori «ha un budget annuale di 10,2 milioni di franchi. Finanzia la ricerca di base sui tumori con  contributi del Fondo nazionale e europei. Non percepisce soldi dall’Ente ospedaliero cantonale».

«La base per il Master in Medicina» - Anche l'avvocato Renzo Galfetti indica «nella chiarezza ed equità tra Istituti in materia di gestione dei fondi di  ricerca» il «tema di approfondimento prioritario per i prossimi tempi» in vista dell’effettivo passaggio del Cardiocento all’EOC, e il Professor Piero Martinoli, già Rettore USI, segnala la chiarezza nei finanziamenti quale premessa «per il  buon funzionamento del futuro Master di Medicina».

«Accordo efficace» - Fabio Rezzonico, Presidente dell’EOC ai tempi della ondazione del Cardiocentro Ticino ha osservato con  attenzione gli eventi degli ultimi mesi e dichiara «soddisfazione per l’esito coerente con gli intendimenti iniziali» ai quali «i promotori, il finanziatore e tutti noi di EOC ci siamo ispirati per la costruzione di un accordo che si rivela oggi efficace».

Tipress
Guarda tutte le 6 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Bayron 1 anno fa su tio
Calata di braghe da parte dell’EOC!!
vulpus 1 anno fa su tio
Talvolta le persone che siedono al tavolo , dovrebbero rimanere in cucina . Abbiamo dei personaggi nei Cda, che non sono all'altezza del compito che gli affidano .
sedelin 1 anno fa su tio
ottimo! boaz erez ha probabilmente avuto un ruolo importante per sciogliere il nodo :-)
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-22 23:35:23 | 91.208.130.87