Ti Press
CANTONE
17.07.2019 - 09:440

Violenza giovanile: «Più prevenzione nelle scuole»

Dopo i fatti di Giumaglio, Giorgio Fonio e Fiorenzo Dadò auspicano più sensibilizzazione sulle conseguenze di certi atteggiamenti e un potenziamento del gruppo specializzato della Polizia Cantonale

BELLINZONA - Il recente pestaggio avvenuto al Carnevale estivo di Giumaglio finisce anche sul tavolo del Consiglio di Stato. Giorgio Fonio e Fiorenzo Dadò (PPD) hanno infatti elaborato un'interrogazione «perché episodi come quelli di Giumaglio impongono delle riflessioni e delle reazioni anche forti da parte di tutta la società».

Dal 1° giugno 2006 in Ticino esiste un gruppo specializzato della Polizia Cantonale (Gruppo Visione Giovani) che si occupa proprio di prevenzione di reati commessi da giovani quali il bullismo e il cyber bullismo. Gli agenti si impegnano a conoscere e tenersi aggiornati sul mondo della criminalità giovanile, i cosiddetti "hot spot", i gruppi problematici e, molto spesso, anche il loro ambiente.

Il Gruppo Visione Giovani opera nella maggior parte delle scuole ticinesi permettendo agli agenti di incontrare, sensibilizzare e informare migliaia di giovani ticinesi sui rischi e sulle conseguenze di certi atteggiamenti. Ma questo ai due deputati non basta, «anche perché risulterebbe ottimale che una formazione come quella messa a disposizione dal Gruppo Visione Giovani non sia una possibilità ma piuttosto un punto fermo».

Per questo, nell'atto parlamentare, i due granconsiglieri chiedono all'esecutivo se non ritenga necessario potenziare il reparto GVG, allo scopo di intensificare la presenza nelle scuole ticinesi di questo reparto della Polizia Cantonale. Inoltre, viene domandato se sia ipotizzabile un aumento delle ore di prevenzione all’interno delle sedi scolastiche ticinesi, «magari coinvolgendo anche altre associazioni che si occupano del tema».

 


 

1 mese fa Quei "bravi ragazzi" dal curriculum discutibile
1 mese fa Pestaggio al carnevale estivo di Giumaglio: arrestati due 19enni
1 mese fa Violento pestaggio al Carnevale estivo di Giumaglio
Commenti
 
moma 1 mese fa su tio
Eccolo il nocciolo della questione: ma mamma li difende. Che altro dire. Nulla.
sedelin 1 mese fa su tio
adesso salta fuori che il primo a menare le mani é stata la vittima (iscritta a un club di boxe)...
volabas 1 mese fa su tio
Beh, se la madre di uno di questi bulli/teppisti, chiede alla stampa di tacere, non ci si puo' stupire che il figlio sia un deficiente cosi. Si chieda piuttosto come mai il pargoletto sia cresciuto in questo modo.
Mattiatr 1 mese fa su tio
@volabas Avrebbe dovuto chiedere il silenzio stampa, che è un suo diritto. Solo che non doveva farlo direttamente con i giornali ma in procura. È probabile che il figlioletto gli abbia raccontato quello che ha fatto, e che probabilmente la storiella del ''sono un santo e l'ho solo toccato dentro quanto ballavo'' non è poi così vera.
Mirketto 1 mese fa su tio
Bla Bla Bla......era gente/ragazzi già conosciuti!!!! e qui ho detto tutto....
Monello 1 mese fa su tio
....Si tratta di violenza importata signori !! i nostri ragazzi sono istruiti ed educati ,mi pare già di sapere come finiranno i cognomi !
sedelin 1 mese fa su tio
@Monello commento carico di pregiudizi :-(
Mattiatr 1 mese fa su tio
@Monello Girano alcuni nomi in zona, pare che quelli non finiti all'ospedale (non li definisco ancora aggressori perché non è detto che il primo pugno l'abbia tirato il povero cristo ricoverato) siano dei ''nostri'', quindi la colpa ai soliti stranieri non la puoi dare. Inoltre uno di loro è del mio stesso anno e da come l'ho conosciuto ai tempi delle medie non mi sarei mai aspettato un'azione così da lui. 5 anni fa era una persona ''calma'' (per quanto puoi esserlo a 14 anni) e mai violenta. Quindi la scuola non può fare molto e nemmeno l'ufficio dell'immigrazione.
anndo76 1 mese fa su tio
@Monello importata o "indigena" ( che gia' la parola rabbrividisce ) non e' il problema. Il problema e' intervenire e magari insegnare AI GENITORI di educare e insegnare i valori, educazione e rispetto verso il prossimo e non solo playstatio,cell etcetc. a volte 2 calci in culo fanno piu' di mille parole....
moma 1 mese fa su tio
@Monello Senz'altro una parte della violenza che c'è qui è d'importazione, su questo non ci piove. Le statistiche parlano chiaro, ciò che non piace a tanti. D'altronde, tutti gli ultimi casi gravi di omicidi casalinghi, hanno coinvolto famiglie straniere. Basta informarsi realmente.
Monello 1 mese fa su tio
@sedelin ...Esatto !
GI 1 mese fa su tio
un vecchio proverbio dice che "la mela non cade distante dall'albero"...quindi non è attraverso la scuola che l'educazione deve avvenire !
moma 1 mese fa su tio
@GI Commento intelligente. Esatto, come quello del piccolo secchio qua sotto. I genitori, la famiglia. Qui sta il punto. La scuola è nulla se a casa fanno quello che vogliono. Anzi, la scuola sarebbe accusata di interferire. L'educazione parte da casa.
sedelin 1 mese fa su tio
la prevenzione nel senso proposto é qualcosina, ma la vera prevenzione avviene in famiglia con l'educazione dei genitori. spesso bisogna educare proprio loro, che hanno il dovere di trasmettere il rispetto attraverso l'esempio e poche parole. quindi a scuola andrebbero convocati i genitori in riunioni informative su come prevenire nel nucleo famigliare.
anndo76 1 mese fa su tio
@sedelin concordo pienamente !! e a volte uno scapaccione, punizione o calcio in culo non guasta ! la pianta la raddrizzi da piccola...poi la puoi solo spezzare....
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-08-21 05:37:45 | 91.208.130.87