TiPress
BELLINZONA
02.07.2019 - 11:490
Aggiornamento : 17:29

Eritrea caduta dal balcone: posticipato il processo

L’atto d’accusa è stato giudicato incompleto e non abbastanza dettagliato. L’avvocato potrebbe chiedere la scarcerazione del 37enne

BELLINZONA - Doveva iniziare l’11 settembre, ma così non sarà. Il tribunale ha posticipato il processo a carico del 37enne eritreo accusato di avere gettato dal balcone la compagna di 24 anni il 3 luglio 2017.

L’atto d’accusa del procuratore pubblico Moreno Capella sarebbe stato giudicato incompleto e non abbastanza dettagliato per quanto riguarda la descrizione dei fatti. Per chiarire l’esatta dinamica di quanto accaduto 24 mesi fa è anche stato chiesto un complemento alla perizia giudiziaria. In particolare, si cercherà di stabilire cosa è successo prima della caduta della donna e quali gesti abbia compiuto l'imputato.

L’uomo ha sempre dichiarato che la compagna si è suicidata gettandosi dalla palazzina in cui vivevano insieme ai figli. Ora l’avvocato potrebbe chiederne la scarcerazione in attesa di una nuova data per il processo.

Non si esclude che nei prossimi mesi vengano eseguiti altri test sperimentali e delle prove pratiche.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-06-07 12:39:40 | 91.208.130.86