TiPress
+ 5
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
16 min
Radar a Camorino: «Nessuna distanza minima dal cartello?»
MASSAGNO
35 min
Sberle e denunce tra mamme al parchetto
MENDRISIO
42 min
Una serata per aspiranti soccorritori volontari
CANTONE
1 ora
Ferrovia Ticino-Malpensa: un treno su dieci è in ritardo
CANTONE
8 ore
Frate cappuccino alla sbarra a dicembre
CANTONE
10 ore
Gobbi sul radar di Camorino: «Lo scopo preventivo è quantomeno discutibile»
CANTONE
11 ore
Swiss sui voli cancellati: «Siamo in stretto contatto con Adria Airways»
CANTONE / SVIZZERA
11 ore
Lavoratori distaccati: «No a maggiori diritti verso gli appaltatori»
CANTONE
11 ore
Casse malati, l’Ordine dei medici sta con Raffaele De Rosa
BIASCA
13 ore
Licenziato dall'Ocst: «Sono distrutto»
CANTONE
13 ore
Prevenzione o radar trappola? A Camorino è strage di multe
CANTONE
14 ore
Martina Hirayama ricevuta da Manuele Bertoli
CANTONE
15 ore
Consuntivo 2018, c'è l'ok del Gran Consiglio
CANTONE
15 ore
Troppi voli cancellati: «Non si può andare avanti così!»
CANTONE
15 ore
Pau-Lessi: «Mai coperto nessuno». E chiede di essere sentito dal Gran Consiglio
CAMORINO
26.06.2019 - 17:320

Asilanti in sciopero, l’appello a De Rosa: «Chiudete il bunker»

Monica Soldini scrive direttamente al direttore del DSS dopo “la visita” di alcune persone ieri presso il centro gestito dalla Croce Rossa

CAMORINO - «Sono condizioni che rasentano la tortura fisica e psicologica». È con queste parole che Monica Soldini descrive la situazione dei richiedenti l’asilo che si trovano presso il Centro per richiedenti l’asilo (il “bunker di Camorino”). Ed è per questo che con una lettera si rivolge direttamente a Raffaele De Rosa domandando «l’immediata chiusura del bunker, l’immediato trasferimento delle persone ancora all’interno presso gli altri centri CRSS, l’immediata presa a carico sanitaria delle due persone che versano in un grave stato depressivo».

Proprio ieri sera rappresentanti della società civile ticinese, l’MPS-POP- Indipendenti, il Collettivo “Io l’8 ogni giorno”, il Collettivo R-Esistiamo, il Centro sociale CSOA Molino, si sono radunati per portare la loro solidarietà e il loro sostegno agli asilanti in sciopero.

«Arrivati sul posto - scrive la consigliera comunale di Bellinzona - abbiamo trovato un notevole spiegamento di forze di polizia, che impedivano l’accesso al bunker». Quando a due persone è stato permesso di avvicinarsi, hanno scoperto che «all’interno rimangono ancora 7/8 persone (dopo l'annuncio dei trasferimenti da parte del Cantone, ndr.) di cui due con seri problemi di salute, lamentano un forte stress psicologico dovuto all’incertezza del loro status giuridico, ma anche e soprattutto perché non possono decidere cosa fare durante l’arco della giornata». Oltre a «non poter lavorare», «non hanno soldi per poter anche solo comprare acqua o cibo», né hanno «accesso ai servizi igienici».

Al consigliere di stato PPD nella lettera viene anche chiesto «un incontro immediato per discutere la definitiva chiusura del bunker e la possibilità di alloggio presso cittadini privati, disposti ad un’accoglienza vera».

TiPress
Guarda tutte le 9 immagini
2 mesi fa La torrida giornata degli asilanti: «Non ne possiamo più»
2 mesi fa Asilanti in sciopero, il DSS: «Lo facciamo per loro»
2 mesi fa Ecco gli asilanti in sciopero della fame
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-19 07:10:15 | 91.208.130.87