Ti Press
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
8 ore
«La TV "sfrutta" le donne? Preoccupatevi dei social»
Luca Tiraboschi, ex direttore di Italia 1, ospite di Piazza Ticino. Guarda la video intervista. 
CANTONE
10 ore
«Non sapendo chi è vaccinato dobbiamo indossarla ancora»
Negli Stati Uniti gli immunizzati possono nuovamente circolare a viso scoperto. Il tema sta tenendo banco.
CANTONE / SVIZZERA
11 ore
Fiducia riconfermata a Massimo Suter
Durante la 130esima assemblea il ticinese è stato brillantemente rieletto alla vice-presidenza di GastroSuisse.
FOTO
MASSAGNO
13 ore
Prima seduta per il nuovo Legislativo di Massagno
Nella serata di ieri i neo-eletti Consiglieri comunali hanno sottoscritto la dichiarazione di fedeltà alla Costituzione.
FOTO
BELLINZONA
14 ore
Una panchina anti Covid fatta... ad arte
Si tratta del progetto “Point of View” di Patrizia Pfenninger presentato oggi davanti alla stazione FFS di Bellinzona
LOCARNO
14 ore
Soppressa per un giorno la fermata di Piazza Castello
I passeggeri dovranno usufruire delle fermate vicine da giovedì alle 19 a venerdì alle 5 a causa di un cantiere.
MUZZANO
14 ore
Posa di asfalto fonoassorbente
Il cantiere notturno è previsto lungo via Piodella dal 25 maggio al 19 giugno
CANTONE
15 ore
La Scuola che verrà... secondo l'Udc
I democentristi presentano cinque decreti legislativi per rinnovare la scuola dell'obbligo
CANTONE
17 ore
Delitto alla pensione La Santa: chiesti diciassette anni
Si è aperto questa mattina il processo nei confronti dell'austriaco accusato di assassinio
CANTONE
11.06.2019 - 12:280

Bene polveri fini e diossido di azoto, male l'ozono

Bilancio in chiaro scuro per la qualità dell'aria nel 2018: PM10 e NO2 raggiungono nuovi minimi storici, le condizioni meteorologiche estreme hanno invece fatto lievitare i valori dell'O3

BELLINZONA - Il Dipartimento del territorio ha pubblicato il rapporto 2018 “Qualità dell’aria in Ticino”. Come negli anni scorsi, anche nel 2018 gli inquinanti che hanno superato i limiti di legge fissati dall’Ordinanza contro l’inquinamento atmosferico (OIAt) - sia per le medie annue che per le medie giornaliere o orarie - sono stati il diossido di azoto (NO2), l’ozono (O3) e le polveri fini (PM10).

Rispetto all’anno precedente, caratterizzato da un peggioramento generale della qualità dell’aria, il 2018 presenta un bilancio in chiaroscuro: se da una parte i livelli di polveri fini e diossido di azoto raggiungono nuovi minimi storici nel monitoraggio della qualità dell’aria in Ticino, dall’altra il numero di superamenti del limite orario per l’ozono fa un balzo verso l’alto, attestandosi tra i più alti registrati dall’inizio delle misurazioni.

Diossido di azoto - Nel 2018 il bilancio delle immissioni di NO2 è positivo, con una diminuzione sensibile delle medie annue in tutte le stazioni di misura e il raggiungimento di nuovi minimi storici. A prescindere dall’influsso della meteorologia, la tendenza al miglioramento sembra essersi accentuata nel corso degli ultimi 7 anni circa, con diminuzioni molto più marcate durante gli anni con una maggiore dispersione degli inquinanti, rispetto all’entità degli aumenti registrati durante gli anni sfavorevoli.

Ozono - Il 2018 ha presentato una volta di più una serie di condizioni meteorologiche estreme: il semestre da aprile a settembre – durante il quale si verifica gran parte dei superamenti
del limite orario per l’ozono – è stato il più caldo di sempre, superando il precedente primato del 2003: alla quarta primavera più calda ha infatti fatto seguito l’estate più soleggiata di sempre, accompagnata da un’ondata di caldo tra le più intense mai registrate a Sud delle Alpi e siccità persistente tra aprile e agosto. A far lievitare ulteriormente il numero di superamenti è infine arrivato a Sud delle Alpi l’autunno più caldo in oltre un secolo e mezzo di misurazioni. 

Polveri fini - Dall’inizio delle misurazioni delle PM10 in Ticino verso metà degli anni novanta, i dati registrati nel 2018 sono i più bassi in assoluto per quanto riguarda sia le medie annue sia
il numero di superamenti del valore limite giornaliero. Il 2018 non ha inoltre registrato episodi di smog acuto invernale, contrariamente al 2017, quando per ben due volte si era resa necessaria l’introduzione di provvedimenti urgenti a tutela della salute della popolazione. 

L'intero rapporto è scaricabile online – unitamente agli allegati con i dati di dettaglio dei singoli punti di misura – dal sito internet dell’Ufficio dell’aria, del clima e delle energie rinnovabili: www.ti.ch/aria.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
KilBill65 1 anno fa su tio
Sarebbe piu' equo mettere allora anche apparecchi che controllano l'inquinamento delle radiazioni della telefonia mobile!!….Li pero', sembra tutto a norma vero?......
F/A-18 1 anno fa su tio
Pensare che Milano è una delle città più inquinate d'Europa, basta un po' di vento che tira in su e quell'area la respiriamo tutta ma per i nostri scienziati l'è tut a posct!

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-19 05:48:18 | 91.208.130.86