+ 20
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
"Io l'8 ogni giorno" a fianco delle donne del Rojava
Il collettivo femminista ha incontrato alcune curde residenti in Svizzera e ha appreso il loro dramma. «Siamo solidali con la popolazione del Kurdistan siriano e denunciamo la politica delle autorità»
LUGANO
2 ore
La pista galleggiante rischia di "spiaggiarsi" sulla sicurezza
Sul tavolo del Cantone il progetto finanziato da privati per un impianto sul lago dove pattinare a Natale. Decisiva sarà la perizia del geologo sulla tenuta dei fondali a riva
FOTO
LUGANO
2 ore
Oltre cento nuovi laureati all'Usi
La Facoltà di scienze della comunicazione ha consegnato i diplomi a 47 neolaureati di Bachelor, 52 di Master biennale e 3 di dottorato
CANTONE
3 ore
Olio sull'A2, ritardi verso sud
Tra Lugano e Chiasso gli automobilisti si devono armare di pazienza. E l'A13 è chiusa ai mezzi pesanti a causa della neve
ASCONA
3 ore
"Grandi Speranze" giungono al Monte Verità
Il festival Eventi letterari, in programma dal 2 al 5 aprile 2020, arriva così all'ottava edizione
MENDRISIO
5 ore
Incredibile alla roulette dell'Admiral: «Il 18 è uscito per sei volte consecutive»
L'evento, più unico che raro, è avvenuto giovedì sera alla casa da gioco di Mendrisio: «Le probabilità sono di una su settanta milioni»
BELLINZONA
5 ore
Il Social Truck arriva nella capitale
Nel pomeriggio del 16 novembre il furgoncino sarà posteggiato in Piazza del Sole per la sua prima attesa tappa
LUGANO
5 ore
Genitore minacciato (con la pistola) dalla baby gang
Cinque giovani, di cui tre minorenni, sono stati arrestati negli scorsi giorni. Sono accusati di minaccia e coazione, ma anche di spaccio di stupefacenti e infrazione alla Legge sulle armi
NOVAZZANO
5 ore
Un accesso privilegiato per i clienti commerciali della Posta
Il nuovo punto d’accesso di via Pietro Bernasconi è stato presentato oggi
CANTONE
5 ore
Sorriso Ticino: «Salari e affari cresceranno nel 2020»
La previsione è contenuta in uno studio condotto dalla Camera neocastellana del commercio e dell'industria. Nel secondario e nel terziario gli stipendi dovrebbero progredire dell'1.1%
VIDEO
BELLINZONA
6 ore
Il viaggio per salvare l’umanità porta a Bellinzona
È “Exodos” il tema della decima edizione di Music on Ice, in programma il 10 e 11 gennaio nella pista di ghiaccio della capitale
LUGANO
08.06.2019 - 17:560
Aggiornamento : 12.06.2019 - 11:40

Il benessere del paziente passa anche attraverso l’alimentazione

Sapori Ticino e l’EOC hanno stretto una collaborazione sull’offerta gastronomica destinata ai pazienti. «Mangiare con gusto e salutare si può»

LUGANO - Il benessere passa attraverso il cibo, lo sappiamo tutti (chi più, chi meno). Ora un progetto di Ticino Sapori, ideato insieme all’Ente Ospedaliero Cantonale, denominato “Salute con sapore”, vuole unire i concetti di gastronomia di qualità e sanità.

La prima tappa di questa cooperazione si è svolta venerdì 7 giugno, al ristorante dell’Ospedale Italiano di Lugano. Gli chef dell’EOC (Italo Vittoni, Fabrizio Marcionetti, Carlo Giovio, Ivan Casarotti e Rinaldo Palermi) hanno presentato agli ospiti una cena a base di piatti salutari, normalmente serviti ai pazienti, ma rivisti in chiave gourmet. Ad esempio è stato servito un “Filetto di vitello in camicia di coste e formaggio blu del Ticino, con cremoso di cannellini e patate”, o ancora, per concludere, “Bavarese nocino e noci con composta di rabarbaro”.

In generale il cibo da ospedale non è conosciuto per essere particolarmente apprezzato. Ma il progetto vuole proprio abbattere questi preconcetti. La collaborazione tra Sapori Ticino e l’EOC intende instaurare una cooperazione per servire piatti gustosi ma al contempo salutari. «Bisogna tuttavia fare una premessa - ha dichiarato durante la serata Dany Stauffacher, ideatore di Sapori Ticino - negli ospedali del nostro Cantone si mangia già bene. Ma spesso gli chef, che hanno esperienze decennali alle spalle, rimangono dietro le quinte. Questi eventi, e questo progetto, ha anche lo scopo di far conoscere chi si occupa di cibo tutti i giorni, e come funziona il tutto».

Cucina laboratorio - Immaginiamoci un ristorante che si ritrova a servire fino a 140 variazioni sul menù. Una cosa impensabile. Eppure è ciò che succede ogni giorno degli ospedali del Cantone. Spesso non ci si pensa, ma le cucine sono sottoposte a ritmi costanti e devono confrontarsi con la preparazione di migliaia di piatti al giorno. Più precisamente vengono serviti fino a 6’500 pasti quotidianamente, tra collaboratori e pazienti, in tutto il Cantone. Il che significa che all’anno si raggiunge la cifra dei 2,3 milioni di pasti, come ha ricordato il direttore dell’Ospedale Civico Luca Jelmoni. «L’alimentazione è una componente importante nella cura del paziente, e se è di buona qualità contribuisce a dare prestigio anche alle strutture ospedaliere».
E nel discorso di Jelmoni non sono mancate delle velate frecciatine: «Non bisogna dimenticare che le nostre cucine preparano pasti anche per strutture esterne, come ad esempio La Casa dei Ciechi o il Cardiocentro. Si può dire che quest’ultimo mangi anche grazie all’EOC».

Esigenze dei pazienti - «Seguire le patologie del paziente è fondamentale anche in cucina. Ci sono persone ricoverate che non hanno bisogno di cure alimentari particolari quando arrivano in ospedale, mentre altri devono seguire rigide regole. Non bisogna poi dimenticare le intolleranze o allergie, o ancora il tipo di alimentazione (vegetariano, vegano,...) del paziente» ha raccontato durante la serata  Maria Mallone, dietista dell’EOC, che ha collaborato con gli chef per la stesura dei menù. «Abbiamo anche rimaneggiato il budget per poterci permettere prodotti di qualità e anche legati al territorio. Abbiamo magari diminuito la frequenza della carne, per concentrarci su prodotti anche a chilometro zero ma sempre nutrienti, per un consumo più consapevole».

Stauffacher ha poi concluso la serata: «Lo stomaco aiuta a stare meglio. Vedere colori, un piatto ben preparato, è importante, e magari aiuta il paziente sorridere un po’ di più».

Progetto a lungo termine - La collaborazione tra Sapori Ticino e EOC intende rafforzarsi man mano nei prossimi anni. Durante la serata si è parlato anche dell’organizzazione di un simposio in futuro, e anche della possibilità di entrare nelle scuole. «È da qui che si deve partire, per migliorare la consapevolezza alimentare».

Guarda tutte le 24 immagini
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-11 22:17:44 | 91.208.130.87