Depositphotos (samwordley@gmail.com)
ULTIME NOTIZIE Ticino
BELLINZONA
16 min
Via Ludovico il Moro riapre in entrambi i sensi
CANTONE / SVIZZERA
27 min
Cittadinanza svizzera revocata, sarà ricorso
CHIASSO
51 min
Dall’estate all’inverno, riapre la pista del ghiaccio
CANTONE
1 ora
Le vite degli italiani sotto lo sguardo dello Stato
CANTONE
2 ore
Radar a Camorino: «Nessuna distanza minima dal cartello?»
MASSAGNO
2 ore
Sberle e denunce tra mamme al parchetto
MENDRISIO
3 ore
Una serata per aspiranti soccorritori volontari
CANTONE
3 ore
Ferrovia Ticino-Malpensa: un treno su dieci è in ritardo
CANTONE
11 ore
Frate cappuccino alla sbarra a dicembre
CANTONE
12 ore
Gobbi sul radar di Camorino: «Lo scopo preventivo è quantomeno discutibile»
CANTONE
13 ore
Swiss sui voli cancellati: «Siamo in stretto contatto con Adria Airways»
CANTONE / SVIZZERA
13 ore
Lavoratori distaccati: «No a maggiori diritti verso gli appaltatori»
CANTONE
13 ore
Casse malati, l’Ordine dei medici sta con Raffaele De Rosa
BIASCA
15 ore
Licenziato dall'Ocst: «Sono distrutto»
CANTONE
16 ore
Prevenzione o radar trappola? A Camorino è strage di multe
CANTONE
06.06.2019 - 08:580

Telefono Amico, le donne ne hanno più bisogno

Le chiamate da parte dell'utenza femminile sono quasi il doppio di quella maschile. Disturbi fisici, solitudine e problemi relazionali restano i disagi maggiormente segnalati

LUGANO - Migliaia di richieste d'aiuto. Una parte significativa di queste, avanzata dalle donne. Come ogni anno è tempo di bilanci per l’Associazione Telefono Amico 143, attiva tutti i giorni 24 ore su 24. Ed è quindi tempo di numeri. Nel 2018 il 143 ha coperto 1’830 turni di ascolto suddivisi tra le sedi del Luganese, Bellinzonese e Mendrisiotto. Per quanto riguarda i colloqui tramite chat il tempo dedicato è stato di 223 ore.

Questi dati testimoniano il grande impegno da parte dei volontari i quali, grazie a una specifica formazione continua sul tema dell’ascolto, sono un punto di riferimento stabile, affidabile ed anonimo per le tante persone in difficoltà che si rivolgono al 143.

Attualmente i volontari sono 36, un numero non adeguato alla domanda, per cui è necessaria una ricerca continua di forze.

Nel corso del 2018 le chiamate sono state 15'558 di cui 12'154 si sono trasformati in effettivi colloqui di aiuto con una media di 33 colloqui giornalieri.

Sono le donne a rivolgersi maggiormente al 143. Con loro si sono svolti 7'353 colloqui, mentre 4'799 sono stati quelli con degli uomini.

Per quanto riguarda il collegamento chat ci sono stati 261 contatti di cui 155 sfociati in consulenza d’aiuto.

I problemi segnalati - I disturbi fisici, le difficoltà legate alla gestione della vita quotidiana, la solitudine e i rapporti relazionali sono le principali motivazioni che spingono le persone a chiedere un ascolto sia tramite telefono sia tramite chat.

«La società moderna - sottolinea Telefono Amico - offre una comunicazione sempre più ricca, dinamica, veloce e veicolata grazie a sempre più nuovi strumenti tecnologici, d’altro canto espone al rischio di nuove forme di isolamento e di estraniazione».

Ludopatia - Infine Telefono Amico gestisce direttamente anche il numero verde gratuito 0800 000 330 a disposizione a chi ha problemi con il gioco d’azzardo. Stretta è dunque la collaborazione con GAT-P Gruppo Azzardo Ticino-Prevenzione, riferimento specialistico per chi intende affrontare con serietà la ludopatia.

Nuovo Presidente - L’Assemblea dei soci svoltasi il 9 aprile scorso ha approvato all’unanimità il bilancio 2018. Inoltre ha salutato e ringraziato per il suo grande e puntuale impegno Cesare Chiericati che ha lasciato dopo 12 anni la carica di Presidente di Telefono Amico Ticino e Grigioni Italiano 143.

Al suo posto è stato nominato Claudio Ottaviani al quale l'Associazione Telefono Amico augura «un buon lavoro pieno di soddisfazioni».

Commenti
 
Maxy70 3 mesi fa su tio
Gli uomini magari fanno i "duri" ma avrebbero altrettanto bisogno di essere ascoltati, lo dimostra l'abuso di medicinali, alcool, fino al suicidio! Meglio allora avere il coraggio di chiedere aiuto.
F.Netri 3 mesi fa su tio
La trovo una cosa piuttosto normale. Le donne sono molto più fragili degli uomini.
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-19 09:28:23 | 91.208.130.89