Tipress
Il palazzo dove aveva sede la Aston Bank
ULTIME NOTIZIE Ticino
GAMBAROGNO
24 min
Eroe per un giorno: salva un 70enne dalle acque
LUGANO
53 min
«Che fine hanno fatto le panchine?»
LUGANO
1 ora
Helsinn, Giorgio Calderari entra nel Consiglio d'Amministrazione
ITALIA / CANTONE
3 ore
Scomparso in Italia, è ricoverato in un ospedale di Berna
LUGANO
3 ore
Advanced Studies Supsi, ecco i diplomati
CANTONE
4 ore
Borse di studio più generose, ma resta il prestito per il master
CAMORINO
4 ore
La torrida giornata degli asilanti: «Non ne possiamo più»
CANTONE
5 ore
Tram-Treno, sì al credito e all'emendamento socialista
CANTONE
5 ore
Chiusure dei negozi, la trattativa s'inceppa
LUGANO
5 ore
Ex Macello: il Molino è pronto a scendere in piazza
CANTONE
5 ore
Conquista il podio "estremo": «Il mio team ha commesso errori, altrimenti...»
MURALTO
6 ore
Morte della 22enne inglese: la polizia torna in hotel
CAMORINO
7 ore
Asilanti in sciopero, il DSS: «Lo facciamo per loro»
CANTONE
7 ore
Ricercato in assistenza in Ticino: «Non ha ricevuto qua il permesso»
ITALIA / CANTONE
7 ore
Scomparso dalla Provincia di Asti, potrebbe essere in Ticino
LUGANO
24.05.2019 - 20:530

Lo Stato alla caccia delle imposte non pagate dal direttore della Aston

Precetto e sequestro beni da parte di Cantone e Confederazione nei confronti di Camillo Costa che dopo il crac è stato nominato Ispettore Onorario per i Beni architettonici di Albenga

LUGANO - Sono passati quasi dieci anni dal crac della Aston Bank di via Maraini. Un buco di una ventina di milioni che ha lasciato con un pugno di mosche in mano uno stuolo di clienti italiani che avevano portato i loro soldi in Svizzera. Ma accanto alla voragine maggiore emergono altri buchi, di entità decisamente minore. Come, ad esempio, le imposte cantonali e federali non pagate dall’allora direttore sostituto della banca, Camillo Costa. Sul Foglio Ufficiale odierno è lo stesso creditore, il Canton Ticino e la Confederazione, a spiccare un precetto esecutivo nei confronti del finanziere nel frattempo tornato in Italia, ad Albenga, dopo la carcerazione preventiva alla Farera. Preventiva, dal momento che l’inchiesta penale, per via della sua complessità, è tuttora aperta. Ma questa è un’altra storia.

Il precetto odierno, sommato il lungo elenco di imposte non versate dal direttore, raggiunge la cifra di circa 137 mila franchi. In simultanea, poche pagine dopo, sempre il bollettino dello Stato dà conto del decreto di sequestro spiccato dal pretore Patrizia Zarro per il recupero dei crediti d’imposta. A quanto ammontino i beni sequestrati al Costa non è dato sapere.

Si sa invece, ed è un recente servizio de L’Espresso a rivelarlo, che il finanziere 55enne nella città ligure si è rifatto una vita. Da oltre tre anni, come scrive il settimanale italiano, Costa lavora per il Ministero dei Beni Culturali, come Ispettore Onorario per i Beni Architettonici per la città di Albenga. «Camillo Costa - ricorda il giornale - è il rampollo di una delle famiglie più in vista della città». I suoi genitori «hanno fatto moltissimo per preservare il patrimonio storico e culturale di Albenga». Un po’ meno esperto di patrimoni s’è dimostrato il figlio. Ma questo sarà la giustizia a stabilirlo.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-25 22:50:29 | 91.208.130.87