Tipress
+ 20
ULTIME NOTIZIE Ticino
CONFINE
33 min
Auto ticinese parcheggiata di fronte al Duomo... e arriva il carro attrezzi
AVEGNO-GORDEVIO
2 ore
Vaccino alla francese per le bestie infette
CANTONE
2 ore
In 50 per i candidati al Consiglio nazionale del PPD
MENDRISIO
2 ore
La piazza si prepara per la Festa della Musica 2019
CANTONE
4 ore
«E ora aprite le porte e mostrateci come vivono»
CANTONE/EMIRATI ARABI UNITI
4 ore
La sostenibilità ticinese a Dubai
BELLINZONA
5 ore
Distrutta l'opera del progetto "Land Art": «Siamo amareggiati»
ITALIA/CANTONE
5 ore
La madre di Eleonora: «Non ho sbagliato niente»
CANTONE / BERNA
6 ore
Fiscalità dei frontalieri: «Visto chi comanda in Italia ci sono poche speranze»
CANTONE
6 ore
Rally matematico, ecco i vincitori
CUGNASCO
8 ore
Auto svolta e urta una moto, un ferito
CANTONE
10 ore
Cambio di sede per evitare la bocciatura: «È così che si aiutano i nostri ragazzi?»
CANTONE / STATI UNITI
11 ore
Notte travagliata per la New Orleans Jazz Orchestra e Nicolas Gilliet
CANTONE / BERNA
12 ore
«Serve un rapporto sull’efficienza dell'Ministero Pubblico della Confederazione»
BEDRETTO
12 ore
Il Passo della Novena è di nuovo aperto
BELLINZONA
24.05.2019 - 16:000
Aggiornamento : 17:51

Giovani in piazza per salvare il clima

A Bellinzona, come in altre 24 città svizzere, è stato organizzato uno sciopero. Tema centrale: le banche e i loro costi ambientali

BELLINZONA - Il movimento “Sciopero per il clima” ha organizzato oggi in 25 città svizzere uno sciopero. In Ticino la manifestazione si è svolta a Bellinzona, dove i manifestanti - studenti e studentesse provenienti da tutte le scuole superiori del cantone - hanno organizzato un corteo che da Largo Elvezia si è spostato fino in Piazza Governo. E a rispondere all'appello del Coordinamento cantonale sono stati circa in 500, che con canti, balli e slogan hanno espresso la loro voglia di cambiamento. «Il tempo non è riciclabile», si leggeva su un cartello. «Senza ecologia ce ne andremo tutti via», stava scritto su un altro. «Il clima è come la birra, se si scalda fa schifo», recitava un terzo.

Oltre che a richiamare ancora una volta l’attenzione dei politici sul tema del cambiamento climatico, in questa edizione si è deciso di dare risalto al mondo finanziario e ai suoi costi ambientali. Puntando il dito soprattutto contro due banche svizzere presenti nell’elenco delle trenta banche che inquinano di più al mondo: UBS e Credit Suisse. «Esse sono corresponsabili di emissioni di CO2 22 volte maggiori di quelle dell’intera popolazione svizzera», è stato fatto notare.

I giovani hanno quindi richiesto alle banche - distendendosi pure davanti ad esse - di cessare immediatamente gli investimenti nei combustibili fossili e alla politica di attuare provvedimenti per promuovere questo cambiamento.

Numeri in calo - Venticinque città in tutta la Svizzera, cui si aggiungono diversi centri minori, hanno visto sfilare oggi pacificamente oltre 20 mila persone, soprattutto giovani, datesi appuntamento per lo sciopero mondiale del clima, cui hanno aderito globalmente 263 città in 107 Paesi. Lo ha indicato in un tweet l'icona del movimento, la 16enne svedese Greta Thunberg, in lizza per il premio Nobel della pace 2019. Rispetto ai mesi scorsi, la partecipazione è risultata in calo.

Tipress
Guarda tutte le 18 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-20 21:54:48 | 91.208.130.86