Keystone
ULTIME NOTIZIE Ticino
CONFINE
37 min
Auto ticinese parcheggiata di fronte al Duomo... e arriva il carro attrezzi
AVEGNO-GORDEVIO
2 ore
Vaccino alla francese per le bestie infette
CANTONE
3 ore
In 50 per i candidati al Consiglio nazionale del PPD
MENDRISIO
3 ore
La piazza si prepara per la Festa della Musica 2019
CANTONE
4 ore
«E ora aprite le porte e mostrateci come vivono»
CANTONE/EMIRATI ARABI UNITI
4 ore
La sostenibilità ticinese a Dubai
BELLINZONA
5 ore
Distrutta l'opera del progetto "Land Art": «Siamo amareggiati»
ITALIA/CANTONE
6 ore
La madre di Eleonora: «Non ho sbagliato niente»
CANTONE / BERNA
6 ore
Fiscalità dei frontalieri: «Visto chi comanda in Italia ci sono poche speranze»
CANTONE
6 ore
Rally matematico, ecco i vincitori
CUGNASCO
8 ore
Auto svolta e urta una moto, un ferito
CANTONE
10 ore
Cambio di sede per evitare la bocciatura: «È così che si aiutano i nostri ragazzi?»
CANTONE / STATI UNITI
11 ore
Notte travagliata per la New Orleans Jazz Orchestra e Nicolas Gilliet
CANTONE / BERNA
12 ore
«Serve un rapporto sull’efficienza dell'Ministero Pubblico della Confederazione»
BEDRETTO
12 ore
Il Passo della Novena è di nuovo aperto
GAMBAROGNO
24.05.2019 - 22:560
Aggiornamento : 25.05.2019 - 10:50

Centocampi in bilico: il giovane agricoltore getta la spugna?

Situazione critica, 12 ettari di terreni a rischio. Nessuno sembra volersene occupare dopo l'addio del veterano Walter Keller. Decisiva sarebbe la scomodità per raggiungere il luogo

GAMBAROGNO – Un migliaio di parcelle, circa 12 ettari di terreni agricoli situati nella zona dei monti di Caviano. Fino allo scorso anno a curarli, e a mantenerli, era stato il veterano Walter Keller. Dopo oltre 40 anni di servizio, a lui era subentrato un giovane locarnese, molto entusiasta. Ma il ragazzo starebbe per gettare la spugna. La sfida si rivelerebbe troppo impegnativa. Soprattutto per la difficoltà di accesso al luogo. 

Un paesaggio mozzafiato – La vista, da lassù, a circa 600 metri, è incantevole. Si vede il Verbano in tutto il suo splendore. Il problema, tuttavia, consiste nel fatto che l'ultimo tratto di strada per arrivarci va percorso a piedi. Manca, in sostanza, un chilometro di strada forestale. Sarebbe questo aspetto (non da poco) a scoraggiare gli eventuali successori di Keller. E sarebbe proprio questo dettaglio ad avere spinto il giovane appena subentratogli a fare dietrofront dopo neanche una stagione.

Il mantenimento delle tradizioni – I terreni appartengono a diversi proprietari. Erano stati affidati, decenni or sono, a Keller. Un uomo che ha combattuto con tutte le sue forze contro l'avanzata del bosco e per il mantenimento delle tradizioni. Keller è andato in pensione. Il giovane che lo ha sostituito sembra non avere intenzione di proseguire la sua missione. La manutenzione dei terreni è garantita solo fino alla prossima primavera. E poi cosa accadrà?

11 mesi fa Addio all'uomo dei Cento campi: e intanto il bosco ci divora
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-20 21:58:16 | 91.208.130.87