Tipress (archivio)
Il lungolago è uno dei luoghi "caldi" della campagna di prevenzione lanciata dalla polizia.
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE / SVIZZERA
2 min
«Si è trasferito con mio figlio in Italia, sono disperata»
L’ex modella russa Marianna Zhukova ha “lottato” prima con l’ARP, ora non sa se potrà rivedere il suo Gabriel
CANTONE
2 ore
Fine della pausa estiva per il Gran Consiglio
I lavori riprenderanno questo pomeriggio. Sul tavolo il Consuntivo e la CPI per il caso dell'ex funzionario del DSS
CANTONE
2 ore
Strade troppo rumorose: 216 chilometri da rifare
Carlo Celpi, della Divisione delle costruzioni: «Puntiamo su asfalto fonoassorbente e riduzione della velocità».
CANTONE
8 ore
«L'epilessia è stata la causa principale di licenziamento»
Per Fabia, 29 anni, la sua malattia non è un impedimento a una vita normale.
LOCARNO
9 ore
Si "fanno" con il farmaco del cane
Il Caniphedrin procura effetti simili alla cocaina. Ma trovarlo in farmacia è piuttosto facile. Un caso nel Locarnese.
CANTONE
11 ore
I funghi meglio dell'ospedale: «Solo due infortuni in un mese»
La Rega chiamata in causa solo due volte da fungiatt in difficoltà: «Non abbiamo notato nessuna recrudescenza».
FOTO
FAIDO
14 ore
Osco, le immagini dell'auto distrutta
La Polizia cantonale è alla ricerca di testimoni. Il conducente deceduto non è ancora stato identificato
ROVEREDO (GR)
16 ore
Fungiatt ferito in Val del Magin
Il 51enne è scivolato sul ripido terreno, precipitando per diversi metri e finendo nel greto di un torrente
FAIDO
16 ore
Incidente mortale in Leventina. Qualcuno ha visto qualcosa?
L'auto ha fatto un volo di 400 metri, a Osco. Il conducente non è ancora stato identificato
FOTO E VIDEO
ORIGLIO
17 ore
Cinghiali al laghetto: «Non hanno nemmeno più paura dell'uomo»
La preoccupazione di un cittadino: «Ormai abbiamo paura anche a fare una passeggiata la sera»
MASSAGNO
18 ore
Il LUX riparte, tra distanziamento e ristrutturazioni
Posti numerati per ogni proiezione e tracciamento obbligatorio. In sala “Edelweiss Revolution”, “Madame” e "Magari"
LUGANO
21.05.2019 - 09:360
Aggiornamento : 10:28

Ciclisti attenzione, il marciapiede non è per tutti

La polizia di Lugano lancia la campagna d'informazione e prevenzione "MARCIA-A-PIEDI" rivolta ai conducenti di biciclette e ciclomotori elettrici per il corretto uso delle aree dedicate ai pedoni

LUGANO - A partire da oggi (e fino a venerdì 24 maggio) si terrà la campagna di prevenzione "MARCIA-A-PIEDI" un’iniziativa promossa dalla Polizia Città di Lugano con la collaborazione dell’associazione PRO VELO Ticino.

Sensibilizzare - L'obiettivo è quello di sensibilizzare gli utenti della strada che circolano in bicicletta, con ciclomotori, rispettivamente veicoli elettrici di tendenza, al corretto uso del marciapiede e delle altre aree di traffico destinate ai pedoni. «La campagna - precisa la Polizia comunale - ha dunque lo scopo di informare i conducenti sulle regole della circolazione e della sicurezza stradale ed evitare che circolino nelle aree di traffico destinate ai pedoni, se ciò non è autorizzato espressamente dalla segnaletica stradale».

Vari casi negli scorsi anni - Il problema non è nuovo e negli scorsi anni ha provocato alcuni incidenti. «Dal 2016 al 2018 - viene precisato nella nota - se ne sono registrati 11 con protagoniste le e-Bike: in 2 casi, avvenuti in Centro, la mancata concessione della precedenza sulle strisce pedonali, rispettivamente la circolazione in senso contrario, ha avuto come conseguenza il ferimento leggero di pedoni». La situazione è ancora peggiore se si prende in considerazione le "normali biciclette". «Nello stesso periodo - precisano ancora le forze dell'ordine cittadine - su 30 incidenti che le hanno viste coinvolte, in 2 casi si è registrato un ferimento grave».

Vari quartieri coinvolti - L’azione di prevenzione si svolgerà in particolare nei quartieri del Centro, Cassarate, Loreto e Molino Nuovo. «Sono i luoghi dove si contestano più frequentemente le infrazioni, in particolare lungo i marciapiedi del lungolago, nella zona pedonale e nei parchi comunali».

Target - La campagna è rivolta soprattutto ai conducenti di biciclette, e-bike lente, monpattini elettrici s-Pedelec, sedie a rotelle motorizzate, veicoli autobilanciati, come pure i possessori di altri veicoli elettrici non omologati. «Effettueremo - sottolinea la polizia - controlli mirati a scopo educativo. Le persone sorprese a commettere un’infrazione, in particolare sui marciapiedi o nelle zone pedonali, saranno fermate e debitamente informate». Saranno inoltre messi a disposizione degli utenti il pieghevole "Sicurezza in sella-Le dieci regole d'oro del ciclista" di PRO VELO Svizzera e un foglio informativo della Polizia Città di Lugano sulle diverse tipologie di veicoli e sui luoghi dove possono circolare. Le infrazioni gravi potranno venire sanzionate.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Lokal1 1 anno fa su tio
Io in bici vado sul marciapiede se posso! In 30 anni da ciclista non ho mai e ripeto mai causato un incidente, o urtato o ferito un pedone. In compenso rispettando le regole...sono già stato steso 4 volte!
arca51 1 anno fa su tio
ciclisti su marciapiedi per favore spingete la bici come noi carrozzine per invalidi passeggini ecc. grazie
dilandog 1 anno fa su tio
Io sono dell'idea che ci sono ciclisti e ciclisti... la prima categoria è quella che si spara 200 km nel WE e si credono i padroni della strada andando come pecore, poi ci sono quelli con le e-bike che dovrebbero circolare sulla strada con tanto di targhe, poi ci sono quelli che "passeggiano". Le regole non sono scritte ma ci vuole del buon senso, ci vogliono anche molte più piste ciclabili. Fare una bella passeggiata da Paradiso al CIani non è possibile, fino al LAC c'è la pisata dopo si va in strada.... ma se hai un bambino di 4 o 5 anni non lo puoi fare, devi restare sul marciapiede ed in questo caso, a mio modo di vedere, vale la regola del buon senso... se è pieno di gente scendi e spingi, se non è così affollato puoi andare piano e stare attento... magari ci si ferma a far passare le persone.... qualche volta si possono anche ringraziare i pedoni che ti lasciano strada.... invece.... eccola la differenza tra persone educate e prepotenti! Ci vuole un po di buon senso... nient'altro!
Lokal1 1 anno fa su tio
@dilandog Hai colto nel segno
sedelin 1 anno fa su tio
MOLTI I CICLISTI CHE CIRCOLANO DOVE GLI PARE SENZA ALCUN RISPETTO DELLE REGOLE... SUI MARCIAPIEDI, SULLE STRISCE PEDONALI, CON IL SEMAFORO ROSSO, IN MEZZO ALLA STRADA A 30 ALL'ORA, IN STRADE A SENSO UNICO... secondo me dovrebbero fare un esame di "guida" (per chi non ha la patente d'auto) e andrebbero multati per le contravvenzioni, come gli automobilisti. ecco, adesso mi giungeranno le ire dei ciclisti, buona giornata :-)
jena 1 anno fa su tio
@sedelin shhhhhhhh .... non si puo' dire... non puoi attaccare la casta!!! puoi incorrere nell'ira dei politici che gia' si ergono a paladini sui vari social...
centauro 1 anno fa su tio
@sedelin Io vado al lavoro in bici e ci sono dei tratti trafficati dove cerco di sfiorare il cordolo del marciapiede per stare il più possibile a destra.....prima di uscire di casa recito un Santo Rosario per scongiurare il rischio di essere urtato dai mezzi motorizzati!
jena 1 anno fa su tio
uelllllaaaa ...una campagna contro gli intoccabili !!!!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-21 08:06:47 | 91.208.130.85