ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
4 min
«Il Governo annulli la nomina della direttrice aggiunta alla Giustizia»
Lo chiede il gruppo MPS-Pop Indipendenti: «Si è proceduto senza lo straccio di un concorso». Interrogativi sul bando annullato e i requisiti svaniti
BELLINZONA
36 min
Rabadan, tutto ciò che c'è da sapere su accessi e posteggi
La Polizia comunale ha comunicato le disposizioni generali valide dal 20 al 25 febbraio
SVIZZERA / CANTONE
1 ora
La Comco dà luce verde alla cessione di Tertianum
L'azienda di cura e assistenza per le persone della terza e quarta età gestisce attualmente cinque strutture anche in Ticino
FOTO E VIDEO
CANTONE
2 ore
Treni bloccati per più di due ore tra Lugano e Melide
La circolazione sulla tratta è ripresa attorno alle 8.30. Ma alla stazione di Melide la situazione è complicatissima
CANTONE
3 ore
«Trattato come un alieno dopo la morte del mio partner»
Due uomini che si amano da una vita, lui direttore di banca, l’altro insegnante. Ma l’Alzheimer favorisce i parenti. Che alla fine si sono presi tutto
CASTIONE
4 ore
Stephanie, dal banco alla cattedra
Stephanie Ongaro, classe 1995, insegna alle scuole elementari di Castione. E ci racconta la sua passione
FOTO E VIDEO
NOVAZZANO
10 ore
Festa grande per il carnevale
Si è conclusa la 31esima edizione
ROVEREDO (GR)
14 ore
Spavento per Re Lingera: cade e si rompe il setto nasale
Il carnevale di Brenno Martignoni si chiude con un rovinoso tonfo durante uno show pomeridiano. «Mi rimetterò quanto prima», racconta
LUGANO
15 ore
Gratis o a pagamento, che fine fa Estival Jazz?
Il festival luganese cambia pelle. Tra voci di chiusura e incertezze sul futuro. Ma gli organizzatori rassicurano
CONFINE
16 ore
Un fiume di solidarietà per l'ultimo addio a Giuliano
Dopo l'omelia per il frontaliere 44enne morto a Monteggio, un lungo corteo ha accompagnato il feretro al cimitero
SIGIRINO
17 ore
Mortale sull'A2, automobilista alla sbarra per omicidio intenzionale
Il 38enne è stato rinviato a giudizio per i fatti del 10 novembre 2017. Rischia una pena superiore ai cinque anni
CANTONE
21.05.2019 - 08:100
Aggiornamento : 09:12

L'incubo di Sergio Devecchi dentro gli istituti per minori

«Botte, ma anche abusi sessuali» in istituti per minori in Ticino e nei Grigioni. Sergio Devecchi, pedagogista in pensione, racconta la sua storia in “Infanzia rubata” (Ed. Casagrande, 2019)

BELLINZONA - Sarà presentato questa sera al Teatro Sociale di Bellinzona alle 20.30 il libro “Infanzia rubata” (Edizioni Casagrande, 2019) di Sergio Devecchi. Un testo dentro cui Devecchi (classe 1947) narra la sua storia di bambino di soli sei giorni sottratto alla madre e collocato in istituti per minori in Ticino (Pura, Bellinzona, Pollegio) e successivamente a Zizers, nei Grigioni. Istituti in cui subisce maltrattamenti di ogni sorta e da dove, con regolarità, fugge alla ricerca delle proprie origini e della propria identità.

Poi avviene una svolta: Devecchi studia pedagogia e diventa educatore, fondatore e direttore di vari istituti in Svizzera tedesca, così come, tra le altre cose, consulente e membro di gruppi professionali attivi in tale ambito.

Devecchi decide di mettere nero su bianco la sua storia - pubblicata originariamente in tedesco, “Heimweh” (Stämpfli Verlag, 2017), e ora tradotta in italiano - al momento del pensionamento. Una storia che fino a quegli istanti aveva custodito dentro di sé».

Signor Devecchi, per quale motivo non ha denunciato prima i fatti? 

«Avevo il timore che il mio racconto potesse ricadere su di me e sulla mia carriera. E mi vergognavo anche...».

Perché fu sottratto alla sua famiglia?

«Ero un figlio illegittimo e nel 1947, nell'immediato dopoguerra, la società non lo tollerava. Inoltre, mia madre e mia nonna erano molto povere: di conseguenza, quando avevo pochi giorni, con l'aiuto del prete e il consenso delle autorità, mi hanno messo in istituto, dove sono rimasto per diciassette anni».

Il primo si trovava a Pura, giusto?

«Sì, era l’istituto per minori “Dio aiuta”. Poi, dopo undici anni, d'un tratto è stato chiuso, e da un giorno all’altro mi sono ritrovato al Von Mentlen di Bellinzona. Dopodiché, sono finito a Pollegio e a Zizers».

Come era la sua giornata all’interno di essi?

«Erano istituti protestanti severissimi: si lavorava in stalla e si pregava. Le punizioni e i castighi erano all’ordine del giorno».

Che tipo di maltrattamenti ha subìto?

«Botte, ma anche abusi sessuali, in particolare a Pura, per tanti mesi, da parte di un collaboratore».

Come ha reagito nell’immediatezza dei fatti?

«Credevo fosse colpa mia e non ne ho mai parlato con nessuno...».

Come è avvenuta la scelta di studiare pedagogia?

«Nel 1964 mi spedirono a Lugano, completamente solo, senza soldi e senza una formazione. Ero disperato. Dopo qualche tempo incontrai per caso un assistente sociale di Zurigo che mi suggerì di prendere quella strada…».

Da quando Sergio Devecchi sta bene con sé stesso?

«Da tanto tempo. Anche se dopo le esperienze in istituto le fasi drammatiche della mia vita non erano ancora finite…».

In che senso?

«Ero riuscito a crearmi una famiglia. Ma quel nido costruito con mia moglie si sgretolò pochi anni dopo, in seguito alla sua morte. E per me, inevitabilmente, quella fu una terribile ricaduta...».

Ma si è rialzato un’altra volta…

«Sì, grazie ai miei due figli - oggi di 35 e 33 anni -, così come alla forza e alla resilienza che sento dentro di me… La stessa che mi ha fatto sopportare e superare tutte le ingiustizie...».

Info: sergio-devecchi.ch; edizionicasagrande.com; amilcare.ch

 

Commenti
 
Frankeat 9 mesi fa su tio
Se non sbaglio, non tanti giorni fa il Corriere del Ticino ha pubblicato una bella intervista con relativo articolo, se ricordo bene usando due intere pagine. Molto toccante.
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-17 10:32:19 | 91.208.130.87