TiPress - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Ticino
GAMBAROGNO
8 ore
Centocampi in bilico: il giovane agricoltore getta la spugna?
LUGANO
10 ore
Lo Stato alla caccia delle imposte non pagate dal direttore della Aston
LUGANO
11 ore
Sebalter per festeggiare il 25esimo anniversario di Apple da Manor
SEMENTINA
11 ore
Associazione dei Contabili-Controller, premiati i neo-diplomati
CANOBBIO
12 ore
Rilasciato l'ex municipale, docente e allenatore accusato di pedofilia
CADENAZZO
13 ore
Tamponamento sull'A2 prima della galleria del Monte Ceneri
CANTONE
14 ore
L'occhio del radar scruta mezzo cantone
MUZZANO
14 ore
I tre sindacati al Corriere: «Ritirate i licenziamenti!»
CANTONE
15 ore
Erosione delle Guardie di confine, il PLR interroga il Governo
CANTONE
15 ore
«Bisogna incentivare i giovani ad usare i mezzi pubblici»
AQUILA
15 ore
Incidente nel nucleo di Aquila
BELLINZONA
15 ore
Giovani in piazza per salvare il clima
CANTONE
16 ore
Due importanti nomine per De Rosa
BELLINZONA
16 ore
«Ci hanno tagliati fuori dal mondo senza preavviso»
LUGANO
16 ore
Appartamenti sussidiati a 400 franchi in più: «Il Municipio lascia fare?»
CANTONE
15.05.2019 - 22:550

Giovani in piazza contro UBS e Credit Suisse

Altra manifestazione per l'ambiente venerdì 24 maggio a Bellinzona. «Le banche cessino gli investimenti all'industria dei combustibili fossili»

BELLINZONA – Venerdì 24 maggio il movimento “Sciopero per il clima” ha organizzato in 21 città svizzere uno sciopero. In Ticino la manifestazione si svolgerà a Bellinzona e partirà da Largo Elvezia alle 14:00.

Oltre che a richiamare ancora una volta l’attenzione dei politici su questo tema, in questa edizione si darà maggior risalto al mondo finanziario e ai suoi costi ambientali. Soprattutto sarà messo sotto inchiesta il «finanziamento da parte delle banche dell’industria dei combustibili fossili», puntando il dito soprattutto contro UBS e Credit Suisse, a cui viene chiesto di «cessare immediatamente questi investimenti».

Il movimento fa appello a tutta la popolazione: «Questo è un movimento che sta crescendo e che non deve fermarsi, perché altrimenti saranno i cambiamenti climatici a crescere».

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-05-25 07:37:11 | 91.208.130.86