Ti Press (archivio)
CANTONE
13.05.2019 - 14:550
Aggiornamento : 16:58

Poca acqua, in tutte le sue forme

Dagli accumuli nevosi in montagna ai livelli dei laghi e delle falde sotterranee. Il 2019 si è aperto con un deficit idrico generalizzato

GIUBIASCO - I dati dell’Ufficio dei corsi d’acqua, diffusi dall’Ustat, sono eloquenti: il 2019 si è aperto con un deficit idrico generalizzato in tutti i corsi d’acqua del cantone.

Tra gennaio e marzo, nel Sottoceneri, i deflussi hanno raggiunto indicativamente solo la metà del valore medio del periodo. Nel Sopraceneri il deficit è stato localmente inferiore, ma comunque significativo.

Anche le riserve idriche accumulate nel manto nevoso erano particolarmente scarse a fine marzo, così come la quota media delle principale falde sotterranee.

La carenza idrica è apparsa a tutti ben visibile nei livelli del lago Maggiore e del lago di Lugano: nel primo il valore medio a febbraio è risultato di 40 cm inferiore alla media, a marzo addirittura 70 cm al di sotto. Per quanto riguarda il Ceresio il deficit (circa 25 cm) è rimasto pressoché costante dall’inizio dell’anno.

 

 

Commenti
 
moma 3 mesi fa su tio
Qualcuno è duro di comprendonio. Ma si accorgerà quando sarà troppo tardi. Guardo i fiumi e malgrado le piogge degli ultimi tempi, dopo lo sfogo del momento, tornano bassi bassi come non mai. Mai visti cosi bassi. Significa che la fonte è debole. E questo dovrebbe bastare a fare riflettere certe menti ottuse.
pulp 3 mesi fa su tio
@moma Soprattutto se le centrali elettriche fanno il bello e il brutto tempo. L'augurio è che almeno per una parte, dopo la votazione in Granconsiglio sui deflussi minimi, venga finalmente ristabilita un po' di "normalità".
Fran 3 mesi fa su tio
Infatti questo tipo di pubblicare articoli trovano il tempo che trovano. Non è cosi cmq sia, a mio modesto avvisto, che si fa informazione attendibile, Signori. Poi vedessero un po questi "journis" del TIO :-)
Nmemo 3 mesi fa su tio
Le statistiche idrologiche e idrometriche vanno lette con conoscenza di materia. Hanno un senso se confrontate con valori pluriennali di almeno 20 anni. Se poi si danno valori di febbraio-marzo a maggio, è meglio lasciare perdere … Commentare foto senza indicare l’ora dello scatto, ammesso di conoscere il regime del corso d’acqua, lascia lo spazio di dire la foto mi/non mi piace. Anche l’invaso del Verbano, giurisdizionalmente per 4/5 italiano, segue le leggi di economia delle acque, regolate dal Magistrato del Po.
Fran 3 mesi fa su tio
Sinceramente minchiedo dove sta questa mancanza in acqua. Il livello del lago maggiore al contrario di quanto dice l'articolo, è piuttosto alto. Il fiume Ticino porta tantissima acqua in questo momento. Andate a vedere ;-)
vulpus 3 mesi fa su tio
@Fran Concordo. Queste statistiche hanno forse un senso se fatte sull'arco di 12 mesi, come media annua. Del resto dicono assolutamente il nulla tranne un rilievo statistico. Poi chi li legge, magari si lancia in qualche proposta drammatica.
pontsort 3 mesi fa su tio
@Fran Semplicemente pubblicano le statistiche con due mesi di ritardo. Intanto la situazione é cambiata. Il lago era basso a fine marzo, anche se già allora l'innevamento era tutt'altro che poco e al momento l'innevvamento é vicino ai massimi storici e il livello del lago nella media dopo essere arrivato 1 metro sopra
GI 3 mesi fa su tio
molto interessante ma, oggi la situazione come si presenta ?
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-08-23 12:06:28 | 91.208.130.86