Tipress (archivio)
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
25 min
Con un cestino distrugge il parabrezza di un'auto
LUGANO
2 ore
In manette un ex direttore di banca
CONFINE
2 ore
Truffa ai danni di una malata di cancro, Proto a processo
CANTONE
2 ore
Veicolo contromano sull'A2
CANTONE
3 ore
Il rapporto dell’analisi dell’acqua? «Tendenzioso. Vuole solo creare allarmismo»
CANTONE
3 ore
Rivista Corner, un nuovo angolo di sport in Ticino
CANTONE
4 ore
A2-A13: Claudio Zali incontra l'USTRA
CANTONE
5 ore
Si voterà sulla legittima difesa
CANTONE
5 ore
Un giudice in più per il Tribunale penale cantonale
LUGANO
5 ore
«Già 3'000 firme per l'aeroporto»
LUGANO
5 ore
Barzaghi con i molinari: «Ha cantato anche lei “Borradori a testa in giù”?»
CENTOVALLI
6 ore
Una mattina di pausa per la Funivia Intragna-Pila Costa
LUGANO
6 ore
Presunto abuso edilizio a Caprino, scatta l'interrogazione al Governo
CANTONE
6 ore
Elicotteri militari, prosciolto l'imprenditore di Cresciano
ASTANO
6 ore
Moltiplicatore al 130% per evitare il tracollo finanziario
LOCARNO
07.05.2019 - 06:550
Aggiornamento : 07:10

Il trio di picchiatori vuole redimersi

I tre giovani del Locarnese - alla sbarra per diverse aggressioni, furti, danneggiamenti e droga - si dicono pentiti e dopo il carcere vogliono cambiar vita

LOCARNO - Nella regione erano diventati tristemente noti come Il trio dei "picchiatori del Locarnese". Loro sono un 19enne e un 20enne - cresciuti insieme in zona -  e un 22enne di passaporto tedesco, ma residente da tempo nella regione. Il terzetto è comparso ieri davanti alla Corte delle Assise criminali di Lugano per una lunghissima serie di reati commessi tra aprile 2017 e l'estate del 2018. Nel loro poco invidiabile Curriculum Vitae troviamo furti (anche in chiesa), aggressioni (con colpi alla testa che avrebbero potuto essere fatali alle vittime), consumo e spaccio di droga e guida senza licenza.

Accanto a loro anche una ragazzina con meno di 16 anni che ha intrattenuto rapporti sessuali (consenzienti) con due dei componenti del terzetto. Per questo motivo i due giovani maggiorenni si sono visti appioppare anche l'accusa di atti sessuali con fanciulli. 

I continui reati hanno portato all'arresto dei giovani. E i successivi giorni trascorsi in carcere (in regime di espiazione anticipata della pena) li hanno indotti a riflettere sui loro comportamenti. I tre, insomma, si dicono pentiti delle loro gesta e vogliono redimersi. Vogliono vivere (finalmente) una vita diversa e trovarsi un lavoro. I giovani - come ricordato ieri in aula e riportato dai media ticinesi - sono usciti da situazioni familiari molto complicate e hanno avuto un percorso scolastico parecchio difficoltoso con apprendistati iniziati e poi abbandonati.

Il processo, iniziato ieri, continuerà oggi con la requisitoria della procuratrice pubblica Pamela Pedretti e l'arringa degli avvocati difensori dei tre giovani picchiatori.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-16 23:03:40 | 91.208.130.85