Tio/20minuti
+ 21
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
25 min
La parola fine sul caso Sogevalor
CANTONE
52 min
«Vogliamo insegnare ai ragazzi a studiare forse meno... ma meglio»
CANTONE
1 ora
Un esercito di ticinesi senza licenza media
BELLINZONA
7 ore
La foca in arancione per una buona causa
CANTONE
10 ore
De Rosa: «Inaccettabile un aumento delle casse malati»
CANTONE
10 ore
Sistemare via Chiesa in vista della cittadella della gioventù
BRIONE VERZASCA
11 ore
Suonano le sirene, ma è un falso allarme
LUGANO / ITALIA
12 ore
Una ditta luganese vuole assumere 400 persone a Napoli
MENDRISIO / CANTONE
13 ore
Tutti questi alberi verranno abbattuti?
AIROLO
13 ore
Cent'anni e non sentirli per Aldo Piccinonno
LOCARNO
13 ore
Cartelli illegali: «Il Municipio ha fatto una doppia figuraccia»
MENDRISIO
14 ore
Tre condanne e un arresto per i migranti passatori
CANTONE
14 ore
Abusi al Dss: la nomina fa discutere
LUGANO
16 ore
Campioni del mondo alla Lugano Bike Emotions
CANTONE
16 ore
Fungiatt dispersi in valle Morobbia, ma è un'esercitazione
LUGANO
22.04.2019 - 20:120

Picchi da tutto esaurito per la Pasqua in città

Occupazione del 90 per cento nei centri e del 70 nelle valli, gli albergatori sorridono. Lorenzo Pianezzi: «Bel tempo a parte, la proposta di attività, anche culturali, è stata molto apprezzata»

LUGANO - È stata una Pasqua a trazione cittadina e… culturale. Quello della diversificazione dell’offerta turistica è un tema ricorrente, quasi un tormentone. Ma i frutti sembrano arrivare. «È stata decisamente una buona Pasqua. Abbiamo avuto una bella affluenza. Le attività che sono state create nei centri sono state molto apprezzate» commenta Lorenzo Pianezzi, presidente di hotelleriesuisse.

Tra le proposte che hanno arricchito la giornata di domenica Pianezzi cita il concerto dell’Orchestra Mozart al centro culturale Lac: «Ero presente e nel pubblico c'erano numerosi tedeschi e svizzero-tedeschi».

Il traino della cultura, dunque, oltre alla natura sempre condizionata dal meteo che è stato comunque più clemente del previsto. «Il successo della Pasqua resta chiaramente legato al bel tempo, ma l’atout culturale s’è fatto sentire. E probabilmente anche con un cielo meno soleggiato avremmo comunque avuto un bilancio positivo perché le proposte per fare qualcosa di interessante in Ticino c’erano».

Non c’è bilancio senza numeri. «Nei centri cittadini si può dire che avevamo un 90 per cento di occupazione negli alberghi, con picchi del cento per cento. C’erano diverse strutture, tra le quali la mia, con tutte le camere occupate. Ma anche le valli, con circa un 70 per cento di occupazione, possono sorridere. Sicuramente è stato un buon inizio, che fa ben sperare per l’annata» conclude Pianezzi.

Tio/20minuti
Guarda tutte le 25 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-18 07:52:11 | 91.208.130.86