Classe 1999, Corti è studente alla facoltà di Economia di San Gallo
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
17 min
Dall'Ascensione al Corpus Domini: giorni di fuoco per l'A2
BELLINZONA
55 min
Primo agosto, Bellinzona ospite d'onore delle celebrazioni ad Altdorf
SVIZZERA / CANTONE
1 ora
Il Consiglio federale ammette: «Gli studenti in medicina italofoni sono discriminati»
CONFINE
1 ora
Trafficava armi da guerra, arrestato in Valtellina
LOCARNO
1 ora
Inaugurato il nuovo Centromedico
LUGANO
1 ora
Veicolo in panne nella Vedeggio Cassarate
AGNO
2 ore
«L’aeroporto è moribondo, inutile accanirsi per rianimarlo»
CANTONE
2 ore
«I manager di Kering non hanno ingannato le autorità»
CANTONE
2 ore
Tilo sostituiti da bus tra Cadenazzo e Luino
CANTONE / SVIZZERA
2 ore
Accordo quadro: «No, grazie»
CANTONE / SVIZZERA
3 ore
Un vicepresidente ticinese per Spitex
MENDRISIO
4 ore
Festa della Musica, ecco la line up ufficiale
CANTONE
4 ore
Lo spropositato costo in Ticino di riviste e vestiti
LUGANO
4 ore
«Master plan e studio di San Gallo per il rilancio dell'aeroporto»
CANTONE
4 ore
Aggregazione tra Morcote e Vico, istituita la commissione di studio
CANTONE
21.04.2019 - 08:080
Aggiornamento : 16:55

«Con un click ho messo in contatto docenti privati e studenti»

Dopo il successo l'app ticinese creata da Simone Conti per docenti e studenti si è rifatta il look e mira a diventare internazionale

LUGANO - Era stata lanciata lo scorso anno in versione test. WorkInPairs, prima applicazione in Ticino in grado di mettere in contatto docenti e studenti per offrire loro lezioni private, è stata un successo. In un anno ha contato più di 1'000 download per 2'500 ore di insegnamento. In un periodo di attività di soli 4 mesi. Proprio questo interesse ha spinto il suo realizzatore,  Simone Conti, giovane studente universitario nella facoltà di economia a San Gallo, a premere sull'acceleratore e "rifare il look" alla app, introducendo diverse migliorie.

«Il  sistema precedente - ci spiega - permetteva solo agli studenti di interagire. Ora l'applicazione assolve il lavoro che prima era del customer service. E include anche i docenti».

L'idea, ammette Conti, nasce da un'esigenza personale: «Non riuscivo a trovare il docente giusto. L'offerta era vasta, ma poco chiara e soprattutto non ti permetteva di valutare prima se era formato e se poteva essere ciò che si cercava». 

Proprio per questo, a chi offre lezioni, è stata chiesta la maggior trasparenza: «Devono precisare i rispettivi percorsi universitari. Questo per dare più informazioni allo studente che sceglie il docente e per avere un team insegnanti più specifico e formato. Già nella scorsa versione se 300 circa erano i docenti registrati, quasi 400 erano quelli scartati».

WorkInPairs, STARTUP sviluppata in Ticino, ma che mira ad espandersi a livello internazionale «apre ora le porta ad un nuovo concetto di sharing economy, basato su un modello di broking», spiega Conti. «Riesce a mettere in contatto la domanda di lezioni di recupero e/o perfezionamento in tutte le materie scolastiche con l’offerta, provvedendo nel contempo a fissare gli appuntamenti in modo sicuro e con un semplice click. Il nuovo sistema prende spunto dai meccanismi finanziari: permette all’allievo di creare la sua domanda (le lezioni private). L’applicazione sarà in grado di svolgere l’attività di un broker e segnalare a tutti i docenti che si trovano nelle vicinanze la richiesta».

L’attuale aggiornamento, inoltre, permetterà alla piattaforma di essere tradotta nelle lingue nazionali e in inglese.

Gli studenti alla ricerca del proprio docente possono scaricare gratuitamente l’applicazione WorkInPairs negli store Apple e Android.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-05-23 13:43:56 | 91.208.130.86