Foto Facebook
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
22 min
Passaggio di poteri al Rotary Club Lugano
LUGANO
33 min
«Spariscono i parcheggi per disabili e l’accesso al centro e al lago è tabù»
BELLINZONA
11 ore
Fa la barista per ricordare l’amica morta
CONFINE
11 ore
Si ferma a soccorrere un capriolo e viene investito
CANTONE
12 ore
Mobilità, il Gran Consiglio pigia sull’acceleratore
LUGANO
12 ore
Via alla Roggia sarà dedicata ai Padri Redentoristi
CANTONE
13 ore
Legge sui fiduciari, Quadranti interroga (ancora) il Governo
BELLINZONA
13 ore
Ecco gli asilanti in sciopero della fame
ASCONA
14 ore
"Incidente" fotografico a JazzAscona
LUGANO
15 ore
Posata la prima pietra dell'asilo di Molino Nuovo
CANTONE
15 ore
Co-working Verzasca e Piano: il progetto è realtà
ASCONA
15 ore
Tutti i diplomati del Collegio Papio
CANTONE
16 ore
Ben 350mila franchi per la TI 7851. Ma è un errore
CANTONE
18 ore
In moto con la Polizia. Per sicurezza
CANTONE
19 ore
FFS: Tratta sbarrata tra Cadenazzo e Locarno
LUGANO
15.04.2019 - 17:430
Aggiornamento : 16.04.2019 - 09:50

«Maestro, facciamo un selfie?». «Certo, un fiorino!»

L’attore Roberto Benigni ha pranzato negli scorsi giorni in un ristorante del centro. «Ossobuco con risotto e poi l’irrinunciale sigaretta dopo il caffé» racconta il proprietario dell’Orologio

LUGANO -  Il ristorante Orologio in via Nizzola si sincronizza sulle celebrità. Nel locale di fronte alla pensilina Botta, che ha riaperto il 1 marzo, è giunto giovedì scorso, non inatteso, un ospite prestigioso, l’attore e regista toscano Roberto Benigni, accompagnato da altre due persone.

È stata una presenza discreta, ma simpatica come racconta il gerente e proprietario Alex Moscatelli (titolare anche, sempre a Lugano, del Bistrot): «È stato brillante e molto alla mano». Nessun trambusto in sala. «Anche perché gli ho messo ai tavoli vicini gente tranquilla, avvocati... Lui si è trattenuto per due orette, fino alle 14. Certo gli sguardi di sorpresa dei clienti non sono mancati, ma nessuno l’ha importunato».

Per la cronaca il comico toscano, «noi ci siamo rivolti a lui chiamandolo maestro» ricorda Moscatelli, ha ordinato una specialità della cucina lombarda e ticinese. «Ha mangiato il nostro ossobuco con risotto, bevuto del vino, preso un dessert e il caffé. Ed è uscito per una sigaretta. “Io fumo una sigaretta dopo pranzo e dopo cena” ci ha raccontato».

Il siparietto più divertente è avvenuto al momento di lasciare il locale. «Quando gli abbiamo chiesto “Maestro, facciamo un selfie assieme?”, Benigni ha scherzato: “Un fiorino! Dove andate? Che fate? Un fiorino”». Come nel film “Non ci resta che piangere”, salvo che stavolta tutti sorridevano.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-25 06:33:23 | 91.208.130.87