Davide Giordano
«Ci ha dato l’opportunità di svolgere un lavoro che nessuno di noi aveva mai fatto»
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
10 min
Passaggio di poteri al Rotary Club Lugano
LUGANO
21 min
«Spariscono i parcheggi per disabili e l’accesso al centro e al lago è tabù»
BELLINZONA
10 ore
Fa la barista per ricordare l’amica morta
CONFINE
11 ore
Si ferma a soccorrere un capriolo e viene investito
CANTONE
11 ore
Mobilità, il Gran Consiglio pigia sull’acceleratore
LUGANO
12 ore
Via alla Roggia sarà dedicata ai Padri Redentoristi
CANTONE
13 ore
Legge sui fiduciari, Quadranti interroga (ancora) il Governo
BELLINZONA
13 ore
Ecco gli asilanti in sciopero della fame
ASCONA
14 ore
"Incidente" fotografico a JazzAscona
LUGANO
15 ore
Posata la prima pietra dell'asilo di Molino Nuovo
CANTONE
15 ore
Co-working Verzasca e Piano: il progetto è realtà
ASCONA
15 ore
Tutti i diplomati del Collegio Papio
CANTONE
16 ore
Ben 350mila franchi per la TI 7851. Ma è un errore
CANTONE
18 ore
In moto con la Polizia. Per sicurezza
CANTONE
18 ore
FFS: Tratta sbarrata tra Cadenazzo e Locarno
LUGANO
15.04.2019 - 21:150

«Non è stata la solita ricerca noiosa svolta in classe»

Due classi del CPC di Lugano hanno presentato oggi l’orto realizzato nell’ambito del loro progetto interdisciplinare didattico

LUGANO - Quanto è difficile realizzare un orto? Quali sono le opportunità che questo offre? A queste domande, e non solo, hanno tentato di dare una risposta le classi di maturità 3CMA e 3CMB del Centro Professionale di Commercio di Lugano, impegnate in un progetto didattico interdisciplinare che mescola economia aziendale ed ecologia.

Suddivisi in tre gruppi di lavoro - produzione, amministrazione e pubbliche relazioni -, gli studenti hanno potuto mettere in pratica le nozioni apprese dando vita ad una simulazione aziendale del tutto realistica, occupandosi così di ogni aspetto: dal montaggio delle serre alle ricerche di mercato.

Un lavoro «particolare perché non si tratta della solita ricerca svolta in classe», spiegano i ragazzi ai microfoni di Tio.ch/20minuti. Al progetto, avviato lo scorso mese di gennaio, hanno preso parte circa 25 giovani, che hanno voluto ringraziare i professori che li hanno seguiti nella realizzazione. Il progetto infatti ha dato agli studenti «l’opportunità di svolgere un lavoro un po’ diverso dal solito, che nessuno di noi aveva mai fatto».

L’anno scolastico ora si avvia lentamente al termine. Cosa ne sarà quindi dell’orto? Due sono le speranze dei giovani maturandi. In primis quella di riuscire a raccogliere qualche “frutto” del proprio lavoro. La seconda invece è un invito a raccogliere il testimone: «Speriamo che qualcuno lo continui dopo di noi visto che noi ,il prossimo giugno, finiremo la scuola».

Davide Giordano
Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-25 06:21:33 | 91.208.130.85