Keystone (archivio)
La strada del Passo non è un'alternativa
ULTIME NOTIZIE Ticino
MENDRISIO
41 min
L'infermiere aveva già tentato il suicidio
Nuovi dettagli sulla vicenda del 45enne accusato di avere ucciso 17 pazienti dell'ospedale Beata Vergine
CANTONE
3 ore
Tutti (o quasi) vogliono il congedo paternità
Lo dice un sondaggio dell'istituto Link. Si voterà il 27 settembre: i favorevoli lanciano la campagna in Ticino
BELLINZONA
4 ore
Rissa nei pressi di un bar, polizia sul posto
Coinvolte diverse persone. I fatti nella tarda serata di ieri
CANTONE
14 ore
Ripartono le funivie, ma sono gli zoo a fare il boom di visitatori
Dallo zoo di Zurigo a quello di Magliaso, lunghe file all'entrata nel primo weekend di riapertura
BIASCA
15 ore
Tamponamento in via San Gottardo
Due le vetture coinvolte. Nessuno sarebbe rimasto ferito, solo danni materiali
BELLINZONA
17 ore
«No al razzismo», si manifesta anche a Bellinzona
Tanti gli slogan scanditi e raffigurati sui cartelloni branditi dai manifestanti
FOTOGALLERY
LUGANO
19 ore
Dopo il lockdown, la lordura
Una "epidemia" di littering alla Foce del Cassarate e sul Brè. Le foto vergognose. La Città: «Problema in aumento»
CANTONE
21 ore
«Ora incrociamo le dita»
I campeggi hanno riaperto i battenti, oggi. L'associazione di categoria: «La stagione si può ancora salvare»
CONFINE
21 ore
Niente gite in Italia, le dogane restano vuote
Nonostante la riapertura della frontiera, i ticinesi sembrano ancora restii dal recarsi in Italia
MURALTO
1 gior
Aggredito sul lungolago, notte in ospedale
La vittima, un 35enne della regione, è stata picchiata da un ragazzo più giovane. Per futili motivi.
CANTONE
1 gior
«Quest'estate troppi giovani a casa»
I Giovani UDC ticinesi sono preoccupati per la disoccupazione under 25. E chiedono misure urgenti
CANTONE
1 gior
Garzoni: «Sì a piscine, fiumi e laghi. E dimagriamo»
Il direttore della clinica Moncucco sulle dichiarazioni di Zangrillo: «Non è certo che il virus sia mutato».
CANTONE
1 gior
L'ex infermiere dell'OBV è stato ritrovato morto
Il 45enne era scomparso lo scorso 30 maggio da Balerna. La sua automobile era stata rinvenuta ieri a Buseno.
CANTONE
1 gior
Al via su Piazzaticino.ch la seconda serata di Poestate
Il festival letterario luganese ritorna questa sera alle 18.00 con la sua edizione 100% online
FOTO
CADENAZZO
1 gior
Pronti, partenza, Freestyle
Domani apre il Freestyle Park di Cadenazzo. Il direttore: «Tra gli unici del suo genere in Europa».
FOTO
LUGANO
1 gior
Il nuovo volto della Foce per contenere gli assembramenti
Uno specifico arredo, con panchine e altri accorgimenti, è stato posato per delimitare il numero di presenze.
CANTONE
1 gior
Sei distretti sotto l'occhio dei radar
La prossima settimana i controlli mobili risparmieranno solo Riviera e Leventina.
CANTONE
1 gior
«Il Municipio è d’accordo a bloccare il miglioramento della scuola?»
Ghisletta interpella il Municipio in merito al finanziamento del Cantone
CANTONE
1 gior
Galleria del Ceneri, discoteche e spesa in Italia. Norman Gobbi a 360°
Il presidente del Governo ha toccato diversi temi durante un'intervista rilasciata a Radio Ticino.
CANTONE
1 gior
«La ricerca attiva del virus continua: 100 tamponi al giorno»
In conferenza stampa oggi erano presenti il medico cantonale, il presidente dell'Ordine dei medici e Renato Pizolli
LUGANO
1 gior
Dal 6 giugno riapre la funicolare del San Salvatore
Con uno sconto del 50% per i visitatori ticinesi che varrà fino al 5 luglio
LUGANO
1 gior
L'8 giugno riapre (del tutto) la Biblioteca Cantonale di Lugano
Riattiati tutti i servizi ma i posti saranno limitati e ci sarà il triage all'ingresso
CANTONE / URI
15.04.2019 - 19:190

Traffico a Pasqua, ecco i giorni da evitare

Si prevedono giornate roventi per i viaggiatori che vorranno attraversare il Gottardo. Giovedì si attendono fino a 10 km di coda al portale di Göschenen, lunedì fino 12 km a quello di Airolo

LUGANO - Pasqua è alle porte e con lei anche le immancabili colonne che si creano ai due portali del San Gottardo. Dapprima (da mercoledì a venerdì sera) davanti a quello di Göschenen, poi (soprattutto il lunedì di Pasquetta) davanti a quello di Airolo. Molti approfittano infatti del periodo pasquale per fare il pieno di sole in Ticino o nella vicina Italia, intasando la viabilità sull'asse nord-sud.

Bisogna comunque considerare che quest’anno la Pasqua cade piuttosto tardi rispetto agli altri anni (21 aprile) e quindi in molti Cantoni svizzeri e Länder tedeschi le vacanze scolastiche di primavera sono già iniziate. Questo aspetto potrebbe anche alleggerire leggermente il traffico pasquale rispetto agli anni scorsi.

Mercoledì i primi ingorghi - Le prime vere e proprie colonne di Pasqua in direzione sud inizieranno già mercoledì. Gli effetti si faranno sentire soprattutto sull’A2 in prossimità della galleria del San Gottardo. Chi quel giorno si metterà in viaggio verso sud, con un po’ di fortuna, potrebbe non dover pazientare più di un'ora davanti al portale nord del San Gottardo. La lunghezza delle code non dovrebbe superare i 6 chilometri. Negli ultimi anni, le prime colonne hanno iniziato a formarsi verso le 9.00 del mattino e si sono protratte fino alle 21.00 circa.

Giovedì 10 chilometri di coda - Il traffico sarà probabilmente molto più intenso il Giovedì Santo: le prime code sono previste già dalle 7.00 di mattina. Gli automobilisti che arriveranno davanti al portale nord del Gottardo tra le 15.00 e le 23.00, saranno quelli che dovranno pazientare più a lungo. In questo lasso di tempo, il serpentone di automobili potrebbe toccare circa i 10 chilometri, che corrisponde ad un tempo d’attesa di un'ora e 45 minuti.

Venerdì situazione in miglioramento - Probabilmente la colonna persisterà durante tutta la notte tra giovedì e venerdì e si intensificheranno nuovamente venerdì dalle 7.00 del mattina. Tra le 18.00 e le 19.00, il traffico a nord delle Alpi si dissolverà e la galleria stradale più lunga d'Europa sarà normalmente transitabile. Per chi si recherà in Italia, i disagi si riproporranno a Chiasso-Brogeda dove gli automobilisti dovranno fare una sosta obbligatoria prima di attraversare il confine.


Via Suisse
Le previsioni per l'esodo verso sud

Alternative - Per evitare le lunghe ed estenuanti code davanti alla galleria del San Gottardo, è opportuno mettersi in viaggio il mercoledì o il Giovedì Santo alle prime luci dell’alba. In alternativa, a seconda del punto di partenza, si può passare dalla A13 del San Bernardino, dal Passo del Sempione o dalla Galleria del Gran San Bernardo. Tuttavia, la A13 del San Bernardino è soggetta a chiusure. Se si verifica un incidente o un veicolo ha un’avaria, il tratto interessato può venir chiuso.

Controesodo pasquale - Molti automobilisti decidono di far rientro a casa già la domenica di Pasqua e a partire dalle 15.00 circa si ritroveranno nuovamente fermi davanti alla galleria del San Gottardo. I tempi d’attesa non dovrebbero comunque essere superiori a un’ora e un quarto. A partire poi dalle 21.00 le colonne dovrebbero diminuire rapidamente.

Un lunedì di passione - Sebbene le vacanze di primavera in gran parte della Svizzera e della Germania non finiscano il lunedì di Pasqua, Viasuisse prevede un traffico di rientri molto intenso proprio il giorno di Pasquetta. A partire dalle 10.00 di mattina, le colonne dovrebbero aumentare per toccare il picco 15.00 e le 23.00. In questo lasso di tempo, davanti al portale sud del San Gottardo si prevede una lunghezza massima di 12 chilometri. Per i viaggiatori, questo significa rimanere fermi per almeno tre ore. Un viaggio verso nord senza ingorghi è possibile se si parte la mattina molto presto o se si arriva davanti alla galleria del San Gottardo la sera dopo le 22.00.

Graduale ritorno alla normalità - Durante gli altri giorni della settimana è sempre possibile che si formino delle colonne davanti al portale sud del San Gottardo. Le ore comprese tra le 11.00 e le 19.00 sono particolarmente soggette ad ingorghi e la lunghezza delle colonne può arrivare fino a 8 chilometri. Il traffico dei rientri potrebbe meno intenso di quello delle partenze, in quanto molti oltre ai giorni festivi di Pasqua hanno ancora le vacanze primaverili e ritornano a casa più tardi.


Via Suisse
Le previsioni per il controesodo

Chiusura invernale per molti passi alpini - I passi del San Gottardo, del Gran San Bernardo e del San Bernardino sono ancora chiusi per la stagione invernale, quindi non sono disponibili come percorsi alternativi. Anche molti altri passi sono ancora chiusi, per cui bisognerà pazientare anche nelle stazioni di carico. Per le partenze, tempi d’attesa saranno da prevedere alla stazione della Furka a Realp, del Lötschberg a Kandersteg e della Vereina a Klosters-Selfranga. Questo tra le 10.00 e le 20.00. Al ritorno le attese sono previste tra le 10.00 e le 19.00 a Oberwald per la linea della Furka, a Goppenstein per il Lötschberg e a Lavin-Sagliains per la Vereina.

Via Suisse
Guarda le 2 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Remo Pungillo 1 anno fa su fb
Pablo Francischetti 1 anno fa su fb
Alex Luba
Paula Avila Lopes 1 anno fa su fb
Felipe Giacomini Lopes
Claudia Portorreal 1 anno fa su fb
Mario SuperMario
Paola Preianò 1 anno fa su fb
Remo Pungillo
Micky Ceschi 1 anno fa su fb
Simone Canepa 1 anno fa su fb
Ho già paura...
Bruno Realini 1 anno fa su fb
Rosanna Morandi 1 anno fa su fb
Fabiano
Salvo Cottone 1 anno fa su fb
Me cojoni.... detto in dialetto Ticinese!
Salvo Festino 1 anno fa su fb
Katy Gualeni 1 anno fa su fb
Filippo Pff Felappi
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-06-07 12:27:17 | 91.208.130.89