Tio/20min
Mario Veragouth, 77 anni, e il suo sogno: un orto condiviso.
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
1 ora
Stralciate le accuse nel caso Consonni
Il principio "ne bis in idem" scagiona gli imputati
BELLINZONA
3 ore
Col casco in testa, a caccia delle buche killer
Un credito di 3 milioni di franchi per risistemare le piste ciclabili della Capitale. Lo chiede il municipale Christian Paglia. Ecco il nostro video
BELLINZONA
4 ore
Oggi Pronzini ha parlato «troppo», è polemica
Dieci interpellanze su 12 erano del deputato Mps. Le discussioni slittano, e tra i banchi del Gran Consiglio volano stracci
CANTONE
4 ore
«Anche per me l'influencer non è una professione»
Manuele Bertoli ha risposto all'interpellanza del PC sull'evento organizzato alla città dei mestieri di Bellinzona
LUGANO
5 ore
Cantiere in via Maraini: «Nessun pericolo»
La Città di Lugano fuga i dubbi sollevati la scorsa settimana da Sara Beretta Piccoli circa i rischi relativi alla presunta presenza di amianto
CANTONE
5 ore
Sostenibilità, per i Verdi serve un organo responsabile
Si occuperebbe di tradurre in effettiva azione politica un concetto «che altrimenti rischia di rimanere solo un termine vago»
CANTONE
6 ore
Batteri nei ristoranti, ecco cosa è stato trovato
Il laboratorio cantonale ha effettuato analisi in un centinaio di esercizi ticinesi. I risultati delle indagini
CANTONE
6 ore
Non è terrorista, ma rischia di finire in una struttura chiusa
L'uomo, che soffre di schizofrenia, ha aggredito una guardia durante la sua detenzione
MAGGIA
6 ore
Un fenicottero rosa atterra in Ticino
Si tratta della seconda segnalazione da sempre di questa specie nel nostro Cantone
CANTONE
7 ore
Maestro interrogato: prosciolti i due poliziotti
Si è concluso con un'assoluzione il secondo processo a due agenti della Cantonale. Erano accusati di sequestro di persona e abuso di autorità
CANTONE
8 ore
Galleria di base del Ceneri: luce verde all'esercizio di prova
L'Ufficio federale dei trasporti ha dato l'autorizzazione ad AlpTransit San Gottardo per l'inizio dei test che avranno luogo tra marzo e fine agosto
CASLANO
08.04.2019 - 08:000
Aggiornamento : 12:10

Tutti pazzi per la terra: «E io sogno l’orto condiviso»

Mario Veragouth è un 77enne che da anni cerca un terreno per concretizzare il suo progetto: «Aiutatemi». Matteo Magni, psicologo: «La natura ci insegna i giusti ritmi della vita»

CASLANO – «È da anni che sto cercando un terreno. Ho un sogno. Quello di creare un orto in cui la gente possa tornare a lavorare la terra. Aiutatemi». È un curioso appello quello di Mario Veragouth, 77enne di Caslano. Ex falegname, oggi in pensione, sta cercando con tutte le sue forze di concretizzare il suo progetto. «Vorrei un luogo in cui la gente, di tutte le generazioni, possa coltivare l’orto. Finora non ho ancora trovato niente, sto cercando da tempo». 

Il cemento e la tecnologia avanzano – Quella del 77enne di Caslano, tuttavia, non è un’idea isolata. Da anni ormai nelle aree urbane stanno sorgendo orti collettivi qua e la. Una risposta concreta all’avanzata del cemento. Ma non solo. «C’è anche il desiderio di riscoprire i ritmi della natura – fa notare Matteo Magni, psicologo e psicoterapeuta –. La natura ti insegna ad aspettare il momento giusto. Contrariamente a quanto accade in una quotidianità sempre più frenetica e in cui tutto sembra dovere essere per forza urgente».

L’irresponsabilità dei social – Il desiderio di mettere le mani nella terra. Per scaricare le tensioni. E anche per vedere il frutto delle proprie fatiche. «Curare un orto – sottolinea Magni – presuppone un senso di responsabilità. Aspetto che oggi sta venendo un po’ meno, anche a causa dei social network. Si posta qualsiasi cosa, senza rendersi conto delle conseguenze delle proprie azioni. In un orto, ogni gesto ha una conseguenza concreta».

Sempre più attività “open air” – Ma la voglia di natura dei ticinesi non si traduce solo nel desiderio di coltivare un orto. Yoga, meditazione, attività all’aperto di vario genere si stanno moltiplicando. «Si cerca l’equilibrio tra il corpo e la mente – conferma Magni –. In un mondo che va così veloce, spesso questo non avviene. La natura ci aiuta a riportarci in una determinata dimensione».

Un luogo di aggregazione – E sostanzialmente è proprio quello che vorrebbe raggiungere Mario Veragouth con il suo progetto. «A scanso di equivoci, non ci voglio guadagnare nulla. Vorrei solo che la gente della regione abbia un punto di riferimento in mezzo alla natura per potere lavorare la terra e per potersi ritrovare. Oggi non ci si parla più. Mi piacerebbe coinvolgere anche le nuove generazioni, ma forse è un sogno impossibile. Per ora mi accontenterei di alcune persone che mi aiutassero a dare il via all’iniziativa. E di un terreno che qualche anima buona potrebbe metterci a disposizione».

Tio/20min
Guarda le 2 immagini
Commenti
 
Stefania Carmine 10 mesi fa su fb
Mario noi abbiamo diversi terreno se mi chiama allo 079 736 35 27 Stefania C
Richard Penka 10 mesi fa su fb
👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻😇😇😇
Angelo Michele Maiorano 10 mesi fa su fb
Comuni e Patriziati dovrebbero mettere a disposizione dei cittadini dei territori per gli orti, ma dubito che la cosa piacerebbe alle aziende che distribuiscono cibo
Alejandra Mia Arias 10 mesi fa su fb
Sarebbe bello poter lavorare la terra e avere un orto spero tanto che lo trovi
Christine Albergoni 10 mesi fa su fb
Daniela Schenardi
Trasp 10 mesi fa su tio
Bisogna disboscare un pò. Visto che in Ticino negli ultimi 100 anni si è passati da 20% di zona boschiva a 50%.
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-17 23:11:42 | 91.208.130.85