Tio/20min
Mario Veragouth, 77 anni, e il suo sogno: un orto condiviso.
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
25 min
Swiss sui voli cancellati: «Siamo in stretto contatto con Adria Airways»
CANTONE / SVIZZERA
41 min
Lavoratori distaccati: «No a maggiori diritti verso gli appaltatori»
CANTONE
1 ora
Casse malati, l’Ordine dei medici sta con Raffaele De Rosa
BIASCA
3 ore
Licenziato dall'Ocst: «Sono distrutto»
CANTONE
3 ore
Prevenzione o radar trappola? A Camorino è strage di multe
CANTONE
3 ore
Martina Hirayama ricevuta da Manuele Bertoli
CANTONE
4 ore
Consuntivo 2018, c'è l'ok del Gran Consiglio
CANTONE
4 ore
Troppi voli cancellati: «Non si può andare avanti così!»
CANTONE
4 ore
Pau-Lessi: «Mai coperto nessuno». E chiede di essere sentito dal Gran Consiglio
CANTONE
5 ore
Mountain bike elettriche da condividere fra Biasca e Blenio
LOCARNO
5 ore
Carte di credito, cellulari e leasing con identità altrui. Arrestata
CANTONE
6 ore
Terza corsia sull'A2? «Basta con le soluzioni prefabbricate»
BELLINZONA
8 ore
Frena per evitare lo schianto, 15enne in ospedale
CANTONE
8 ore
Guido salvato da un infarto. Un video spiega come
CANTONE / SVIZZERA
8 ore
«Nessun debito fiscale nei confronti della Svizzera»
CASLANO
08.04.2019 - 08:000
Aggiornamento : 12:10

Tutti pazzi per la terra: «E io sogno l’orto condiviso»

Mario Veragouth è un 77enne che da anni cerca un terreno per concretizzare il suo progetto: «Aiutatemi». Matteo Magni, psicologo: «La natura ci insegna i giusti ritmi della vita»

CASLANO – «È da anni che sto cercando un terreno. Ho un sogno. Quello di creare un orto in cui la gente possa tornare a lavorare la terra. Aiutatemi». È un curioso appello quello di Mario Veragouth, 77enne di Caslano. Ex falegname, oggi in pensione, sta cercando con tutte le sue forze di concretizzare il suo progetto. «Vorrei un luogo in cui la gente, di tutte le generazioni, possa coltivare l’orto. Finora non ho ancora trovato niente, sto cercando da tempo». 

Il cemento e la tecnologia avanzano – Quella del 77enne di Caslano, tuttavia, non è un’idea isolata. Da anni ormai nelle aree urbane stanno sorgendo orti collettivi qua e la. Una risposta concreta all’avanzata del cemento. Ma non solo. «C’è anche il desiderio di riscoprire i ritmi della natura – fa notare Matteo Magni, psicologo e psicoterapeuta –. La natura ti insegna ad aspettare il momento giusto. Contrariamente a quanto accade in una quotidianità sempre più frenetica e in cui tutto sembra dovere essere per forza urgente».

L’irresponsabilità dei social – Il desiderio di mettere le mani nella terra. Per scaricare le tensioni. E anche per vedere il frutto delle proprie fatiche. «Curare un orto – sottolinea Magni – presuppone un senso di responsabilità. Aspetto che oggi sta venendo un po’ meno, anche a causa dei social network. Si posta qualsiasi cosa, senza rendersi conto delle conseguenze delle proprie azioni. In un orto, ogni gesto ha una conseguenza concreta».

Sempre più attività “open air” – Ma la voglia di natura dei ticinesi non si traduce solo nel desiderio di coltivare un orto. Yoga, meditazione, attività all’aperto di vario genere si stanno moltiplicando. «Si cerca l’equilibrio tra il corpo e la mente – conferma Magni –. In un mondo che va così veloce, spesso questo non avviene. La natura ci aiuta a riportarci in una determinata dimensione».

Un luogo di aggregazione – E sostanzialmente è proprio quello che vorrebbe raggiungere Mario Veragouth con il suo progetto. «A scanso di equivoci, non ci voglio guadagnare nulla. Vorrei solo che la gente della regione abbia un punto di riferimento in mezzo alla natura per potere lavorare la terra e per potersi ritrovare. Oggi non ci si parla più. Mi piacerebbe coinvolgere anche le nuove generazioni, ma forse è un sogno impossibile. Per ora mi accontenterei di alcune persone che mi aiutassero a dare il via all’iniziativa. E di un terreno che qualche anima buona potrebbe metterci a disposizione».

Tio/20min
Guarda le 2 immagini
Commenti
 
Stefania Carmine 5 mesi fa su fb
Mario noi abbiamo diversi terreno se mi chiama allo 079 736 35 27 Stefania C
Richard Penka 5 mesi fa su fb
👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻😇😇😇
Angelo Michele Maiorano 5 mesi fa su fb
Comuni e Patriziati dovrebbero mettere a disposizione dei cittadini dei territori per gli orti, ma dubito che la cosa piacerebbe alle aziende che distribuiscono cibo
Alejandra Mia Arias 5 mesi fa su fb
Sarebbe bello poter lavorare la terra e avere un orto spero tanto che lo trovi
Christine Albergoni 5 mesi fa su fb
Daniela Schenardi
Trasp 5 mesi fa su tio
Bisogna disboscare un pò. Visto che in Ticino negli ultimi 100 anni si è passati da 20% di zona boschiva a 50%.
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-18 20:35:29 | 91.208.130.86