TiPress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE / SVIZZERA
4 min
Chi commette abusi salariali deve informare i dipendenti
La Commissione agli Stati sostiene l'iniziativa ticinese, ora il dossier passa al Nazionale
FOTO E VIDEO
MENDRISIO
10 min
Altro incidente sul lavoro, grave un operaio
L'uomo è precipitato da un'altezza di circa tre metri. Si tratta del terzo ferimento in un cantiere in poche ore
LOCARNO
29 min
Il PLR sui progetti di Monte Brè e Cinque Vie: «Teniamo alto il livello di guardia»
La sezione di Locarno del Partito liberale osserva l'evoluzione della situazione e solleva perplessità e critiche puntuali
FOTO E VIDEO
CANOBBIO
1 ora
Cade dal tetto e si ferisce in modo grave
Altro incidente sul lavoro. Questa volta a Canobbio, dove un 32enne è precipitato da un'altezza di circa cinque metri
CANTONE
1 ora
Le differenze salariali tra docenti sul tavolo del Governo
Interrogazione di Edo Pellegrini e cofirmatari sullo stipendio percepito da chi insegna nel settore medio superiore rispetto al settore professionale
NOVAZZANO
1 ora
Il PPD di Novazzano è pronto: «Lista giovane, competente e motivata»
La sezione popolar democratica ha approvato i nominativi per le elezioni comunali di aprile. Confermata l'alleanza con i Verdi-Liberali
RIVIERA
1 ora
Ecco la squadra PLR per le comunali di aprile
La sezione rivierasca ha ufficializzato le liste ieri. L'obiettivo? «Riconfermare i due seggi al Municipio e i dieci in Consiglio comunale»
CADEMARIO
2 ore
Cento candeline per Irma
Con qualche settimana di ritardo, è stata festeggiata alla Casa Anziani Villa Santa Maria a Savosa
LUGANO
2 ore
Gli eventi in un'unica agenda
Completamente rinnovata si presenta la piattaforma LuganoEventi.ch, che racchiude ora l’intera agenda del Luganese. A livello cartaceo arriva "Top Events 2020"
GORDOLA
2 ore
Presentate le liste del PPD per le Comunali
La Sezione locale ha presentato una lista congiunta con Generazione Giovani e il neo nato gruppo sosteniAMO Gordola
LUGANO
2 ore
Incentivi per le e-bike? «Troppo bassi»
L'associazione Pro-Velo Ticino interviene a gamba tesa sul contributo per le bici elettriche. Giudicato insufficiente
LUGANO
3 ore
Sos Ticino cerca un direttore (a metà tempo)
Chiara Orelli Vassere lascia dopo dieci anni. È stata assunta dal Cantone
FOTO E VIDEO
GORDOLA
3 ore
Otto chilometri, mangiando e bevendo, in mezzo alle viti
Nasce In Vite A Güstà, simpatica e originale escursione enogastronomica con vista sul Lago Maggiore. L’appuntamento è per il lunedì di Pasqua
SVIZZERA / ITALIA
3 ore
Dà fuoco allo chalet e resta a guardare
Probabilmente si tratta un gesto contro l'ex moglie, co-proprietaria dello stabile. Il 30enne italiano residente in Svizzera è stato arrestato
CADENAZZO
3 ore
Lega e UDC alleate a Cadenazzo
I due partiti corrono insieme alle prossime comunali. E preparano un aperitivo
CANTONE
3 ore
«Senza diploma, la formazione non basta»
Il SISA plaude all'obbligo formativo fino ai 18 anni. Ma con qualche puntualizzazione
CANTONE
28.03.2019 - 15:510
Aggiornamento : 22:52

«Ci saranno dei licenziamenti, nessuno finora l’ha smentito»

Così Gianni Frizzo, per il quale l'iniziativa "Giù le mani dalle Officine" non è in antitesi con il trasferimento a Castione. E rassicura: «Nessuna spaccatura fra i lavoratori»

BELLINZONA - «Siamo stupiti da come sono circolate le notizie. Perciò vogliamo fare un po’ di chiarezza». È con queste parole che Gianni Frizzo, presidente del Comitato dell’Associazione “Giù le mani dalle Officine” ha iniziato il suo intervento oggi alla Casa del Popolo di Bellinzona.

Non si vota sul dove, ma sul cosa - Nella conferenza stampa voluta dall’Associazione, è stato detto a chiare lettere che i due progetti - l’iniziativa su cui si voterà il 19 maggio e il trasferimento delle Officine a Castione - «non sono assolutamente in antitesi». La discussione non è infatti sul «contenitore» delle future Officine, dunque l’ubicazione «che comunque pone degli interrogativi». Ma sul «contenuto, sui valori occupazionali, e su come verrà gestito il periodo di transizione dal 2019 al 2026».

Nessuna rassicurazione - L’iniziativa è quindi «l’unica via che riporta il treno sui binari». Perché, stando ai calcoli dei relatori, nella nuova struttura così come concepita attualmente, verrà dimezzato il personale: «La prospettiva ottimistica è di 120 trasferimenti (100 produzione e 20 a livello amministrativo)». Ad oggi, lamenta l’Associazione, «non ci è stato presentato nessun piano che smentisce questo fatto». L’appello, al contrario, è che non ci sia una riduzione dei posti di lavoro, intraprendendo un percorso orientato alla tecnologia e alla manutenzione pesante, non solo quella leggera (sotto alle 4-5 ore): «Le FFS invece vogliono disimpegnarsi di alcune attività».

In gioco il futuro del Ticino - Frizzo ha quindi insistito sulla necessità di un piano industriale: «È una richiesta che dovrebbe gridare tutto il Ticino. Noi non abbiamo paura di perdere, e già il fatto che si vota è una vittoria. Ma la posta in gioco è alta e non possiamo alzare la voce da soli», ha concluso, invitando dunque a votare sì il 19 maggio. «Non per me o per i lavoratori, ma per i vostri figli e per il futuro del Canton Ticino».

«Nessuna divisione, ma strumentalizzazione» - Il presidente del Comitato dei lavoratori Ivan Cozzaglio è dal canto suo tornato sull’ormai nota lettera firmata dalla maggioranza del personale in cui si accoglie favorevolmente il trasferimento a Castione delle Officine. Spiegando che la lettera è partita da due capireparto, «che probabilmente volevano mettersi in mostra con la direzione». «È logico - ha continuato - che molti hanno pensato “me lo dice il capo, se non firmo avrò delle conseguenze” e allora hanno firmato». Ma per Cozzaglio ci sono diverse falsità, dagli operai che sono spaccati in due, come emergerebbe dalla missiva «creata ad hoc per mettere confusione», alla discussione sul trasferimento a Castione, che come già detto «è semplicemente un’altra cosa», fino alla garanzia che non ci saranno licenziamenti, «che non è mai stata data». Inoltre chi ha firmato, «non sapeva che la lettera sarebbe stata spedita al Ceo delle FFS Andreas Meyer».

Tio/20minuti
Guarda le 4 immagini
Commenti
 
Lolly Rovere 9 mesi fa su fb
Se lasciano a casa i frontalieri ben venga... ma dubito che ci siano dei licenziamenti tra i residenti... ne dubito altamente
vulpus 9 mesi fa su tio
Hanno ragione a insistere, io penso. Si stà tentando di far passare il ricatto del direttore. È evidente che buona parte degli attuali collaboratori in futuro non potranno operare sulle tecnologie dei nuovi convogli. Ma la questione sembra stare nel fatto che gli attuali convogli non verranno eliminati,ma la manutenzione spostata altrove, dove forse politicamente hanno più forza e determinazione. Il cantone se ne frega, mentre la città di Bellinzona ha spinto su Castione, sperando che presto o tardi capitoli nella grande città. È deludente che abbiamo a disposizione una zona industriale già operativa dove tale insediamento è desiderato e voluto, e si opti per una invasione di terreni problematici.
marco17 9 mesi fa su tio
Affermando che i lavoratori hanno firmato perché il capo ha chiesto loro di farlo, Cozzaglio dimostra di non avere grande considerazione dei suoi colleghi. Anche perché se avessero firmato perché costretti, come spiega che una parte non lo ha fatto? Mi pare che lui e i suoi amici non vogliano ammettere che parte dei dipendenti non la pensa come loro.
Libero pensatore 9 mesi fa su tio
Se qualcuno perderà il posto di lavoro sarò il primo ad essere dispiaciuto. Quello che fatico a comprendere è come mai per questa vicenda ci sia tutta questa mobilitazione mentre in altri casi, dove i tagli e i sacrifici sono ben più pesanti, vige il silenzio più assoluto. Evidentemente l’affare delle officine ha un impatto mediatico che fa comodo a molti. Sarebbe anche ora di smetterla con questa prostituzione intellettuale
marco17 9 mesi fa su tio
Indipendentemente da chi abbia ragione è un fatto che i lavoratori stessi dell'Officina sono divisi, come sono divisi i cittadini ticinesi. Cercare di negarlo come fa Cozzaglio mi pare alquanto patetico.
polonord 9 mesi fa su tio
Caro Frizzo chi è che “assolvi” ? ... ma chi credi di essere: “Gesù Cristo”?
Sandrini Sirio 9 mesi fa su fb
Cominciate a licenziare i Frontalieri che qualche dedeficente li ha assunti al posto dei nostri Ticinesi
Lolly Rovere 9 mesi fa su fb
Quelli sono assunti con le agenzie interinali
LAMIA 9 mesi fa su tio
Basta tirarla per le lunghe! Con le nuove officine ci sarà anche un nuovo assetto lavorativo. Non si costruirà con i macchinari di una volta! Quindi salvaguardia o almeno quelli che possono rimanere è spero che siano prima per residenti COSÌ LA SOMMARUGA E CONTENTA CHE CI SONO MENO AUTO
Liberopensiero 9 mesi fa su tio
il futuro del nostro Cantone è legato alle FFS....ma non diciamo c.....e
Marco Edoardo Dozio 9 mesi fa su fb
Io sono a favore dei posti di lavoro... a prescindere... ma mi sembra esagerato che è in gioco il futuro del Ticino.... sicuramente è in gioco il futuro immediato di diverse famiglie che saranno toccate dai cambiamenti... ma sono numericamente "poche" 1/50?... rispetto a quelle che sono state toccate dalla crisi nel mondo bancario e finanziario in genere in Ticino?... e nel silenzio quasi assoluto da parte della politica e dei sindacati.... Nulla va relativizzato... ma nemmeno esasperato. Il polo richiesto non è altro che un'ennesima creazione di posti statali a carico del contribuente cantonale... contribuente che soffre e fa sempre più fatica a far fronte agli oneri con cui è confrontato... Il passato insegna che una votazione come quella desiderata è estremamente pericolosa e dall'esito incerto.... se poi tutto viene bocciato... saranno tutti pronti ad accettarne le conseguenze? io mi auguro per il bene di tutti che non si vada al voto...
Alex Cava 9 mesi fa su fb
La manovra è losca e costosissima, occorre votare SÌ per correggerla... Ma certo lascia l'amaro in bocca vedere tutti i partiti che hanno voltato le spalle ai lavoratori e al futuro del Cantone. Che ci guadagnano?
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-21 17:39:57 | 91.208.130.89