TiPress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
3 ore
Suter: «Decisioni incongruenti che non aiutano. Ma siamo pronti»
Il vice presidente di GastroSuisse sulle misure ticinesi anti covid: «Stanno strette, ma meglio di un lockdown».
CANTONE
4 ore
L'appello: «La stampa ci aiuti a correggere la disinformazione»
In Italia si è parlato di Svizzera che nega la rianimazione agli anziani. L’intervento del dr. Paolo Merlani
FOTO
LUGANO
4 ore
Incendio alla cava di Noranco
Sul posto i Pompieri di Lugano. Non sono note al momento le cause del rogo.
CANTONE
5 ore
Gli studenti invocano la chiusura delle scuole
Una petizione in questo senso è stata lanciata da alcuni ragazzi del CPS di Lugano.
AGNO
5 ore
Veicolo in fiamme, disagi al traffico in zona Vallone
La circolazione stradale è difficoltosa in entrambe le direzioni.
CANTONE
6 ore
Il coronavirus fa breccia in altre due strutture
Nuovi casi alla Santa Lucia di Arzo e alla Casa Don Orione di Lopagno
CANTONE
7 ore
Il settore turistico ticinese si prepara al 2021
L'incertezza legata all'emergenza sanitaria implicherà più attenzione verso i Paesi europei e il mercato interno.
CANTONE / SVIZZERA
7 ore
«Edili costretti a pagare il prezzo di una cattiva gestione»
Il duro attacco di Syna contro Implenia: «Vogliono solo assicurare agli azionisti un rendimento dei titoli superiore».
MENDRISIO
7 ore
Altri "alberi della vita" adornano l'Adorna
Si è svolta lo scorso weekend la seconda cerimonia simbolica, questa volta dedicata ai bambini nati nel 2019.
FOTO E VIDEO
CANTONE
8 ore
Il Ticino ha messo la mascherina (anche all'aperto)
La telecamera di tio/20minuti è andata tra la gente per capire come è stato accolto il provvedimento
CONFINE
8 ore
I lombardi scappano in Svizzera
La locomotiva italiana è diventata terra di emigrazione. Verso la Svizzera soprattutto. Lo dice uno studio
CANTONE
9 ore
Incontra uno scrittore, terza edizione
All’edizione pilota di settembre-dicembre 2019 hanno aderito 44 sedi scolastiche di ogni ordine.
CANTONE
9 ore
Tassisti in attesa del colpo di grazia
La categoria guarda con preoccupazione al proprio futuro, in particolare ora che è arrivata la seconda ondata
ARBEDO-CASTIONE
11 ore
Cinquanta mascherine per i cittadini di Arbedo-Castione
Il Municipio ne distribuirà gratuitamente una confezione a ogni nucleo famigliare.
CANTONE
11 ore
«Un maschietto trattato come una bambina» sul tavolo del Governo
L’Unione democratica federale davanti al Consiglio di Stato per«bimbi che non dormono e devono ricorrere allo psicologo»
BRISSAGO
12 ore
In mostra i nuovi acquisti del Fondo Leoncavallo
Negli spazi di Brissago sarà possibile ammirare (anche) una raccolta di preziosi documenti musicali.
CANTONE
28.03.2019 - 15:510
Aggiornamento : 22:52

«Ci saranno dei licenziamenti, nessuno finora l’ha smentito»

Così Gianni Frizzo, per il quale l'iniziativa "Giù le mani dalle Officine" non è in antitesi con il trasferimento a Castione. E rassicura: «Nessuna spaccatura fra i lavoratori»

BELLINZONA - «Siamo stupiti da come sono circolate le notizie. Perciò vogliamo fare un po’ di chiarezza». È con queste parole che Gianni Frizzo, presidente del Comitato dell’Associazione “Giù le mani dalle Officine” ha iniziato il suo intervento oggi alla Casa del Popolo di Bellinzona.

Non si vota sul dove, ma sul cosa - Nella conferenza stampa voluta dall’Associazione, è stato detto a chiare lettere che i due progetti - l’iniziativa su cui si voterà il 19 maggio e il trasferimento delle Officine a Castione - «non sono assolutamente in antitesi». La discussione non è infatti sul «contenitore» delle future Officine, dunque l’ubicazione «che comunque pone degli interrogativi». Ma sul «contenuto, sui valori occupazionali, e su come verrà gestito il periodo di transizione dal 2019 al 2026».

Nessuna rassicurazione - L’iniziativa è quindi «l’unica via che riporta il treno sui binari». Perché, stando ai calcoli dei relatori, nella nuova struttura così come concepita attualmente, verrà dimezzato il personale: «La prospettiva ottimistica è di 120 trasferimenti (100 produzione e 20 a livello amministrativo)». Ad oggi, lamenta l’Associazione, «non ci è stato presentato nessun piano che smentisce questo fatto». L’appello, al contrario, è che non ci sia una riduzione dei posti di lavoro, intraprendendo un percorso orientato alla tecnologia e alla manutenzione pesante, non solo quella leggera (sotto alle 4-5 ore): «Le FFS invece vogliono disimpegnarsi di alcune attività».

In gioco il futuro del Ticino - Frizzo ha quindi insistito sulla necessità di un piano industriale: «È una richiesta che dovrebbe gridare tutto il Ticino. Noi non abbiamo paura di perdere, e già il fatto che si vota è una vittoria. Ma la posta in gioco è alta e non possiamo alzare la voce da soli», ha concluso, invitando dunque a votare sì il 19 maggio. «Non per me o per i lavoratori, ma per i vostri figli e per il futuro del Canton Ticino».

«Nessuna divisione, ma strumentalizzazione» - Il presidente del Comitato dei lavoratori Ivan Cozzaglio è dal canto suo tornato sull’ormai nota lettera firmata dalla maggioranza del personale in cui si accoglie favorevolmente il trasferimento a Castione delle Officine. Spiegando che la lettera è partita da due capireparto, «che probabilmente volevano mettersi in mostra con la direzione». «È logico - ha continuato - che molti hanno pensato “me lo dice il capo, se non firmo avrò delle conseguenze” e allora hanno firmato». Ma per Cozzaglio ci sono diverse falsità, dagli operai che sono spaccati in due, come emergerebbe dalla missiva «creata ad hoc per mettere confusione», alla discussione sul trasferimento a Castione, che come già detto «è semplicemente un’altra cosa», fino alla garanzia che non ci saranno licenziamenti, «che non è mai stata data». Inoltre chi ha firmato, «non sapeva che la lettera sarebbe stata spedita al Ceo delle FFS Andreas Meyer».

Tio/20minuti
Guarda le 4 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Lolly Rovere 1 anno fa su fb
Se lasciano a casa i frontalieri ben venga... ma dubito che ci siano dei licenziamenti tra i residenti... ne dubito altamente
vulpus 1 anno fa su tio
Hanno ragione a insistere, io penso. Si stà tentando di far passare il ricatto del direttore. È evidente che buona parte degli attuali collaboratori in futuro non potranno operare sulle tecnologie dei nuovi convogli. Ma la questione sembra stare nel fatto che gli attuali convogli non verranno eliminati,ma la manutenzione spostata altrove, dove forse politicamente hanno più forza e determinazione. Il cantone se ne frega, mentre la città di Bellinzona ha spinto su Castione, sperando che presto o tardi capitoli nella grande città. È deludente che abbiamo a disposizione una zona industriale già operativa dove tale insediamento è desiderato e voluto, e si opti per una invasione di terreni problematici.
marco17 1 anno fa su tio
Affermando che i lavoratori hanno firmato perché il capo ha chiesto loro di farlo, Cozzaglio dimostra di non avere grande considerazione dei suoi colleghi. Anche perché se avessero firmato perché costretti, come spiega che una parte non lo ha fatto? Mi pare che lui e i suoi amici non vogliano ammettere che parte dei dipendenti non la pensa come loro.
Libero pensatore 1 anno fa su tio
Se qualcuno perderà il posto di lavoro sarò il primo ad essere dispiaciuto. Quello che fatico a comprendere è come mai per questa vicenda ci sia tutta questa mobilitazione mentre in altri casi, dove i tagli e i sacrifici sono ben più pesanti, vige il silenzio più assoluto. Evidentemente l’affare delle officine ha un impatto mediatico che fa comodo a molti. Sarebbe anche ora di smetterla con questa prostituzione intellettuale
marco17 1 anno fa su tio
Indipendentemente da chi abbia ragione è un fatto che i lavoratori stessi dell'Officina sono divisi, come sono divisi i cittadini ticinesi. Cercare di negarlo come fa Cozzaglio mi pare alquanto patetico.
polonord 1 anno fa su tio
Caro Frizzo chi è che “assolvi” ? ... ma chi credi di essere: “Gesù Cristo”?
Sandrini Sirio 1 anno fa su fb
Cominciate a licenziare i Frontalieri che qualche dedeficente li ha assunti al posto dei nostri Ticinesi
Lolly Rovere 1 anno fa su fb
Quelli sono assunti con le agenzie interinali
LAMIA 1 anno fa su tio
Basta tirarla per le lunghe! Con le nuove officine ci sarà anche un nuovo assetto lavorativo. Non si costruirà con i macchinari di una volta! Quindi salvaguardia o almeno quelli che possono rimanere è spero che siano prima per residenti COSÌ LA SOMMARUGA E CONTENTA CHE CI SONO MENO AUTO
Liberopensiero 1 anno fa su tio
il futuro del nostro Cantone è legato alle FFS....ma non diciamo c.....e
Marco Edoardo Dozio 1 anno fa su fb
Io sono a favore dei posti di lavoro... a prescindere... ma mi sembra esagerato che è in gioco il futuro del Ticino.... sicuramente è in gioco il futuro immediato di diverse famiglie che saranno toccate dai cambiamenti... ma sono numericamente "poche" 1/50?... rispetto a quelle che sono state toccate dalla crisi nel mondo bancario e finanziario in genere in Ticino?... e nel silenzio quasi assoluto da parte della politica e dei sindacati.... Nulla va relativizzato... ma nemmeno esasperato. Il polo richiesto non è altro che un'ennesima creazione di posti statali a carico del contribuente cantonale... contribuente che soffre e fa sempre più fatica a far fronte agli oneri con cui è confrontato... Il passato insegna che una votazione come quella desiderata è estremamente pericolosa e dall'esito incerto.... se poi tutto viene bocciato... saranno tutti pronti ad accettarne le conseguenze? io mi auguro per il bene di tutti che non si vada al voto...
Alex Cava 1 anno fa su fb
La manovra è losca e costosissima, occorre votare SÌ per correggerla... Ma certo lascia l'amaro in bocca vedere tutti i partiti che hanno voltato le spalle ai lavoratori e al futuro del Cantone. Che ci guadagnano?
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-28 00:22:50 | 91.208.130.87