Deposit
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
6 min
«Mio figlio parla solo tramite video»
CANTONE / SVIZZERA
13 min
Cossi/Condotte SpA: «Milioni di imposte non pagate?»
CADENAZZO
20 min
Cadenazzo pensa alla videosorveglianza per bloccare i furbetti
CANTONE
1 ora
Annettere Campione d’Italia: «Il Governo la pensa come Gobbi?»
LUGANO
2 ore
«È necessario attenuare il cambiamento climatico»
CANTONE
2 ore
Girardi fa istanza alla Corte d'appello: «Nel mio iPhone 5 c'è la prova »
CANTONE
2 ore
Donne nelle istituzioni: «Come intende agire il Governo?»
CANTONE
3 ore
Meno automobilisti in odore di cannabis dal medico del traffico
LUGANO
10 ore
Con un cestino distrugge il parabrezza di un'auto
LUGANO
12 ore
In manette un ex direttore di banca
CONFINE
12 ore
Truffa ai danni di una malata di cancro, Proto a processo
CANTONE
12 ore
Veicolo contromano sull'A2
CANTONE
13 ore
Il rapporto dell’analisi dell’acqua? «Tendenzioso. Vuole solo creare allarmismo»
CANTONE
14 ore
Rivista Corner, un nuovo angolo di sport in Ticino
CANTONE
14 ore
A2-A13: Claudio Zali incontra l'USTRA
MENDRISIO
21.03.2019 - 19:220
Aggiornamento : 22.03.2019 - 06:07

Proposte macabre in ospedale: «Se non avete già chi vi fa il funerale...»

La deputata Sara Beretta Piccoli chiede al Governo di rispondere a un’interrogazione rimasta lettera morta e cita una segnalazione che dimostrerebbe «un certo malandazzo».

MENDRISIO - Ultimi giorni di legislatura e a Palazzo si svuotano i cassetti. Teoricamente, perché la deputata Sara Beretta Piccoli (Ppd) ha inoltrato in questi giorni un’interrogazione per disseppellirne un’altra che attende risposta dal 28 novembre scorso. Ben oltre i 60 giorni concessi dalla Legge sul Gran Consiglio. «Un articolo che è rimasto lettera morta», scrive la deputata.

E di morte, anzi di defunti parlava l’interrogazione sospesa dal titolo “Chi… bara?” incentrata sul presunto monopolio di una ditta del Mendrisiotto nel ramo delle pompe funebri. Ma la granconsigliera va oltre e nella sua richiesta di chiarimenti al Consiglio di Stato cita «una segnalazione alla direzione dell’ospedale di Mendrisio inviata in copia al presidente dell’Eoc e al capodipartimento Beltraminelli».

Più che una segnalazione, si tratta della testimonianza di un fatto che sarebbe avvenuto il 21 dicembre al pronto soccorso dell’Ospedale Beata Vergine. «In sala d’aspetto - scrive l’uomo - c’erano due persone che avevano appena perso un parente. A un certo punto è arrivato il signor XY (non so che funzione rivesta questa persona, ma è stato da subito evidente che fa parte del personale ospedaliero) che ha chiesto ai due se già disponevano di un’agenzia di pompe funebri di fiducia, oppure se avessero preferito che chiamasse lui le onoranze funebri A». Per gli ospedali, si legge nella lettera citata dalla deputata, esisterebbe una lista di agenzie di onoranze funebri che, a turno, dovrebbero essere interpellate quando i parenti non sanno a chi rivolgersi. «Il turno della ditta A - precisa la segnalazione - è previsto per febbraio 2019, mentre in dicembre 2018 era il turno della ditta B. Ulteriori commenti sono superflui». Chi vivrà, vedrà. Magari prima del 7 aprile?

10 mesi fa Il segreto del re dei funerali: «Io più bravo? Forse scarsi gli altri»
9 mesi fa Onoranze funebri, Sara Beretta Piccoli: «Chi bara?»
Allegati
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-17 09:21:21 | 91.208.130.89