Tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
3 ore
L'ex funzionario del DSS farà ricorso
CANTONE
3 ore
Davide Enderlin assolto in appello
AGNO
4 ore
«L’aeroporto può cambiare rotta»
LOSONE
6 ore
Licenziato dalla Agie: «Ora a 58 anni cosa faccio?»
RIVIERA
7 ore
Fiamme all'esterno di un deposito a Cresciano
CANTONE
8 ore
«Il caso Kering faccia scuola, servono condizioni quadro»
CANTONE
9 ore
Riforma fiscale, il messaggio del Governo entro l'estate
LUGANO
9 ore
Sciopero delle donne, "semaforo verde" dal Municipio
CANTONE
9 ore
«Le strutture logistiche resteranno, ma saranno ridimensionate»
LUGANO
10 ore
«Quel semaforo deve restare in versione cantiere?»
CANTONE
10 ore
Radio Ticino, problemi tecnici risolti
MASSAGNO
10 ore
Nuova viabilità vicino alla Migros
CANTONE
10 ore
Dipendenti pubblici: «Alta guardia sindacale sulle trattative»
LUGANO
10 ore
Nuova vicedirettrice per il Liceo cantonale di Lugano 2
MELIDE
12 ore
500 indiani in visita alla Swissminiatur
CANTONE / SVIZZERA
13.03.2019 - 18:290

Nessuna compensazione per la mancata intesa sull'imposizione

Il Nazionale ha respinto una mozione di Marco Chiesa che chiedeva 15 mio. di fr. all'anno quale indennizzo a causa delle tergiversazioni di Roma: «Manca la base legale»

BERNA - Manca una base legale per compensare finanziariamente il Ticino per la mancata entrata in vigore dell'accordo tra la Svizzera e l'Italia sulla tassazione dei frontalieri. Questo il motivo che ha convinto oggi il Consiglio nazionale, su raccomandazione del Consiglio federale, a respingere (130 voti a 48 e 13 astenuti) una mozione del Consigliere nazionale Marco Chiesa (UDC/TI) che chiedeva 15 milioni di franchi l'anno quale indennizzo a causa delle tergiversazioni di Roma.

Per Chiesa è ormai dal 2015 che il Ticino e la Svizzera attendono la firma da parte dell'Italia dell'accordo sull'imposizione dei frontalieri, accordo che dovrebbe generare, una volta entrato in vigore, 15 milioni di franchi supplementari all'anno per il Ticino.

«L'impressione nel mio cantone, ha aggiunto il Ticinese, è che i nostri diplomatici si siano fatti fregare dalla controparte, controparte che ha ottenuto ciò che voleva, ossia lo scambio di informazioni bancarie dei propri cittadini, mentre la Svizzera non ha ricevuto nulla in cambio, a parte promesse "fumose" come la possibilità di un futuro accesso al mercato finanziario della Penisola».

Nel suo intervento, il consigliere federale Ueli Maurer ha detto di capire l'irritazione delle autorità ticinesi per la mancata entrata in vigore dell'accordo, e di condividerla. Tuttavia, ha rimarcato, manca una base legale per indennizzare il Ticino per i mancati introiti fiscali supplementari.

Insomma, la Confederazione non può intervenire per compensare le manchevolezze degli Stati vicini. È come se Berna dovesse indennizzare Zurigo per i rumori causati dai velivoli che atterrano allo scalo di Kloten.

Maurer ha poi ribadito di essere in contatto con la controparte italiana per fare avanzare il dossier nel Parlamento di Roma, ma si è detto scettico su eventuali cambiamenti nelle prossime settimane vista l'esperienza recente. Di fronte alle ripetute rassicurazioni della controparte poco o nulla è cambiato nell'ultimo anno, ha puntualizzato il ministro delle finanze.

Rispondendo a una domanda di Fabio Regazzi (PPD/TI), secondo cui l'Italia non firmerà l'intesa sui frontalieri con la Svizzera, Maurer ha affermato che in quel caso si potrebbero anche esaminare eventuali ritorsioni, ma che un simile passo sarà molto difficile.
 
 

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-05-23 01:29:13 | 91.208.130.87