TiPress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CENTOVALLI
14 min
Un errore umano la causa del frontale di Corcapolo
CANTONE
14 min
Lavori urgenti, sbarrata la cantonale tra Maroggia e Arogno
GAMBAROGNO
21 min
La votazione sul porto è valida?
LUGANO
28 min
L’abbattimento degli alberi in stazione suscita indignazione sui social
CANTONE
34 min
Una legge di sicurezza plasmata dal caso Argo 1
CANTONE
56 min
Due giorni di formazione per chi protegge la popolazione
CANTONE
59 min
Alfred Escher attraversa la "sua" galleria per la prima volta
CANTONE
1 ora
«Si dichiari lo stato di emergenza climatica»
CHIASSO
1 ora
Fermati alla dogana con oltre due chili di cocaina
CANTONE
1 ora
Lega ticinese contro il cancro, Marazza presidente
LUGANO
3 ore
Arriva il GC e il corteo dei suoi tifosi
CONFINE
3 ore
Precipita in un canalone, morta una donna in Val d'Intelvi
BRISSAGO
3 ore
Disabile licenziato dalle isole, il Decs: «Una sconfitta»
CANTONE
3 ore
Permessi fittizi: «Chi la racconta giusta?»
CANTONE
3 ore
Fondazione Hospice: label di qualità in cure palliative
CANTONE
12.03.2019 - 11:250

Aramaico, cinese e hawaiano alle scuole medie

Da lunedì 1° aprile a venerdì 12 aprile si terrà l’undicesima edizione del Festival delle lingue

BELLINZONA - Da lunedì 1° aprile a venerdì 12 aprile si terrà l’undicesima edizione del Festival delle lingue, un festival che mira a dare agli allievi di quarta media la possibilità di vivere una giornata in un contesto diverso da quello che vivono quotidianamente a scuola. Verranno proposte loro una vasta gamma di atelier ai quali possono partecipare attivamente, non solo nelle
lingue insegnate a scuola, ma anche grazie a lingue per loro nuove come l’aramaico, il cinese, l’olandese, il portoghese, lo spagnolo e la lingua dei segni. Durante questa edizione ci sarà anche come lingua ospite, ma solo per un giorno, l’olelo Hawai’i (hawaiano).

Artisti, musicisti, attori teatrali e relatori d’ogni genere stimolano la loro curiosità intellettuale attraverso i loro racconti, la loro arte, la loro cultura, la loro stessa vita. Il tutto
mediato dalle lingue straniere che diventano, per una volta, protagoniste più affascinanti, più coinvolgenti, e più spontanee.

Le attività proposte contribuiscono a vivere il plurilinguismo in Svizzera, in Europa e nel mondo «non come un ostacolo, ma come una forma di espressione e una fonte di ricchezza culturale e intellettuale, importanti per la costruzione della nostra identità e quali strumenti di apertura verso persone di altre nazionalità», conclude il comunicato.

Allegati
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-05-24 11:30:38 | 91.208.130.86