ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
6 ore
Con un cestino distrugge il parabrezza di un'auto
LUGANO
8 ore
In manette un ex direttore di banca
CONFINE
8 ore
Truffa ai danni di una malata di cancro, Proto a processo
CANTONE
8 ore
Veicolo contromano sull'A2
CANTONE
9 ore
Il rapporto dell’analisi dell’acqua? «Tendenzioso. Vuole solo creare allarmismo»
CANTONE
9 ore
Rivista Corner, un nuovo angolo di sport in Ticino
CANTONE
10 ore
A2-A13: Claudio Zali incontra l'USTRA
CANTONE
11 ore
Si voterà sulla legittima difesa
CANTONE
11 ore
Un giudice in più per il Tribunale penale cantonale
LUGANO
11 ore
«Già 3'000 firme per l'aeroporto»
LUGANO
11 ore
Barzaghi con i molinari: «Ha cantato anche lei “Borradori a testa in giù”?»
CENTOVALLI
12 ore
Una mattina di pausa per la Funivia Intragna-Pila Costa
LUGANO
12 ore
Presunto abuso edilizio a Caprino, scatta l'interrogazione al Governo
CANTONE
12 ore
Elicotteri militari, prosciolto l'imprenditore di Cresciano
ASTANO
12 ore
Moltiplicatore al 130% per evitare il tracollo finanziario
CANTONE
07.03.2019 - 21:340
Aggiornamento : 22:10

«Nessun essere umano deve essere costretto a vivere sottoterra»

Dal "Collettivo R-esistiamo" l'appello per trovare una sistemazione diversa per le persone in procedura d’asilo

BELLINZONA - Arriva dal "Collettivo R-esistiamo" l'appello rivolto ai medici che operano in Ticino per trovare una sistemazione diversa per le persone in procedura d’asilo, alloggiate nei centri sotterranei della protezione civile. Secondo il Collettivo, infatti, i richiedenti asilo sarebbero esposti a «seri rischi per la salute fisica e psichica». A dimostrare tali affermazioni vi sono delle foto (in allegato) nelle quali si notano quelle che sarebbero le condizioni del "bunker di Camorino" (con tanto di cimici da letto, muffa e sporcizia varia).

«Come già evidenziato dalla Commissione Nazionale per la prevenzione della tortura (CNPT) nel suo rapporto alla Segreteria di stato della migrazione (SEM) - si legge nel comunicato diffuso dal "Collettivo R-esistiamo"  -, la qualità dell’aria nelle strutture militari sotterranee risulta particolarmente problematica». «La CNPT - prosegue la nota - ha sottolineato che queste installazioni militari non sono adatte che per soggiorni di breve durata di 3 settimane al massimo».

Attualmente sarebbero più di sessanta i medici che hanno aderito all’appello, che richiede in particolare il trasferimento immediato delle persone in alloggi sopra la terra.

«Le alternative - si legge ancora - ci sono in un Cantone che conta innumerevoli appartamenti vuoti e case disabitate sia di enti privati che pubblici. Inoltre parte della società civile è disposta ad accogliere le persone nelle proprie abitazioni private con il supporto di personale formato sulle problematiche della migrazione».

Le firme saranno consegnate al Capo del DSS Paolo Beltraminelli e all’attenzione anche della signora Fiorini, direttrice della Dasf, in data 21 marzo presso la Cancelleria di Stato.

Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-17 05:02:18 | 91.208.130.85