ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
6 min
Gestione dei rifiuti, a settembre un nuovo corso
CANTONE
51 min
Condannato a 3 anni per violenza carnale
CANTONE
52 min
Prove di caldo in attesa di quello torrido
MASSAGNO
2 ore
Corsi di lingua italiana, consegnati gli attestati
CANTONE
3 ore
Aumento del prestito obbligatorio, il VPOD è per la bocciatura
MANNO
3 ore
Due nuovi membri nel Consiglio SUPSI
CANTONE
3 ore
Imposta di circolazione: il nuovo calcolo è più leggero, anche per le tasche
BELLINZONA
4 ore
Un video lancia la stagione della Mountain Bike
CANTONE
4 ore
Per un sostegno alla famiglia con parenti gravemente malati
BEDANO
5 ore
Campi estivi alla Scuola la Casa di Irma
CANTONE / URI
5 ore
Interventi nel tunnel del Gottardo, l'unione fa la forza
LUGANO
5 ore
Scuola Media di Lugano Centro 1, premiati i migliori studenti
BELLINZONA
6 ore
Cassa pensioni dei dipendenti comunali: «I nodi vengono al pettine»
BELLINZONA
6 ore
In Italia era ricercato, in Ticino prendeva l’assistenza
CANOBBIO
6 ore
Un anno di lavori per la nuova pista ciclabile
CANTONE
07.03.2019 - 21:340
Aggiornamento : 22:10

«Nessun essere umano deve essere costretto a vivere sottoterra»

Dal "Collettivo R-esistiamo" l'appello per trovare una sistemazione diversa per le persone in procedura d’asilo

BELLINZONA - Arriva dal "Collettivo R-esistiamo" l'appello rivolto ai medici che operano in Ticino per trovare una sistemazione diversa per le persone in procedura d’asilo, alloggiate nei centri sotterranei della protezione civile. Secondo il Collettivo, infatti, i richiedenti asilo sarebbero esposti a «seri rischi per la salute fisica e psichica». A dimostrare tali affermazioni vi sono delle foto (in allegato) nelle quali si notano quelle che sarebbero le condizioni del "bunker di Camorino" (con tanto di cimici da letto, muffa e sporcizia varia).

«Come già evidenziato dalla Commissione Nazionale per la prevenzione della tortura (CNPT) nel suo rapporto alla Segreteria di stato della migrazione (SEM) - si legge nel comunicato diffuso dal "Collettivo R-esistiamo"  -, la qualità dell’aria nelle strutture militari sotterranee risulta particolarmente problematica». «La CNPT - prosegue la nota - ha sottolineato che queste installazioni militari non sono adatte che per soggiorni di breve durata di 3 settimane al massimo».

Attualmente sarebbero più di sessanta i medici che hanno aderito all’appello, che richiede in particolare il trasferimento immediato delle persone in alloggi sopra la terra.

«Le alternative - si legge ancora - ci sono in un Cantone che conta innumerevoli appartamenti vuoti e case disabitate sia di enti privati che pubblici. Inoltre parte della società civile è disposta ad accogliere le persone nelle proprie abitazioni private con il supporto di personale formato sulle problematiche della migrazione».

Le firme saranno consegnate al Capo del DSS Paolo Beltraminelli e all’attenzione anche della signora Fiorini, direttrice della Dasf, in data 21 marzo presso la Cancelleria di Stato.

Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-18 15:27:47 | 91.208.130.87