LUGANO
18.02.2019 - 11:120

Il DT a Flora & Bosco Ticino: «Così gestiamo i pericoli naturali»

La manifestazione è in programma dal 21 al 24 febbraio al Centro Esposizioni di Lugano: «Nel nostro spazio espositivo illustreremo i pericoli naturali e la funzione protettiva del bosco»

LUGANO - Il Dipartimento del territorio (DT) sarà presente alla manifestazione Flora & Bosco Ticino, in programma al Centro esposizioni di Lugano dal 21 al 24 febbraio 2019.


DT
Un dettaglio dei possibili pericoli naturali.

Per l’occasione verrà allestita una postazione dove saranno presentati ai visitatori i temi legati ai pericoli naturali e alla funzione di protezione del bosco ticinese. All’interno del proprio spazio espositivo, il Dipartimento di Zali illustrerà l’approccio assunto dal Cantone nell’ambito della gestione dei pericoli naturali, la sua organizzazione a livello cantonale e la collaborazione condivisa con i Comuni. Sarà inoltre l’occasione per approfondire altri aspetti che ruotano attorno al tema dei pericoli naturali e del bosco ticinese, quali il catasto degli eventi, l’allestimento dei Piani delle zone di pericolo (PZP), delle relazioni con la pianificazione del territorio, delle misure di premunizione possibili, del monitoraggio delle frane e dei ghiacciai, oltre che delle misure organizzative messe in campo sul territorio per fronteggiare le emergenze. Infine, particolare attenzione verrà rivolta alla forte e significativa presenza in Ticino del bosco di protezione contro i pericoli naturali.


DT
I ripari valangari sul Pizzo Erra in Valle Leventina.

Negli spazi espositivi di Flora & Bosco Ticino, il Dipartimento del Territorio presenterà, inoltre, tramite appositi pannelli informativi, la storia del Vivaio forestale cantonale di Lattecaldo (Morbio Superiore) e la sua attività. Nata nel 1960, questa struttura è l’unica su suolo cantonale a innestare il castagno professionalmente e a produrre piante forestali di provenienza autoctona impiegate per interventi forestali, rinaturazioni e interventi d’ingegneria naturalistica, sia nell’ambito pubblico che in quello privato. Il Vivaio forestale cantonale occupa una superficie totale di cinque ettari ed è dotato di una serra e quattro tunnel, ove si producono settanta specie forestali da seme o talea (di produzione propria) e circa centodieci varietà di fruttiferi di vecchie varietà ticinesi o svizzere.


DT
Il Vivaio forestale cantonale di Lattecaldo.

DT
Guarda le 4 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-16 16:46:22 | 91.208.130.87