TiPress
ULTIME NOTIZIE Ticino
LOCARNO
1 ora
L'uomo delle erbe ricrea l'antibiotico dei bisnonni
LUGANO
2 ore
Il rilancio dell’aeroporto parte da otto milioni
CONFINE
2 ore
Con l'auto svizzera dichiara il falso. E viene denunciato
CANTONE
5 ore
Kering è pronta ad andarsene. Via 300 posti di lavoro
CANTONE
5 ore
Governi cantonali a confronto
CANTONE
5 ore
Traffico di droga, ai vertici l'omicida del Ceneri
CANTONE
6 ore
Marina Masoni: «Imposta sugli utili giù al 6%. O sarà tutto più difficile»
GAMBAROGNO
7 ore
Come nel far west: questioni amorose dietro ai vandalismi
MENDRISIO
7 ore
«Più piste ciclabili per migliorare la mobilità lenta»
CANTONE
8 ore
Incidente sull'A2, chiusa la galleria del Dosso di Taverne
CANTONE
8 ore
Traffico di droga stroncato: 8 arresti e 50 persone denunciate
LUGANO
8 ore
«Le bici condivise sono troppo poche?»
CANTONE
8 ore
Studi liceali, un nuovo Piano su cui «meditare bene»
ASCONA
9 ore
Ciclista finisce a terra e si ferisce gravemente
CANTONE
9 ore
SAM Trevano qualificata alla finale svizzera WRO
CALANCA (GR)
16.02.2019 - 09:570

La Svizzera italiana avrà il suo parco regionale?

Le assemblee di Calanca, Rossa e Buseno hanno approvato la candidatura a Berna del Parco Val Calanca

CALANCA - La popolazione dei comuni di Calanca, Rossa e Buseno si è espressa ieri sera a favore del progetto di Parco Val Calanca.

I tre Comuni - come riferisce la Rsi - hanno approvato l’inoltro ufficiale della candidatura del progetto ai preposti uffici cantonali e della Confederazione.

Il progetto, che porterebbe alla creazione del primo parco regionale della Svizzera italiana, si è sviluppato dopo la bocciatura da parte della popolazione ticinese e grigionese del Parc Adula nel 2016.

Se l’Ufficio federale dell’ambiente dovesse pronunciarsi favorevolmente sulla fattibilità del progetto, arriverà il finanziamento e il marchio “candidato parco naturale regionale”. La fase d’istituzione del parco avverrebbe a quel punto tra il 2020 e il 2023, con l’inaugurazione prevista per l’anno successivo.

I Comuni interessati hanno elaborato uno studio di fattibilità tra i mesi di gennaio e aprile 2018. Nell'ambito dello studio è stata analizzata la fattibilità dell'area di studio per l'istituzione di un parco naturale regionale, evidenziando i punti forti e quelli deboli, sia dal punto di vista sociale, sia da quello economico ed ecologico. Tra i punti forti - si legge nello studio di fattibilità - vanno evidenziati in particolare «la natura ancora ben preservata e dal carattere selvaggio (“wilderness e remoteness”) di una valle discosta ma facilmente accessibile». Inoltre va fatto notare che finora nella Svizzera italiana non vi sono ancora parchi d'importanza nazionale. L'analisi del paesaggio ha certificato l'idoneità del territorio per la realizzazione di un parco. Per contro lo studio ha rilevato tra i punti critici del progetto l'estensione del perimetro, che rientra comunque nei termini di legge, e la scarsità di popolazione. Tuttavia già nel corso della fase dello studio di fattibilità e dell'elaborazione della candidatura si è potuto constatare «un grande impegno e un forte interesse da parte della popolazione locale, che ha compreso il valore aggiunto che il marchio parco può portare alla propria valle».

Commenti
 
Libero pensatore 3 mesi fa su tio
Vorrei capire meglio che genere di conseguenze comporta la cosa. Se sono vincoli fini a sè stessi ha poco senso. Se invece c’è un progetto di sviluppo regionale serio sostenibile allora la cosa mi piacerebbe
Um999 3 mesi fa su tio
Tutto ciò che rientra in aree di vincoli cioè regolarizzato e ottimo si evita l‘anarchia o catastrofi a monte, certo se poi questo rientra solo come immobilismo e congelamento allora è come l’altra faccia dell‘anarchia ma con lo stesso risultato.
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-05-21 23:24:35 | 91.208.130.87