Tipress
CANTONE
31.01.2019 - 11:040

Effetto casellario, negati 251 permessi

Dall’introduzione della misura sono state oggetto di accertamenti 579 domande. Soddisfatto il DI: «Casi sotto la lente in costante calo»

BELLINZONA - Sono 251 le occasioni in cui l’Ufficio della migrazione ha deciso di non rilasciare o revocare un permesso B o G tra il mese di aprile 2015, data in cui è stato introdotto l’obbligo di presentazione dell’estratto del casellario giudiziale, e il dicembre dello scorso anno. Lo rende noto oggi il Dipartimento delle istituzioni (DI), tracciando un bilancio pluriennale sull’efficacia della misura.

Dall’introduzione, le domande di rilascio esaminate sono state 95’020 e i permessi elaborati 94’441. La presenza di iscrizioni sui certificati penali presentati ha comportato maggiori approfondimenti per 579 domande (che rappresentano lo 0,6% del totale).

I casi sotto la lente - I provvedimenti in seguito adottati - prosegue il DI - sono stati di vario tipo e in 251 casi, considerata la gravità delle condanne subite dal richiedente, è stata emessa una decisione di non rilascio o di revoca del permesso. Degli altri 328 casi emersi, 219 sono stati evasi positivamente «in quanto non è stato riscontrato un pericolo per l’ordine pubblico», 66 richiedenti hanno rinunciato spontaneamente, 34 hanno ricevuto un ammonimento mentre 9 pratiche sono tuttora in corso di accertamenti.

«Non si può che prendere atto dei risultati positivi ottenuti» commenta il Dipartimento, sottolineando in particolare l’efficacia dell’effetto deterrente della misura. Il numero di casi che richiedono accertamenti è infatti in calo anno dopo anno: erano 216 nel 2016, 137 nel 2017 e sono stati 92 nel 2018.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-14 18:45:30 | 91.208.130.89